solo un gioco

Hits: 8

“Vieni, leccagliela per bene.”
Gabriel tirò un sonoro schiaffo sulla coscia di Aurora, che spalancò le gambe.
Prese per i capelli Samantha, guidandole il viso verso l’intimità dell’amica.
Samantha non l’aveva mai fatto, e un presentimento l’avvertì che forse quella sarebbe stata la serata sbagliata per spingersi così oltre con Aurora, ma l’alcol che aveva in circolo non fu d’accordo con le sue supposizioni.
“Dài, muoviti. Voglio venire guardandoti.”
Gabriel avvicinò ancora di più la testa di Samantha ad Aurora, e con l’altra mano incominciò ad accarezzarsi il membro, già duro e pulsante.
Samantha afferrò le cosce dell’amica e senza pensarci su ulteriormente incominciò a passare la punta della lingua sulla sua fessura, inumidendola ancora di più di quanto già fosse. Le prese il clitoride tra le labbra e disegnò dei piccoli cerchi con la lingua, che fecero gemere Aurora di piacere.
La ragazza afferrò con prepotenza la testa di Samantha e la schiacciò contro la sua intimità, incitandola a continuare.
Samantha le affondò le unghie nell’interno coscia, chiuse gli occhi e continuò a darle piacere, facendosi trasportare dal sapore dell’amica.
Si focalizzò su ogni suo movimento, sulla sua lingua che continuava a vagare alla ricerca dei punti che le avrebbero dato piacere. Si concentrò sui gemiti di Aurora e sui primi suoi sussulti, che si sarebbero trasformati in spasmi, che l’avrebbero fatta esplodere in un orgasmo stremante. Samantha, no. Non avrebbe voluto dimenticare nemmeno un attimo di quel momento.
Gabriel continuò a menarsi il cazzo con nonchalance, mentre osservava quello spettacolo davanti ai suoi occhi.
Samantha infilò due dita dentro di Aurora, e bastarono pochi movimenti che Aurora venne gemendo con forza. I suoi liquidi uscirono a fiotti e bagnarono il divanetto su cui i tre ragazzi consumarono il loro threesome.
“Apri la bocca, piccola. Non hai idea di quanta roba ho qui per te.” Le dita di Gabriel girarono il mento di Samantha verso di lui. La ragazza spalancò le labbra e la sua bocca venne inondata dal seme caldo di Gabriel, che grugnì.
Aurora si lasciò cadere sul divano, stremata dall’orgasmo. Gabriel si versò l’ennesimo dito di whiskey nel bicchiere, per poi ingurgitarlo tutto d’un soffio come una medicina amara.
“Ahhhh.” Si dissetò lui. “Adesso facciamo godere un po’ questa troietta.”
Afferrò Aurora per i fianchi e la girò a novanta gradi.
“Uhm, cosa facciamo di bello adesso?” Chiese Samantha, curiosa di sapere quale altro trattamento avrebbe potuto riservare ad Aurora.
Gabriel le lanciò una bottiglietta di lubrificante.
“Inumidiscile il buco del culo. Voglio sfondarglielo mentre lei ti penetra con le dita.”
Le fantasie di Gabriel portarono il suo membro ad ingrandirsi nuovamente, pronto per esplorare Aurora.
“Cosa vuoi che ti faccia, piccola?” Sussurrò all’orecchio di Aurora.
“V-voglio che…Voglio essere sbattuta. Da te.” Gli bisbigliò lei.
“Che cazzo hai detto? Fallo sentire anche alla tua amichetta.” Gabriel appoggiò il suo membro nudo e in tiro sul fondoschiena di Aurora, che rabbrividì.
“Voglio essere fottuta nel culo. Forte, molto forte!” Gridò lei, la voce impastata dall’alcol.
Samantha rise fragorosamente e incominciò a spalmare il lubrificante. Aurora soffocò un gemito, quando Samantha si introdusse furtivamente nella sua stretta apertura con le dita.
Samantha non sapeva se ciò che stesse facendo fosse giusto, o sbagliato. Non le piaceva, né le faceva schifo.
Lei sapeva solo una cosa: amava Aurora, come la sua vita. Dovunque volesse andare Aurora, lei l’avrebbe seguita. A costo di rischiare la vita e di finire a casa con sconosciuti rimorchiati la sera stessa al locale scambisti che frequentavano sporadicamente.
Gabriel incominciò ad esercitare una forte spinta nel didietro di Aurora, che gridò dal dolore.
Un altro paio di spinte, e Gabriel fu dentro di lei completamente. La prese per i fianchi e incominciò a fotterla, saziandosi del suo corpo e delle sue grida di piacere.
Samantha spalancò le cosce in modo che Aurora potesse raggiungere la sua fessura, già bagnata per lei e per accogliere le sue dita.
Samantha si abbandonò alla sensazione di piacere intenso che le stava regalando Aurora.
Samantha venne, sotto la stimolazione dei suoi punti più sensibili da parte dell’amica.
Gabriel uscì dal corpo di Aurora all’improvviso, senza finire il rapporto.
Si osservò il membro, che ritornò flaccido.
“Andatevene, basta. Io non so chi cazzo siete, mi fate paura.” Si infilò mutande e pantaloni.
Samantha ed Aurora si guardarono, basite.
“Che cazzo fai, sei impazzito?” Chiese Aurora, coprendosi il seno nudo.
“No, andiamo. Vi accompagno all’auto.”
Da quel momento, non si fece più vedere e Samantha continuò a chiedersi quale fosse il suo problema.
Samantha guidava, con Aurora al fianco. Quella fu la terza notte di fila in cui non tornavano a casa, infilandosi nel letto di qualche sconosciuto per fare sesso a tre, a quattro.
Delle due era la più sana, ma l’alcol in corpo non le permise di guidare con parsimonia e sicurezza. Si distrasse in continuazione, sbagliò le precedenze e rischiò un incidente perché percorse una rotonda a velocità sostenuta.
La sua testa navigava tra milioni di pensieri, che avevano tutti lo stesso nome.
Aurora
Alternò momenti di riflessione a…
…Momenti in cui avrebbe preferito che la realtà fosse un’altra, perché a volte è più semplice accettare l’omosessualità, piuttosto che ammettere a sé stessi di essere bisessuali.
Bisessualità tale che promiscuità, indecisione, immaturità, incapacità di scegliere.

Avrebbe dovuto parlarle. Sentiva il bisogno di dirle qualcosa, perché le voleva bene e non voleva rovinare l’amicizia che aveva costruito con fatica insieme a lei, mattoncino dopo mattoncino, ma sapeva anche che l’avrebbe baciata ancora mille e mille volte.

Samantha si fermò in tangenziale, accostando l’auto sul lato destro.
Scoppiò in lacrime ed accasciò la testa sul clacson, che suonò facendo sussultare Aurora.
“Amo, che succede?” Chiese lei, accarezzando dolcemente il braccio di Samantha.
Lei la scostò con prepotenza. “Dobbiamo smetterla, adesso basta. Stanotte è stata così, ma ora stop.” Disse tra i singhiozzi.
Aurora aggrottò la fronte. “Smetterla di fare cosa?”
“Tutto questo. Questa non è amicizia, io non voglio rovinare ciò che c’è tra noi. Io non voglio perderti!” Gridò Samantha in lacrime, asciugandosi gli occhi bagnati con la manica della giacca.
Aurora sembrò non comprendere la preoccupazione dell’amica; solo si accasciò sul suo corpo e le baciò il collo, salendo con le labbra sotto l’incavo del suo orecchio.
“Non mi perdi, te lo giuro.” Le sussurrò.
Samantha cercò di concentrarsi sulla guida e riuscì ad accompagnare Aurora sotto casa.
“Ti piacciono le donne?” Chiese Aurora, secca, mentre si slacciava la cintura di sicurezza.
Samantha deglutì e avvertì una vampata di calore in volto.
“Mh. No, solitamente non mi piacciono…” Recuperò saliva.
“…Mi piacciono le ragazze come te!” Affermò poi Samantha, contenta di aver trovato la risposta giusta.
Aurora la guardò sorridendo con occhi pesanti e fin troppo alcol nel sangue.
“E anche a me piacciono le ragazze come te!”
Restarono sui loro sedili a guardarsi, senza parole. Il chiaro di luna si riflesse sui vetri dell’auto, illuminando lo sguardo di Samantha oscurato dai dubbi che le stritolavano la gola.
Rimase nuovamente intasata nel traffico delle sue paranoie, mentre osservava Aurora incamminarsi barcollando verso casa.
Una volta ripresa coscienza, Aurora e Samantha non si sentirono per una settimana. Samantha le scrisse più volte, ottenendo risposte gelide e schiette come una lama nello stomaco.
Quando si incontrarono il sabato successivo, Aurora non spiaccicò una parola fino a quando nel suo sangue non ci fu abbastanza vodka da permetterle di lasciarsi andare.
Samantha beveva, occasionalmente faceva uso di sostanze, ma il coraggio di affrontare chi avesse davanti lo aveva a prescindere da ciò di cui si imbottiva.
“Senti, chiariamoci. Io non mi ricordo niente di quello che è successo sabato scorso.” Sbottò lei, accendendosi una sigaretta.
Samantha sbiancò, sentendo un pizzicorino farsi largo nel suo apparato lacrimale.
“Non è possibile. Non poi essere stata così ubriaca da non ricordare nulla.” Cercò di mantenere la calma, ma i suoi occhi si riempirono di lacrime.
“Non ti ricordi nemmeno di ciò che abbiamo parlato in auto? Di quando mi sono fermata in autostrada, di come mi hai guardata negli occhi dicendomi che non ti avrei persa?” Samantha liberò le lacrime: si trovò faccia a faccia con quella che il professor Meloni, docente di letteratura, chiamava “Negazione dell’esistenza.”

Ciaf!
Uno schiaffo rabbioso colpì il volto di Aurora, che sobbalzò e si portò le mani alla guancia dolorante.
“Sei impazzita?” Gridò lei.
“Svegliati, cazzo. Mi hai scopata, ti ho scopata nel letto di uno sconosciuto. In tangenziale ti ho confessato che provo qualcosa per te e tu mi hai detto lo stesso. Sono stata giorni aspettando un tuo messaggio, ma la verità è che senza questa…” Samantha indicò la bottiglia di vodka che Aurora teneva in mano. “…Tu non vai da nessuna parte. Sei un’altra persona, non sei capace di esprimere i tuoi sentimenti. Mi sento presa per il culo, mi tratti come una fottuta estranea!”
Samantha sbraitò, le lacrime salate a corroderle le guance, il viso rosso di rabbia vera.
Aurora posò la bottiglia a terra.
“Io ti amo, ma ti odio.”
Samantha si asciugò le lacrime.
“E io ti amo e basta.”

Commenti [54]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *