prima della prima volta

Hits: 4

Qualche sera fa ho cercato di ricordare la prima volta che l`ho preso nel culo. Sono un paio di giorni che ci penso ma proprio non lo ricordo. I ricordi si affastellano confusi alla memoria, e` passato troppo tempo, e mi pare che ci siano tante prime volte. Prima di un cazzo adulto mi aveva inculato il cazzo sottile e lungo di mio cugino Gino, ma prima di lui gia` diversi cazzi mi avevanop chiavato in bocca. Ma prima di succhiare un bel cazzo mia madre mi aveva piu` volte infilato un dito nel culo colla scusa di lavarmi bene negli angoli piu` nascosti. Si divertiva quando strizzavo le chiappette. Voglio fare un po` d`ordine e risalire alla mia prima volta. Chi mi legge deve avere la pazienza di seguirmi nei meandri della memoria alla ricerca del Big Bang originale. Ero ancora un bambino quando ricordo il dito di mia madre insaponato che mi ravanava nel forellino facendomi stringere le chiappe infastidito. Adesso non potrei giurarlo ma credo che per lei era eccitante a giudicare dallo sguardo assatanato e dalla risata nervosa che accompagnava la penetrazione. Ricordo la scenata che fece una sera quando si accorse che lo zio Ercole aveva tirato fuori un cazzo nodoso e mi aveva proposto di saggiarne il turgore prima di raggiungerla in camera da letto. Non era la prima volta che lo zio, non visto da mamma, mi mostrava l`arnese eretto prima di infilarlo dove la Natura ha creato nella femmina una cavita` adatta alla bisogna. Le prime volte abbassavo la testa vergognoso poi ci feci l`abitudine e per la curiosita` glielo strizzavo come mi suggeriva di fare per sentire un cazzo nel pieno del turgore. Era di ferro e soprattutto grosso, enorme. Una sera mamma lo vide mentre mi spingeva sotto il muso il cazzo che svettava e si mise a starnazzare intanto che si ritiravano in camera da letto. Le loro grida mi giunsero per un pezzo. Da quella volta lo zio ebbe poche occasioni per stare da solo con me ed ogni volta si limitava a dirmi a bassa voce che aveva un cazzo da campioni e che da li a poco lo avrebbe usato per portare serenita` a mia madre. In che modo proprio non lo sapevo. Passo` qualche anno collo zio che quasi ogni sera faceva compagnia a mamma e spesso appena dopo che era uscito Vittorio, lo storico amante. La poverina si divideva tra i due equamente e solo qualche anno piu` tardi si aggiunse Totonno per formare un trio di musicisti che le porgevano a turno il proprio strumento da suonare. C`erano ovviamente ancora altri strumenti che venivano suonati tra le zolle ed erano, oltre a quello del colono, gli strumenti dei braccianti che a turno, nascosti nel pagliaio o dietro mucchi di erba appena tagliata o dietro i covoni di grano facevano la fila per portare serenita` a mia madre, sempre cosi nervosa e sola. Era quella che si dice una vedova allegra. Pompinara istancabile, mi sa che mi ha trasmessa tale arte. Avro` avuto otto nove anni quando lo zio mi portava in campagna sul suo calesse trainato da un ronzino tutto spelacchiato. Un giorno mi propose di prendere le redini e guidarlo. Mi fece sedere sulle sue ginocchia ed io ero tutto preso dalla guida del paziente ronzino quando sentii sotto il culo qualcosa che ingrossava sempre piu`. Ad un certo punto abbassai gli occhi e vidi la grossa cappella violacea del cazzo dello zio che spuntava in mezzo alle cosce e mi guardava col buchino simile all`occhio di Polifemo. Portavo i calzoncini corti e lo zio si agito` perche` la pelle secca delle cosce impediva di giocare. – Stai attento alle redini e lasciami fare, ho tanta voglia di tua madre, ma non e` qui. Cosa c`entrasse mia madre non l`ho mai capito. Ogni volta che incontravamo un passante rinfoderava il cazzo per tirarlo di nuovo fuori appena eravamo soli. Arrivati in campagna legammo l`asino sotto una quercia e prima che sgambettasi per il campo all`inseguimento di qualche lucertola lo zio salito su un mucchio di fascine col cazzo che svettava fiero mi chiamo` a se e mi chiese di prenderlo in mano. Lo avevo gia` toccato parecchio tempo prima e ben ricordavo come scottasse e quanto fosse duro. Mi avvicinai fiducioso e notai che davvero era duro come un pezzo di legno e scottava. – Bacialo, fammi vedere se sei bravo come tua madre… Mi suggeri` di strizzare le palle mentre con l`altra mano afferravo l`asta e avvicinai le labbra alla capocchia paonazza. Mi prese per i capelli e spinse fino a che lo accolsi in bocca. Era lui che guidava il movimento e non badava che mi doleva la mascella. Il cazzo era troppo grosso. Per poco non soffocai quando uno schizzo di liquido salato mi annego` la gola. Tossendo e cogli occhi fuori dalle orbite scappai via e lui disse che avevo molto da imnparare. Si sedette su un mucchio di paglia e mi chiamo` a sedergli accanto. Mi insegno` a prendere delicatamente in bocca il cazzo ed a succhiarlo a leccarlo senza far sentire i denti sull`asta. Mi sborro` ancora in bocca quel giorno e parecchie altre volte che mi porto` con se in campagna. Alcune volte mi chiavo` anche in mezzo alle cosce ma mai lo zio mi ha inculato. Per questo preferiva mia madre. Quanto imparavo dallo zio lo trasmettevo ai miei cugini, Gino Giorgio e Pia. Gino aveva tre anni piu` di me e fu il primo in assoluto a penetrarmi nel culo con un cazzo. Anzi, a dire il vero, fui prima io ad inculare lui e siccome ritrassi l`attrezzo sporco preferii da quella volta prenderlo piuttosto che darlo. Dopo non molto lui comincio` a sborrare e furono litri di sperma quelli che allagarono il mio sfintere in alternativa a quello dei fratelli. Si ando` avanti cosi per qualche anno. Intanto Totonno era entrato a far parte del gruppetto ospite quasi fisso nel letto di mamma. Sborravo gia` come un ometto e passavo nella sua bottega gran parte del tempo libero. Nei mesi estivi, senza piu` la scuola, vi passavo intere giornate alla fine delle quali veniva a trovare mamma per appartarsi con lei in camera da letto. Ricordo i commenti che faceva alla pelle liscia delle mie cosce che gli ricordavano quelle di mamma. Infatti avevo la pelle leggermente abbronzata e le cosce piene e polpose. Me lo dicevano in parecchi e con alcuni amici facevamo a gara a chi avesse le cosce piu` belle. Totonno indossava un grembiule di cuoio ed un giorno notai lo sguardo acquoso mentre fissava con insistenza le mie cosce e ripeteva che gli ricordavano quelle di mamma. Il grembiule tremava ed intuii che si stava masturbando. Feci finta di niente ma la voglia di vedere l`attrezzo che avevo gia` spiato mentre lo infilava tra le cosce di mamma mi tormentava. Volevo vederlo da vicino e magari toccarlo. Ad un certo punto mi disse di chiudere a chiave la porta che aveva qualcosa da mostrarmi. Eseguii e mentre tornavo alla mia sedia spinse di lato il grembiule e mostro` un cazzo lungo e sottile che da vicino mi pareva enorme. – Guarda che roba, tua madre ne va pazza. E ne andava pazza si a sentire le grida che provenivano dalla camera ogni volta che vi si appartavano. – Toccalo, senti come e` duro. Lo zio mi aveva insegnato molto per cui presi in mano l`asta dura e calda e lo scapocchiai. Totonno chiuse gli occhi e chiamandomi col nome di mamma mi chiese di succhiarlo. E cosa potevo fare? Dovevo rifiutare un piacere ad un caro amico? Di cazzi ne avevo gia` succhiati ed ero curioso di capire cosa avesse di buono per attirare cosi mia madre. Non so cosa avesse di buono anche perche` non feci in tempo a dargli piu` di un paio di lappate che mi sborro` in faccia e mi impiastriccio` gli occhi. Col cazzo penzoloni mi aiuto` a ripulirmi quindi mi chiese di portarlo su di giri per mia madre. Mi misi d`impegno e colle mani e colla bocca dopo un po` il cazzo svetto` pronto per operare ancora. Avrei voluto vederlo schizzare ma lui mi fermo` perche` aveva promesso a mia madre di farle visita. A dire il vero mi sentivo importante essere in competizione con una donna del livello di mamma. Stranamente quando succhiavo un bel cazzo mi sentivo femmina dentro, mi sentivo come se avessi le ovaie, come se godessi dentro di me. E quando Totonno si rivolgeva a me come se parlasse a mia madre mi sentivo femmina e puttana e se mi avesse chiesto di piu` glielo avrei dato. Beh, era gia` da parecchio che mio cugino mi penetrava col suo cazzo sottile e lungo ma non mi bastava piu`, volevo un cazzo adulto, da uomini e quello di Totonno lo era. Eravamo a fine agosto e tra non molto si sarebbero aperte le scuole e con Totonno ci vedevamo ogni giorno ed i pompini non si contavano. Facevano parte della nostra complicita`. Ricordo vagamente la prima volta che mi penetro` e prima di raccontarlo voglio esaminare meglio il ricordo per descrivere nei minuti particolari il momento piu` bello della mia carriera di troia. A presto.

Commenti [24]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *