quella zia molto, molto particolare

Hits: 16

Conobbi la mia ex moglie che avevo venti anni appena e lei ventinove; là, in quel paesino del meridione, che a malapena conoscevo, dopo qualche mese lei , Agnes ( nome convenzionale) cominciò a portarmi in giro a conoscere le sue zie e zii, circa sette in tutto! Quella che però colpì la mia curiosità fu zì Erminia, la più giovane sorella della mia suocera. Subito risultò simpatica, aperta ed accomodante. Dai modi spicci e dalla parlata a dir poco colorita, inframmezzava le frasi con epiteti tipo “ quella zoccola” oppure “rotta in culo, ed ancora bocchinaria, si, non è un errore, proprio bocchinaria. Certo non dai primi momenti, ma man mano che la conoscenza si approfondiva, e le frequentazioni si susseguivano, ella si lanciava a ruota libera giù per turpiloqui che avrebbero fatto impallidire uno scaricatore di porto ( senza offese per la categoria, ma è solo un modo di dire colorito); per parte mia, abituato ai rigori dell’istituto religioso che da piccolo mi aveva accolto e formato, quel parlare mi seduceva introducendomi in aree della perversione del tutto sconosciute. A ciò si aggiunga che spesso le posture della cara zì Erminia, erano tali da lasciare intravedere ampie parti delle cosce bianchissime e senza alcun difetto, quando per esempio si sedeva sul basso scannellino in giardino, oppure se stava china, da dietro si vedevano le gambe fino alle mutandone candide e pulite, nonostante i suoi cinquantasette anni suonati, e la gamba sinistra che la costringeva a claudicare, in modo leggero, ma caratteristico; badava alla casa ed accudiva ad un orto di tutto rispetto. Disgraziatamente per lei, dopo qualche anno che ci conoscevamo, le morì zì Pietro, uomo mite e padre di famiglia irreprensibile, lavoratore e accorto. Il terremoto e le lungaggini burocratiche, non le avevano consentito di riparare la casa, che aveva subito qualche danno, ma non strutturale, per cui si decise a parlarne con me, che lavoravo da anni nell’edilizia. Ci accordammo affinché per economizzare il tutto avrei eseguito i lavori di sabato ( giorno che non lavoravo in cantiere) così la frequentazione divenne assidua e le confidenze più strette e senza tabù ( termine di cui zì Erminia ha sempre ignorata l’esistenza) . Un sabato di fine giugno, verso sera, terminato il lavoro di quel giorno mi invitò a farmi la doccia, là, nel giardino, in un angolo riparato, appositamente attrezzato. Ebbi la sensazione ( o la speranza ) di essere osservato, il solo pensiero mi pervase di eccitazione. E, nudo sotto il getto d’acqua mi agitavo, con il pene ritto e scappellato che batteva a destra ed a sinistra sui fianchi in quella danza dimostrativa. Non sapevo se avevo avuto spettatori o era stata solo una mia fantasia, mi asciugai, e rivestito, incontrai zì Erminia per salutarla, ella stava seduta sulla panca davanti alla cucina con la gamba sinistra distesa e le mani che la massaggiavano scorrendo su e giù per la coscia, con la gonna tirata meravigliosamente su, contemporaneamente turpiloquiva a distesa e senza freni.
N’ebbi sincera compassione e mi offrii di aiutarla, le chiesi se avesse una crema antinfiammatoria, e avutane conferma positiva la costrinsi ad alzarsi e l’accompagnai nella attigua camera a pianterreno, dove c’era un divano letto. Ella si distese carponi sul divano e sollevata la gonna cominciai a massaggiare la gamba florida e dalla pelle splendidamente liscia, la mie mani si muovevano in sincronia su e giù per la coscia di zì Erminia. Cominciai ad eccitarmi , e ciò mi induceva a salire sempre più in alto, fino a toccare ed urtare le chiappe e la figa della vecchia zia; stavo già allupato da paura con il cazzo duro che pulsava di vita propria, nel movimento, inavvertitamente, il mio cazzo duro venne in contatto con la sua gamba, poco sotto la curva del ginocchio mi discostai d’istinto, ma alla corsa successiva della mano destra quando questa urtò la fica , il suo bacino si inarcò all’indietro in un gesto di aperto invito; la vista mi si offuscò, il fuoco che partiva dai coglioni e saliva via via su per la schiena mi avvampò la testa, mi strofinai con vigore poggiato sulla coscia sotto di me, e la mia mano ispezionava la sua fica dopo aver discosto le mutande, ella ansimava e si offriva oscenamente, la mia mano che sgrillettava la sua fessura era impiastricciata insieme ai suoi peli di colore misto nero tendente al grigio e bianchi, intriso di umore appiccicoso e semitrasparente, dal sentore deciso, tipico del sesso delle femmine allupate. La tirai giù dal divano ponendola ginocchioni per terra, le aprii la fica ed introdussi il cazzo tosto e scappellato, dalla cui sommità gocciolava alcune lacrime lubrificanti. Il glande trasbordava dall’asta con uno spessore notevole, quasi una cappella di fungo, la penetrai con lentezza incontrando una resistenza inaspettata, ma graditissima, lei sbuffava ,soffiava e mi apostrofava con “ porco figlio di zoccola, fai piano, rotto in culo ecc…” ma alla fine glielo ficcai per bene tutto dentro, tenendola ferma per i fianchi la bloccai fermo per lunghi minuto, ella contorceva il culone grosso e spropositato che la natura le aveva dato in dono, avvertii le contrazioni ritmiche della vulva, poi interruppi il gioco e senza preavviso e di scatto lo tirai fuori, la fica gorgogliò e da lì scolava liquame, lo stesso di cui era intriso il mio cazzo, la zia urlo ed imprecò , le poggiai la cappella unta di sborra femminile davanti al buco del culo, esercitando solo una leggera pressione, lei sobbalzo e mi minacciò, sfidandomi a non farlo, riempiendomi di “ stronzo figlio di una cooperativa di froci” io le manganellavo il sedere e le chiappone enormi col cazzo a mò di clava, e quando decisi che si era asciugato per bene, puntai deciso alla fica e brutalmente la fiondai di botto, allo stesso tempo la figa schizzo sulle mie palle e fece anche un suono simile alle scorregge! La zia urlò e mugolò come una bestia battendo la testa di qua e di là e diceva “ stronzo ricchione sei un animale, porco schifoso!” adesso la chiavavo con ritmo regolare cercando il momento culminante, per ciò aveva sollevato una gamba puntellando sul bordo del divano, così riuscivo a spingere più a fondo dentro di lei, il glande era infiammato ed in preda all’orgasmo imminente, mi spinsi forte dentro afferrandola forte per i suoi fianchi, mentre la sborra correva veloce nel canale adducente non udii ciò che diceva la vecchia, ero perso, e sicuramente urlavo pure io ,come di solito faccio mentre fotto e sborro dentro una fessa. Restammo ancora così per diverso tempo, prima di estrarre dal suo corpo la verga semimoscia, il fiotto si sborra defluì dalla fica, sporcando il pavimento e l’interno delle sue cosce, si alzò e preso che ebbe uno straccio pulito, mi pulì il cazzo, ma continuava a palparlo e stringerlo, dopo si pulì la fica imprecando. Avevo avuto un rapporto da lungo tempo fantasticato e desiderato, adesso ero lì che mi vestivo, dopo aver appeso al carniere personale anche quella femmina, ma non avevo finito con lei . Tornando a casa in macchina, mi passavano per la mente le fasi che erano culminate con la chiavata di zì Erminia, chi l’avrebbe mai detto? Lo ammetto era stata una valanga di perversione pura , poterle sborrare tutto nella fica..

Commenti [57]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *