scambio a tutto tondo

Hits: 4

passato il confine francese, ci fermiamo al primo autogrill.
la torrida calura, pur se affievolita dal condizionamento della grossa monovolume americana, si fa sentire.
io vado alle pompe di benzina, mentre la mia troietta di moglie, si incammina per la solita pisciatina di rito.
parcheggio, entro al bar e cerco valeria. non la vedo, ma in un attimo,capisco dove sia. due italiani, non sapendo che anche lei è italiana, stanno facendo alcune valutazioni sul “pezzo di figa che è sceso in bagno”… effettivamente, capelli biondi raccolti, collo nudo , camicetta trasparente, niente reggiseno, un pantaloncino cortissimo di tela rossa talmente stretto che davanti puoi notare le 2 labbra della figa, belle carnose….ok! allora aspetto…sento altri italiani parlare. al telefono…la coppia, è molto agitata. lui chiede al figlio di attivarsi per raggiungerlo da cuneo, in quanto l’auto, ferma dal meccanico dell’area di servizio, pare irreparabile se non con tempi lunghi….lei, la signora morettina ed abbronzata, è molto tesa. mentre ordino i caffè, rimango ad origliare … e praticamente vengo a sapere dove volessero andare….
il loro problema , sono le migliaia di euro che costa la riparazione della vettura e quindi pensano di rientrare. arriva valeria, ci sediamo con la baguette, la coca cola e pranziamo. le parlo della coppia sfigata..e ci ridiamo su…..
passato il momento di relax, usciamo per ripartire. nel piazzale, all’ombra del cartellone di info viabilità vedo la signora di prima, seduta su un valigione, con attorno altre 2 borsoni. nel frattempo, arriva anche lui, con altri borsoni.
mi blocco. idea!! ..ne accenno a valeria, e lei concorde con me, si attiva.
raggiunge la signora, sudatissima ed in crisi, la saluta, si presenta e le racconta di avere sentito mentre telefonavano, il loro problema. il di lei marito le raggiunge a passo lesto, temendo forse in una di quelle rom che bazzicano nei piazzali pronte a derubarti. allora mi avvicino anche io….
ci si spiega, ci si presenta, e si cerca di capire come trovare una soluzione.
noi ci offriamo per dare loro un aiuto. un passaggio armi e bagagli, purchè se diretti verso le coste francesi e non verso l’italia. la donna, che si presenta come laura, vorrebbe rientrare. il marito, stefano, vorrebbe invece trovare una soluzione di ripiego, non potendo piu’ arrivare in tempo in spagna nell’albergo prenotato.
noi, andiamo a ****** sur mer, fino a lì, possiamo portarvi. l’auto, adatta al trasporto anche dei 2 nostri figli, è capiente ed anche le innumerevoli borse, ( c’è una donna coinvolta:-)) ci stanno tranquillamente. partiamo, oramai si farà tardi, e col cazzo che arriviamo a casa per sera. noi abbiamo una casetta in affitto tutti gli anni, da giugno a settembre, i proprietari, un tempo fornitori di prodotti per il mio lavoro, oggi in pensione, vanno in collina al fresco, ed affittano da anni, la loro casetta.
nel viaggiare, tra code di auto e caldo impressionante, ci si conosce un pochetto di piu’. valeria ha voluto sedersi dietro con laura in modo che si possa parlare di argomenti mirati per ogni coppia. e la cosa, funziona.
valeria che soffre molto il caldo, chiede se da fastidio a qualcuno se lei si levasse i calzoncini in quanto stretti e scomodi… assolutamente noooo, il grido che si alza dalla fila anteriore ,mentre ridendo sposto lo specchietto per guardarla.
i sedili in pelle, con un asciugamano sopra, ed una mutandina indossata.. certo si piu’ comodi e freschi. sosta al bar, e valeria come sempre ama fare, mette in opera il suo spettacolino. scende in perizoma, per vestirsi fuori dalla vettura. e laura, corre in suo aiuto coprendola con l’asciugamano.
tra le nostre ilari risate…. bagno, caffe, benzina!! il succhiabenza americano fa la propria parte, ma gli 8 cilindri, danno un piacere immenso…sosta pipì, caffè e carburante. poi via, verso la meta.
noi uomini instauriamo dibattiti politici, calcistici, di lavoro….solite schermaglie …. poi simultaneamente, ci rendiamo conto che da dietro, il silenzio assoluto regna sovrano…. stefano si volta, esclama un “ah!!” e mi tocca dentro…
Laura è inginocchiata davanti a Valeria, ed è intenta a leccarle la fighetta!!! l’enorme spazio del mezzo americano, i vetri scurissimi, agevolano il loro piacevole gioco. valeria è seduta sulla terza fila di sedili, gambe divaricate, piedi contro lo schienale del sedile centrale, laura con solo addosso il perizoma, la continua a leccare e ravanare con le mani. poi cerca, nel limite possibile, di mettersi a gattoni, ed il marino si gira sul sedile anteriore ed a sua volta, la masturba. io sono troppo impegnato a guidare ma sento i loro gridolini di goduria. le due troiette, sicuramente godono e vengono tra di loro….
trovo l’uscita autostradale, la statale allungherà il viaggio verso la meta, ma non importa!! trovo una viuzza di campagna, mi ci infilo, verso una piccola boscaglia. oramai, sono troppo eccitato. arrivo in un punto coperto, mi fermo. finalmente posso ammirare i colpi di lingua che sapientemente Laura porta alla fighetta di mia moglie. Stefano si è completamente denudato e si siede a fianco di mia moglie. a questo punto laura inizia a leccare entrambi.. passa dalla figa fradicia e spalancata di Valeria al cazzo turgido di suo marito, senza perdere un attimo..
la mia Valeria si prende cura del cazzo di Stefano. anzi no… prende a piene mani i suoi coglioni pieni e duri!! li accarezza sapientemente, mentre la di lui moglie sempre più freneticamente, passa i colpi di lingua di qua e di là!!
ad un certo punto Stefano abbassa lo schienale di Valeria, e si mette sopra di lei. la moglie imperterrita, lecca la figa e prende a succhiargli le palle…Valeria si spalanca, appoggiando bene i piedi sui sedili anteriori.io vedo la scena da dietro!! Valeria scende il piu’ possibile in basso dallo schienale, quasi sdraiandosi.. è spalancata ed inzuppata , un misto di saliva ed umore vaginale. poi vedo lui farsi spazio tra il corpo di sua moglie, sempre sotto, ed infilarsi tra le gambe della mia di moglie. la sua gli prende in mano il possente cazzo, e lo guida contro la vulva della mia… è talmente aperta e bagnata che il suo membro sguiscia dentro senza quasi volerlo.io che sono alle spalle di Stefano, assisto impotente all’oscillare di quel corpo sudato che con possenti colpi affonda la propria nerchia nelle viscere di Valeria…Laura provvede a tenerglielo contro ed a stimolarlo sui coglioni.. poi con un dito, si fa spazio nel suo sfintere… Stefano allarga le chiappe per prendere bene il dito e poi aumenta il ritmo delle mazzate in figa a valeria.
dalla mia posizione posso ammirare le grandi labbra che avvolgono il membro dell’ ospite. eccitante da morire. decido di scendere, ma i vetri nerissimi mi precludono ogni vista.. apro allora il portello laterale. e vedo la cosa che piu’ mi eccita al mondo!!
uno o piu’ cazzi che sfondano mia moglie, fiotti di sperma che la riempiono in tutti gli orifizi…dita che le stringono i capezzoli in modo forte fin da farla gemere in un misto di piacere e dolore ma….
la vista della lingua di stefano che entra ed esce dalla bocca di mia moglie..la lingua di lei che lo lecca e poi penetra profondamente nelle sue labbra….
ecco!! non sono i cazzi, le mani che adoro addosso a mia moglie e che mi danno piacere, mai come quel limonare, quel profondo baciarsi che mi umilia, mi fa sentire tradito ..un legame di lingua e saliva che da la voglia estrema di essere cornuto e di vedere la mia troia gemere e godere sotto o sopra i corpi di altri uomini..
Laura sta infilando un dito in culo a mia moglie, quando valeria, viene…Laura cerca di infilarsi sotto per leccare ma non arriva bene, nel mentre anche stefano , emette un verso pieno di piacere…poi, dalla figa di valeria, ad ogni affondo della nerchia di stefano, escono spruzzi di sperma… e Laura, si prodiga per arrivare a leccare….
Valeria si accorge della mia presenza… mi accarezza il capo, gli occhi semichiusi, un viso ancora in rilassamento dopo una goduriosa scopata, e quel sorrisino che sugella il limite del piacere da lei raggiunto…Laura si è seduta e mi chiama a se. stavolta è lei che si sdraia e divarica le gambe appoggiandosi agli schienali. mi sorride, si accarezza la fregna e mi invita ad entrare….le sue mutandine, le aprono le labbra.. le strappo via con un colpo secco e infilo il mio cazzo dentro la sua vulva gonfia….. ma sono troppo su di giri, e due minuti dopo, svuoto le mie palle dentro di lei.. mi fermo, la osservo ..lei mi prende per le natiche e mi sprona a venirle dentro.
chissà se anche loro amano il rischio che voglio provare anche io ogni qualvolta lascio che riempano la figa di Valeria, senza preservativo, senza alcuna pillola o precauzione… fantastico il piacere che provo a pensare che possano mettermela incinta…invece laura mi dirà poi che non potrà mai avere figli a causa di un aborto mal gestito in età giovanile….
ci si pulisce, ci si rassetta un pochetto e poi, riprendiamo il viaggio. manca poco a casa. se rimanevo in autostrada, sarebbero state 2 uscite e poi il casello a breve distanza dalla nostra meta….passiamo davanti ad un minimarket ed approfittiamo del loro bagno .. le 2 cagne, tutte trasandate nei vestiario, lasciano bene intendere cosa sia loro successo… del resto, vedere una donna che entra in un negozio quasi nuda, ed un’altra che si tiene la mano sotto l’abitino sgualcito, a ripararsi la pisella… e Laura, che esce per prima dalla toilette, si incammina nelle corsie, e poco dopo arriva con un perizoma in mano… me lo sventola sotto il naso….!!
poi, stacca il cartellino, lo pone al cassiere, si alza il miniabito e si infila addosso la mutandina.
il giovane cassiere francese, rimane ammutolito. ha potuto ammirare un splendida figa rasata, gonfia e carnosa, di un rosa scuro a causa della guerra appena combattuta….
un frugale pasto e via.. ci hanno confermato i 50 km dalla destinazione, e noi abbiamo lasciato l’indirizzo come invito per il ragazzo alla cassa, con pero’ l’obbligo di presentarsi con qualche coppia di amici.. chissà mai che vengano a trovarci…
si viaggia senza parlare troppo…il buio ormai è sceso.. siamo stanchi del viaggio , del caldo e del sesso praticato a mò di ragazzini, avendo noi superato gli “anta” da parecchio, oramai…
le donne sonnecchiano… noi uomini ascoltiamo quel piagnisteo di musica francese… un a lagna che ci induce a cercare un cd dei led zeppelin!!
arriviamo finalmente a casa. il vialetto si illumina al passaggio della vettura, e parcheggiamo di fronte alla siepe che delimita la piscina. il chiassoso e trionfale ingresso, essendo ancora relativamente presto, induce i vicini, sempre diversi ogni anno, ad uscire e guardare chi arriva..
in affitto a fianco a noi, una attempata coppia di tedeschi con la loro graziosa figliola ed un cagnolino.. eppure sono sicuro che nelle note dell’affitto delle villette, gli animali sono esclusi!!! altri dirimpettai, tutti amici fra di loro , hanno figli piccoli…speriamo che ci vada bene come la scorsa estate, quella che raccontero’ in un’altra storia…
stabiliamo di scaricare quasi nulla.. solo il cibo e le borse con intimi ed eventuali pigiami…le donne frugano in valige e borse, noi uomini riempiamo il frigo..
uno alla volta, ci avviamo a fare una salutare doccia. nessuna voglia di televisione, solo di aria fresca che entra dalla finestra raffrescando i locali. una sigaretta e poi via a dormire.. sentiamo le donne discutere ridendo tra loro.
poi ci chiamano… e ci chiedono di scegliere ogniuno la propria camera.
io studio al volo la situazione, e conoscendo già la casa, scelgo la stanza che ha le finestre che danno sul boschetto antistante la casa.
ma solo ora capisco il gioco delle due puttanelle!!
valeria, sapendo che io avrei scelto anche questa volta quel locale, ha scelto apposta l’altro. quindi, trovandoci in disaccordo tra noi, le cagnette in calore l’hanno pensata bene, andremo a letto in coppie spaiate dato che laura ha scelto a sua volta la mia stessa camera.
l’accordo prevede che tra di loro si scambino anche le camicette da notte e gli intimi da notte….
cosi’ anche per noi, ma noi dormivamo in maglietta e mutanda…
accetto volentieri questa variazione sul tema coniugale, ma sia io che stefano alziamo bandiera bianca per la notte “caliente” che pare abbiano in mente le due cagnette.
ed in effetti, la notte pare prenda questa piega “riposante”… fino al momento che valeria, chiedendo scusa a laura per potere entrare nel nostro bagno, rovista tra i vari beauty-case e prende il flaconcino di lubrificante.
poi, spavalda e saltellante, mi si avvicina e me lo mette sotto il naso!! entra allora in scena laura che dice di non volere accettare questa arresa incondizionata..valeria le indica il beauty-case ed anche laura si appropria di creme ed oli vari.
poi confabulano tra di loro….
stanotte vogliono essere inculate dai rispettivi amanti, nello stesso momento,in stanze separate ma attigue, per poter sentire il piacere di ogniuno….
io che conosco bene mia moglie, so che quando organizza la serata a base di sesso anale, cosa che adora in modo particolare, comincia a fremere per anticipare i tempi…
stefano è sulla porta della mia camera. valeria lo raggiunge, mi chiama e gli mette la lingua in bocca. poi lo prende per mano e lo tira a se, incamminadosi verso la loro alcova.
laura a sua volta ,mi richiama all’ordine… mi denudo, e mi sdraio sul letto.
laura, ha un seno stupendo. le tette tonde e sode, i capezzoli sempre turgidi, che guardano in su.. le lecco i capezzoli, lei inizia a masturbarmi il cazzo mentre a sua volta si sgrilletta la fighetta.
ma il mio pensiero è rivolto altrove. un altrove neanche troppo lontano. tra leccate, palpate e dita infilate a lei ed a me, passa una buona oretta.
ogni tanto, ho udito dei sommessi urletti…
sono in una fase strana. ho voglia di fottere questa troia in calore, ma nel contempo ho voglia di subire l’umiliazione di essere presente mentre mia moglie si fa scopare da un amante!!
dico alora a laura di andare a spiare i nostri rispettivi coniugi… ho inteso che anche lei è curiosa…mi confida poi che trova il suo stefano diverso dal solito.. lo trova “rapito” da valeria, tanto che lei stessa si è autoconvinta ad esagerare per dimostrare al proprio marito che quello che cerca, lo trova anche tra le lenzuola di casa.
ci avviciniamo di soppiatto.
la porta, lasciata volutamnete aperta, ci agevola… ma i due amanti sono talmente coinvolti che realmente, non si accorgono degli spettatori.
leluci soffuse lasciano intravedere lo stautario corpo di valeria, in ginsul letto. mi godo la scena osservandoli amo di ombre cinesi riflessi sul muro.
lei in ginocchiop. la luce riflette i seni rotondi ed anche la sagoma dei suoi capezzoli sul muro. lui è appoggiato di schiena al muro e pone il cazzo tra le labbra valeria.
solo ora si accorgono di noi…. valeria indietreggia, e stende le braccia sul letto, accovacciandosi. spalanca le gambe ed inarca la schiena.. stefano armeggia con il barattolo di lubrificante, poi a piena mano, si avvicina al sedere di valeria, che mostra piacere nel sentirsi palpeggiata ed unta a dovere…
poi lei si gira a bordo letto, la sua ginnica capacità la porta a sdriarsi, raccogliere le gambe mettendo in vista la sua spalancata passera ed il buco del culo tutto unto a dovere.
lui si avvicina. ha il cazzo in mano. rivedo le dimensioni!! niente male. ci credo che valeria sia rapita da stefano, non molti dei suoi amanti hanno un arnese del genere.
lei raccoglie le gambe con le braccia,e si arrotola su se stessa.stefano le si appoggia con le gambe contro le cosce. poi inizia a giocherellare con il glande contro lo sfintere di valeria che a sua volta spinge in fuori, per dilatarsi….
la preparazione dura qualche minuto.lui la aiuta tenendole su le gambe, e lei si rilassa spingendo sempre piu’ in fuori lo sfintere. stefano si unge bene la possente cappella….intanto la lavora con le dita. prima un dito la penetra, poi diventano due ed infine, la penetra con tre dita.con l’altra mnao appoggia la nerchia unta. colpetti leggeri, lei spinge in fuori, si dilata…. poi lui, deciso ma dolce, si infila in quel buchino!!! valeria geme…una serie di gridolini misit a piacere e dolore. lui spruzza ancora olio. oramai affonda nelle viscere di valeria.profondamante.
arriva ad appoggiare le palle alle chiappe di valeria, entrando con gli oltre 20 cm di cazzo nerboruto. poi estrae completamente l’arnese , ributtandolo dentro senza troppi riguardi.valeria passa dalla sofferenza, ad un piacere sfrenato. lui inizia a scoparle il culo a ritmo sempre piu’ veloce, aggiungendo ogni tanto del lubrificante…
la sento urlare di paicere!! la mia cagna, inculata a sangue e gode. non la pensavo così troia. valeria allunga la mano verso me..
mi chiama, ma i colpi di cazzo che la penetrano non la fanno parlare… mi avvicino .la mano nella mano e vado a baciarla.
ha il volto mavido di sudore. tutto il corpo è sudore estremo.non m riesco a baciarla a causa dei sempre piu’ violenti colpi che stefano le infligge.
poi si ferma, estrae il cazzo, mostrandomi lo sfintere dilaniato. valeria spruzza del liquido e dell’aria, lui riprende a stantuffarla violentemente.
laura si mette a spompinarmi con veemenza, infilandomi un dito in culo, andando in profondità.
poi sento valeria urlare goiosamente !! sta venendo .io le vado sotto .
nel mentre, anche stefano le viene dentro. le inonda il buco del culo senza fermarsi.
gocce di sborra sporca le escono dal culo. in effetti non si era preparata analmente con i clisteri….
in questo momento ,io vengo in bocca alaura che avidamente mi succhia tutto il nettare, spremendomi i coglioni…mi avvicino sempre di piu’
il rituale è pronto!! a colpi di lingua mi appresto a ripulire i buchi sfatti e pieni della mia donna…a colpi di lingua,mi appresto a ripulire quel bel cazzo che ha fatto godere mia moglie. stefano lo estrae e me lo pone in bocca.
lo lcco tutto. il glande..poi scendo lungo quella lunga asta, sentendo quella vena rigonfia….
lo ingioio di colpo.e lui, non ancora svuotato,mi schizza lo sperma direttamente in gola.provo un piacere immenso nel sentire gli spruzzi che poco prima hanno riempito il culo e soprattutto la mente di mia moglie….
devo sputare! il liquido non è pulito e mi da nausea. esco dal groviglio di corpi, e trovo un fazzoletto dove sputare. mi ripropongo nel letto.stefano in ginocchio, valeria che lecca i suoi coglioni ed il suo buco del culo, aprendolo con la lingua. infine laura che lecca la figa ed il culo di valeria. mi metto pure io in ginocchio pensando che una delle due puttane venga a pulirmi il cazzo. invece no!! poi valeria, mi prende un fianco..sono a fianco di stefano che mi guarda e sorride. io gli sorrido…valeria adora quando la ripulisco dagli umori suoi dei suoi amanti..sa che mi piae essere sottomesso a loro tanto da farmi sodomizzare mentre bacio lei, ma con l’altro braccio pinge il fianco di stefano verso me.. siamo in penombra..testa contro testa…
nno capisco ..o forse si… mi giro,lo guardo.. e ci baciamo di lingua io e lui…. mia moglie lo sta spompinando,sua moglie mi sta spompinando, ma l’erezione che sento al mio cazzo è dovuta a stefano che mi sta baciando come prima baciava quella troia di mia moglie…

Commenti [15]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *