sottomessa per amore

Hits: 7

Sono nata tre anni fa, in pratica. Da quando ho conosciuto Roberto. Io ho quarant’anni e lui settanta. Un uomo di classe, bellissimo e molto sensuale che, nella sua vita, ha avuto moltissime donne. Ci siamo conosciuti in un albergo al mare; abbiamo subito stretto amicizia e cominciato a parlare di tutto. Poi, una sera, mi ha invitata a cena e gli argomenti affrontati si sono fatti un bel po’ più intimi. Ha iniziato a chiedermi delle mie esperienze sentimentali per poi passare a parlare di sesso. Ovviamente la cosa ha eccitato entrambi e, dopo cena, siamo andati nella sua stanza a scopare. Ma non fu una scopata come le altre. Ci sapeva davvero fare. Innanzi tutto prese a comandarmi e piacevolmente scoprii quanto fosse eccitante farsi comandare. Docile, quindi, mi abbandonai a tutte le sue fantasie. Mi fece spogliare e mi disse di aprire le tende, in modo che dalla terrazza del ristorante tutti potessero vedermi. Quindi mi si accostò da dietro e prese a massaggiarmi i seni, torturando i capezzoli con pizzichi che arrivavano a farmi gemere di dolore. Mi toccò la passera, infine e mi disse che mi avrebbe spaccato il culo. Gli chiesi di non farlo, perché temevo mi avrebbe fatto male: sarebbe stata la prima volta, per me. Ma lui rise e si eccitò ancora di più all’idea che il mio buchino era vergine. Mi disse di andare in bagno a prendere la crema solare sul lavandino e di mettermene un po’ nel culo. Così feci e tornai subito da lui che, senza mezzi termini, mi poggiò la cappella sul buco del culo e prese a forzarlo. Sentii qualcosa che si strappava e provai un dolore acuto.
“Non ti preoccupare, su. Vedrai che poi ti piacerà tantissimo. Non irrigidirti” e mi mollò un paio di schiaffoni sul culo. “Ti ho detto di non irrigidirti. Respira. Forza. Respira …”
Respirai a fatica. Aveva smesso di spingere. Riuscii a rilassare il buco. Lui mi sentì più morbida e disse:
“Brava, così mi piaci. Devi fare sempre quello che ti dico. Adesso godi” e nemmeno finì di dirlo che mi penetrò con un colpo solo che mi fece quasi svenire dal dolore. Mi si piegarono le gambe, ma lui mi mollò altri schiaffoni sul culo rimproverandomi di fare la tragica. Poi mi attaccò ai capezzoli due mollette metalliche che mi fecero urlare di dolore. Ignorò la mia implorazione di togliermele e mi stantuffò a dovere, finché non mi riempì il culo di sbora calda. Quando uscì mi lasciò per terra dolorante e si andò a fare la doccia. Finita la doccia venne da me e disse:
“Sei ancora qui? Dai, su, non fare tragedie. Lo so che è piaciuto pure a te. Ti è piaciuto?
“Sì”
“Hai goduto, troia?”
“N-no …” osai dire, pensando che la verità sarebbe stata apprezzata. Del resto era andata proprio così: mi era piaciuto quel trattamento, ma non ero riuscita a godere a causa del troppo dolore.
Mi mollò un ceffone sul viso da farmi rivoltare la testa e strattonò le mollette che avevo ancora sui capezzoli, strappandole via.
“Sei una puttana inutile se non godi. Ti do un’altra possibilità domani sera. Ceniamo giù, ma offri tu. Poi veniamo qui e ti scopo di nuovo. Se non godi smetto di frequentarti. Ora togliti dal cazzo e va’ in camera tua che ho sonno. Se sei ancora eccitata fatti ingroppare da un cameriere. Io più di una non posso farmene, alla mia età”
Me ne andai in camera dolorante e triste, ma intenzionata a darmi ancora a lui, la sera successiva.
Fu così che offrii la cena (lui ordinò ostriche e champagne) e tornai nella sua camera. Durante la cena era sfrontato. Aveva voluto che indossassi le mollette strizza-capezzoli sotto al vestito trasparente e tutti potevano vedere che ero eccitata e torturata, in quel momento. Poi non faceva che sfiorarmi le cosce, i seni e la fica con ogni scusa davanti ai camerieri che mi guardavano libidinosi.
“Sei proprio una gran troia” mi ripeteva.
In ascensore mi fece togliere la gonna e le mutandine, facendomi rimanere solo con la casacca lunga che fungeva da mini abito. Quando entrarono una coppia di coniugi di una certa età lui li salutò con educazione e poco dopo lasciò cadere il suo accendino obbligandomi a raccoglierlo, così che quei due potessero vedere che ero senza mutande. L’uomo sorrise voglioso, la donna si scandalizzò e mi guardò con aria di disgusto. Quando raggiungemmo la stanza era già molto eccitato e mi disse di inginocchiarmi a succhiarglielo ancora prima di chiudere la porta, così che mi videro anche altre persone che stavano passando. Poi mi fece sdraiare nuda sul letto a gambe larghe, mi mise un’altra di quelle mollette terribili sul clitoride e strinse fino a farmi quasi svenire dal dolore; poi telefonò al bar per ordinare da bere. Quando arrivò il cameriere gli fece poggiare la bottiglia sul tavolo lasciando che mi vedesse in quella posizione. Naturalmente mi sentivo umiliata, ma anche molto eccitata. Scopammo nuovamente con vigore e nuovamente mi ruppe il culo, solo che questa volta venni anche io. Fu contento della mia performance, ma non mi lasciò comunque dormire con lui. Tornai, quindi, nella mia stanza. Ero molto triste. Perché rifiutava di dividere il suo letto con me? Io mi stavo innamorando, mentre lui sembrava non volerne sapere di me. Mi aveva detto di non volersi più unire a nessuna donna seriamente, ma la cosa non mi faceva piacere.
Il giorno dopo mi evitò. E così il giorno ancora dopo. Fu allora che andai da lui per parlargli e lui mi disse di non avere niente da dirmi.
“Sei solo una mignottella da strapazzo. Ti ho inculato un paio di volte. Adesso che vuoi da me? Non vorrai mica rompermi il cazzo con una frequentazione, una storia. Io sono uno spirito libero. Se ti sta bene, posso darti il cazzo ogni tanto. Se no vattene pure a fare in culo altrove”
Ero molto umiliata e decisamente arrabbiata, ma, sorprendendo per prima me stessa, acconsentii di avere una storia con lui alle sue condizioni. Mi accorsi che mi attizzava come mai nessun’altro. Mi disse che l’indomani mi avrebbe scopata di nuovo e così fece, ma solo dopo avermi fatto scopare da uno stallone nicaraguense che faceva il cameriere nell’hotel e che lui aveva ampiamente foraggiato con una lauta somma. Lo stallone mi stantuffò nella fica e nel culo e, mentre lo faceva, insisteva a dirgli che lo stava facendo solo per soldi perché avevo dei buchi così slargati da fare schifo.
Lui rideva di me, mentre io, col cazzo dello stallone che passava dalla mia fica al mio culo, lo spampinavo a dovere. Quando ormai stava per venire, ordinò allo stallone di togliersi di mezzo e mi forzò il culo fino a riempirmelo di sbora, mentre lo stallone si masturbava sulla mia faccia. Andato via il cameriere mi mandò via con tutto lo sboro in faccia, senza darmi nemmeno la possibilità di lavarmi, dicendo che ero una troia schifosa e che non voleva gli sporcassi il bagno. Quando arrivai nella mia stanza, incontrai la vicina che mi guardò con un sorriso altezzoso. Mi accorsi, il giorno seguente, che era una delle donne che Roberto stava puntando e corteggiando.
Il giorno seguente, infatti, lo vidi che faceva colazione con lei. A differenza delle colazioni con me, con lei era gentile, galante, premuroso e molto generoso. Sorrideva e sembrava innamorato. Mi ingelosii molto. Li vidi andare insieme in barca, tornare, cenare insieme e ballare nel piano bar dell’hotel. Lui la notte non si fece sentire. Al culmine dell’umiliazione andai da lui, ma prima di bussare sentii una donna gemere di piacere e la sua voce che le diceva:
“Sei fantastica. Lo sai che quella non conta niente. L’ho fatto solo per ingelosirti, per convincerti a tornare con me. Ti ho seguita fin qui. Non ti basta come prova d’amore? Ti voglio scopare tutta la vita, amore mio. Sposami, ti prego e questo bel cazzo sarà tuo senza altre distrazioni”
Mi sentii la testa che girava e la nausea: mi aveva usata, mi aveva scopata solo per far ingelosire un’altra donna, che, invece, amava e stimava.
Il giorno dopo lo affrontai e lui mi prese per un braccio, mi trascinò dentro la sua camera e mi spiegò che era finita, che non dovevo più importunarlo e che amava quella donna. In un attimo di follia gli dissi che avrei accettato tutto pur di continuare a farmi sbattere da lui; avrei accettato anche di condividerlo con l’altra donna. Un lampo gli si accese negli occhi. Telefonò all’altra.
“Elena, tesoro, ho qui in camera quella sgualdrinella. No, no, amore, non ti incazzare. Non l’ho invitata io. E’ venuta lei” Poi, rivolgendosi a me, disse “Vero?” e mi costrinse a rispondere affermativamente ad alta voce.
“Stavo pensando” riprese a dire al telefono “a quella nostra fantasia … Ricordi? Esatto, bambina mia. Vogliamo farlo? Ok. Ok, tesoro. Ti aspetto”
Poco dopo venne questa Elena e mi disse di spogliarmi nuda. Guardai Roberto che con gli occhi mi costrinse a farlo e lo feci. Lei mi accarezzò la fica:
“E così è qui dentro che hai infilato il cazzo nelle ultime sere, eh?”
“Non solo lì, a dire il vero”
“Ma bravo! E così ti sei fatto anche il suo culo. Dovrei mollarti per questo”
“No, amore. No. Facciamo così. Da adesso decidi tu”
“Va bene. Se è così, voglio che te la scopi come l’hai scopata fino a poco tempo fa. Poi, quando devi venire, vieni dentro di me”
Così fece. Mi stantuffò ovunque e sborò nella sua fica. Mi cacciarono via, ovviamente, e rimasero a dormire insieme. Da quel giorno sono il loro gioco sessuale. A volte mi danno agli ospiti durante i loro festini. Altre volte mi costringono a vedere mentre scopano. Altre volte mi fanno andare con loro al cinema per farmi guardare mentre si toccano o per divertirsi a vedere me guardata dagli altri, visto che mi costringono a tirarmi su la gonna fino alle autoreggenti, sedendomi a gambe larghe.
Si sono sposati dopo otto mesi. Ero la damigella d’onore. Lui non mi ha neppure guardata in faccia, durante la cerimonia. Lei mi ha solo fatto leccare la fede quando eravamo in bagno, poco dopo. Poi, sempre con l’anulare con la fede, mi ha penetrata nella fica e mi ha detto che quello era solo un assaggio di quello che sarebbe successo quella notte.
Naturalmente li seguii anche nel viaggio di nozze, come dama di compagnia. §Avevo una stanzetta comunicante e mi usarono come vollero, dandomi persino ai cani di quel bellissimo agriturismo.
Purtroppo sono ancora innamorata di lui e non riesco a staccarmi dalle sue perversioni, che, poi, sono anche le mie.
Se vi è piaciuto il mio racconto (che è, poi, pura verità) allora vi racconterò del viaggio di nozze presto.

Commenti [26]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *