Spiando Maria

Hits: 4

Ciao, mi chiamo Carlo, ho 43 anni.  Sono un elettricista, esperto in istallazioni, di servizi di allarmi e di vigilanza video.
Abito, con i miei genitori, in un paese a 28 Km. di una grande città, nel cento Italia, da 2 anni sono divorziato.
La mia ex, ha chiesto il divorzio, perché mi accusava, di avere una storia con Maria. Maria, è una mia cara amica, fin dal periodo dell’adolescenza.
Tra me e Maria, non c’è mai stato niente al di fuori, di una vera e sana Amicizia.
Quando ci vediamo, ci diamo un ingenuo bacio sulle guance. Non siamo mai andati oltre a questo. Io premetto, che Maria, mi piace molto. Che ho fantasticato spesso, di fare sesso con lei.
Ma non ho mai fatto nessun tentativo. Sono troppo amico di lei.
Tra me e Maria, c’è una complicità, noi ci confidiamo tutto. Anche le cose più intime. Io, ho provato a raccontare a lei, i miei rapporti sessuali con la mia ex, e con altre donne.
Lei, mi ha raccontato del suo primo rapporto sessuale, a 22 anni, con quello che oggi è il suo marito. Della veloce sveltina, che suo marito fa con lei, o al mattino, o alla sera, ma non a letto.
Di suo marito che al martedì e al giovedì in prima serata, si trova con la sua segretaria, in un motel, per 2 ore, per fare sesso. Lei gli concede quelle cose che Maria si rifiuta di fare: sesso orale, sesso anale.
Non hanno figli. Suo marito, sa dell’amicizia tra me e sua moglie.
Com’è fisicamente Maria? È alta circa 1,75. Lunghi capelli neri, fino a metà schiena. Penso che porti una 3 di reggiseno. Porta quasi sempre i jeans, molto attillati, che mettono in risalto un bel sedere, quando si china, piegandosi verso terra con il busto, il spettacolo che si presenta del suo bel sedere, mi eccita molto. A volte è capitato, che il mio sesso, si è eccitato, e dai miei jeans, si notava il gonfiore, alcune volte è capitato, che lei si accorgesse di ciò e sorrideva. Poche volte, l’ho vista con la gonna. Non gli ho mai visto la scollatura del seno, visto che lei porta maglie a collo alto. Un’estate di alcuni anni fa, incontrai il marito in paese, che mi chiese se potevo a casa sua, vivono in una villetta, con recinzione, con dei pinetti che fanno da riparo, per eventuali curiosi, per controllare un faretto, sotto il portico, che non funzionava. Arrivati a casa sua, sistemai il faretto, c’era un filo scollegato. Io non volli nessun compenso in denaro. Lui mi invitò ad entrare in casa a bere una birra fresca. Entrammo in casa dalla porta finestra del soggiorno. Lui davanti a me si dirigeva verso la cucina, io dietro a lui. A metà soggiorno, in linea, con il corridoio che porta nel reparto notte, sento aprirsi una porta. È Maria, che sta uscendo bagno della doccia. È tutta nuda. Sì dirige verso la camera da letto. Mi da le spalle. Lei gira la testa e mi vede. Stupita si copre le sue intimità, che io non vidi, lei mi dava le spalle. Entrai in cucina, bevvi la birra poi me ne andai, senza vedere Maria. Lei quella sera, mi telefonò, il suo tono di voce era preoccupato, mi chiese cosa io avevo visto. Gli dissi che la vidi nuda, di spalle. Che non vidi altro che quello. La senti sollevata. Questa è l’unica volta che l’ho vista nuda, anche se non ho visto niente.
La primavera scorsa, andai un sabato pomeriggio a casa loro. Suo marito mi fece vedere un sistema di illuminazione, che voleva fare in casa e fuori casa, e di video sorveglianza del giardino. Voleva sapere un preventivo e quanto tempo ci avrei messo a fare impianto. Vidi Maria di sfuggita, era in una cameretta a stirare. Indossava una tuta.
In settimana, misi su carta, costi e tempi, per effettuare impianto. Al venerdì sera, mi trovai con Maria, in un bar, per un caffè, e diedi a lei il preventivo. Io naturalmente, feci un buon preventivo. Chiedevo solo i soldi del materiale, anche se sul preventivo, io avevo messo anche il costo della manodopera.
Sabato mattina, mi telefonò il marito. Era soddisfatto dei costi e mi chiedeva quando io potevo cominciare. Gli risposi, se a lui andava bene, da lunedì. Mi rispose, che lui non c’era per tutta settimana, doveva andare a Lione, per lavoro, e che Maria, al mercoledì mattino presto, doveva andare da una zia ammalata, fino a sabato sera. Gli risposi che per me, non c’erano problemi, se per lui andava bene. Decidemmo per il sì. Il marito di Maria, non mi sta simpatico per nulla.
Io allora mi affrettai a telefonare a una persona, per avvisare che il lavoro che dovevo andare a fare al martedì, non ci potevo più andare, che sarei andato domenica mattina, e che per l’imprevisto, avrei fatto uno sconto. La persona accettò.
Lunedì mattina, mi recai a casa di Maria. Bacio sulla guancia e poco dopo iniziai il lavoro. Iniziai con i faretti sotto il portico. Alle Ore 10.30 Maria, mi chiese “Vuoi rimanere a cena?”. Accettai. Non era la prima volta, che mangiavo a casa sua, solo con lei. Subito dopo telefonai alla mamma per dire che non tornavo per pranzo. Per sera, avevo fatto un poco di più di cose da fare, che avevo programmato. Martedì ritornai, rimasi ancora a pranzo. Alla fine della giornata, Maria mi da le chiavi di casa, facendomi vedere, le chiavi, cosa aprono. Bacio sulla guancia, per salutarci. Mercoledì mattina, arrivo con un’ora di anticipo. A pranzo, mangio quello che mi ha preparato la mamma, seduto sul tavolo sotto il portico. Nel pomeriggio, inizio a installare delle mini telecamere, invisibili, che dovrebbero, monitorare il perimetro della recinzione e tutto il giardino. Quando finisco la sera, ho già installato più della metà delle mini telecamere. Il giorno dopo arrivo ancora con un’ora di anticipo. Continuo a installare le mini telecamere. Poco dopo pranzo, finisco di installarle. Controllo il monitor, e mi accorgo di 3 buchi, tre parti fuori controllo. Smetto, lascio la casa per andare a comprare le telecamere mancanti. Compero le 3 mini telecamere. Poi il gestore, mi mostra telecamere ancora più mini, adatte per spiare. Non mi interessano. Lui mi dice che se ne prendo 10, lui mi fa un prezzo speciale. In effetti il prezzo è ottimo. Le prendo. Giovedì a metà mattina, ho finito di istallare le mini telecamere mancanti e di collaudarle. Ora sì ha una visione completa di tutto il giardino e recinzione. Comincio a risistemare tutto quello che riguarda l’illuminazione interna. Alla sera, rimango ancora un’ora Così finisco tutto. La sera a casa, guardo le piccole telecamere. Ne prendo 1 e vado in bagno. È talmente piccola che si può posizionarla, senza notarla. Ritorno in camera. Accendo il monitor e ho una buona visuale di tutto il bagno. Poco dopo, la mamma entra in bagno. Vorrei spegnere il monitor, lei è la mamma, ma invece guardo. La mamma si alza la gonna, si abbassa collant e mutandine, in una volta sola, poi si siede sul water, e inizia a urinare. Alzo un poco il volume e sento il rumore del suo urinare a contatto con l’acqua del water. Poi si alza, prende un poco di carta igenica e si gira a favore di telecamera. Per qualche secondo vedo un folto pelo nero che copre la sua intimità. Sì passa la carta igenica sopra il sesso, poi la butta nel water. Si sistema le bianche mutande, poi il collant. Si risistema la gonna. Poi schiaccia il bottone dell’acqua del water. Poco dopo è fuori dal bagno. Penso. Ho spiato la mamma in bagno. Un poco mi vergogno. Rientro in bagno a togliere la mini telecamera. Ma subito ho un altro pensiero. Se metto una di queste telecamere nel bagno di Maria? Penso che è una cattiva idea. Ma subito mi dico, che cosa c’è di male. Per diverse volte, alterno i 2 pensieri. Quando vado a letto, io ancora sono indeciso sul da farsi. La mattina di venerdì, non ho niente da fare. Telefono alla persona, dalla quale dovevo andare martedì, che poi si concordò di andare domenica, per sapere se potevo andare oggi, ma mi viene detto di no. Dopo poco più di 1 ora, sono in casa di Maria e posiziono 2 mini telecamere, nel bagno della doccia, 1 dentro nel box doccia. Poi vado sul tetto e posiziono la piccola antenna, mimetizzata con il comignolo. Poi torno a casa, vado sul tetto a posizionare l’antenna. Poi vado in camera a controllare monitor. Va tutto bene, ho una buona visione del bagno. Nel tardo pomeriggio, ho un altro pensiero. Se posiziono altre telecamere negli altri locali. Detto fatto. Sono di nuovo in casa di Maria. Installo le mini telecamere. 1 in cucina, 2 in soggiorno, 1 in camera da letto, 1 bagno con vasca, 1 locale stireria, 1 nello studio del marito, in modo da vedere cosa guarda sul monitor del computer. Poi ritorno a casa. Controllo monitor. È tutto O.K. È sabato sera, ho finito di cenare, sono nella mia camera e ho acceso il monitor, della casa di Maria. Sono le ore 23.20, quando mi accorgo che Maria è arrivata in casa. Vedo un borsone in soggiorno vicino al corridoio che porta nel reparto notte. Guardo in cucina, la vedo. Vedo che apre il frigorifero, toglie una Coca-Cola e poco dopo, ne beve dal bicchiere, seduta al tavolo. Poco dopo si toglie la maglia, rimanendo in reggiseno, non passa molto tempo che si leva anche il reggiseno. Ammiro il suo seno. Un seno sodo. Mi chiedo perché si mette il reggiseno, quando il seno sta su da solo? Prende il bicchiere, va verso il lavandino, lo lava e lo ripone nel mobiletto sopra il lavandino. Poi prende la maglia e il reggiseno ed esce dalla cucina. In soggiorno prende il borsone. Entra, appoggia il borsone sopra la lavatrice, mette la maglia e il reggiseno nella cesta della biancheria, apre il borsone, toglie altro vestiario e va a riporlo nella cesta. Toglie una piccola borsa, da dove toglie, un dentifricio e spazzolino, uno shampoo, e alcuni cosmetici. Poi sì slaccia, sì abbassa e si toglie i jeans, riponendoli nella cesta. Si toglie i collant e li appende. Ora lei indossa solo gli slip, sono di colore pastello turchese. È bellissima. Ogni tanto, nel monitor, la vedo dal davanti, ogni tanto la vedo dal dietro. Esce dal bagno e va in camera da letto. Da un comò toglie una T-shirt. La indossa. Gli arriva un poco sopra ai ginocchi. Esce dalla camera, va in bagno, si lava i denti. Poi passa le mani sotto la T-shirt e si sfila gli slip. Poi si siede sul water. Poi si alza. Non sono riuscito a vedere la sua intimità. Ritorna in camera e si mette a luce. Poi spegne la luce. Allora io spengo il monitor.
Domenica, a metà mattinata, mi telefona Maria: “Ciao Carlo……sono arrivata ieri sera tardi e non ho voluto disturbarti………Hai finito il lavoro?………..Bene……Quando vieni a farmi vedere come funziona il monitor?”
Io mentre rispondo al telefono, la guardo nel monitor. È seduta sul divano. Indossa ancora la T-shirt, tiene le gambe un poco aperte, ma non riesco a vedere il suo sesso. Finiamo la telefonata. Io sono rimasto incollato al monitor. Ho staccato per pranzo. Poi mi sono rimesso al monitor. A metà pomeriggio, Maria va in cucina e prende da sopra il tavolo la bottiglia vuota di Coca-Cola di ieri e va in camera. Arrivata in camera, si toglie la T-shirt.
Ora la vedo in tutta la sua nudità. Il suo sesso è coperto da un folto pelo nero. Sì sdraia sul letto, e vicino ha la bottiglia vuota di Coca-Cola. Con una mano inizia a palpeggiare un seno. Poi l’altra mano va a posizionarsi sul sesso, iniziando a massaggiarlo con le dita. Prende poi la bottiglia, infila il collo, nella sua vagina e inizia a fala entrare e uscire, da prima con un lento movimento, poi il movimento è più veloce.
Questa visione mi eccita. Mi abbasso i pantaloni, poi i boxer, liberando il mio sesso in erezione, e lo prendo in mano, cominciando un lento masturbamento. Dopo circa un’ora, vedo Maria ferma. Mi accorgo che sì è addormentata, con il collo della bottiglia dentro di lei. Io nel frattempo ho avuto un orgasmo.
Sono le 18.30, quando sento il cellulare Maria, che tiene sul comodino, suona. Poco dopo lei risponde. È suo marito. Finita la telefonata, Maria si toglie la bottiglia, si alza, esce dalla camera e va in bagno, poco dopo è sotto la doccia. Più che lavarsi, si sta masturbando. Sì infila, prima 1 dito, poi 2, e infine 3, dentro la vagina. Dopo un po’ esce dalla doccia e va in camera. Toglie dell’intimo dal comò e inizia a vestirsi. Inizia con il mettersi un calza collant autoreggente, poi l’altra. Dopo va a mettersi il reggiseno. Da un altro cassetto toglie una maglia blu e la indossa. Naturalmente è una maglia a girocollo alto. Poi dal mobile toglie una gonna blu e la mette. Non ha messo gli slip. “Sì sarà dimenticata!!” penso. Continuo a pensare, ricordando lo spettacolo visto poche ore fa. “Che porca che è la puritana Maria… Che fame di sesso che ha”. Penso Poi la vedo che va a sedersi in soggiorno e accende la TV. Dopo circa 20 minuti, entra in casa suo marito, gli si avvicina, la bacia sulla fronte. Io seguo lui che va in bagno ad appoggiare il borsone. Quando ritorna in soggiorno, Maria è in piedi, piegata in avanti sullo schienale della poltrona, la gonna sollevata a mostrare il suo bel sedere nudo, le gambe leggermente aperte, lasciano intravvedere del pelo. Lui va a posizionarsi dietro a lei, si abbassa la zip, toglie il suo sesso ed entra dentro la sua vagina. Dopo non più di 20 colpi, lui esce da dentro di lei, ed entrambi si ricompongono. Senza dire alcuna parola, lui si mette una giacca, lei un giubbino ed escono. Spengo il monitor e vado a guardare un poco la TV. Alle 22.30, sono di nuovo a guardare il monitor. Non sono in casa. Ho guardato in tutti i locali. Alle 23.40, ritorno davanti al monitor e non sono in casa. Mi sveglio alle 03.20, accendo il monitor. Vedo nella penombra della camera Maria a letto. Poi cerco lui. Lo trovo nel suo studio. Lo vedo seduto alla scrivania davanti al monitor, che guarda un film porno. Un uomo e una donna sono a letto, e stanno facendo sesso sfrenato, con lei che indossa un fallo artificiale e penetra l’uomo nel suo ano. Continuo a guardarlo mentre si masturba, fino a raggiungere l’orgasmo. Rimane ancora un poco a guardare il filmino, poi spegne il computer e va a letto. Penso “A sottomano un gran bel pezzo di donna, e guarda cosa fa, il maiale”.
MA SE LUI È UN MAIALE, IO COSA SONO !!!!!!!!!!!!!!
Io per i giorni, per le settimane, per mesi, continuo a spiare Maria. La guardo, quando quotidianamente, si infila nella vagina, un poco di tutto. Da colli di vari tipi di bottiglie, da ortaggi vari, cetrioli, zucchine, melanzane, banane……. Delle sveltine con il marito.
Con il passare di tutto questo tempo, e di tutto ciò che ho visto, mi è venuta una grande voglia di fare sesso con Maria. Ma come fare. Siamo troppo amici. Se faccio qualche spinta avance, e lei mi rifiuta, e io la perdo come amica, non me lo perdonerei mai. Quante volte che mi è capitato di essere a casa sua, mi è venuta la tentazione di palpeggiargli il seno o il sedere, ma sono sempre riuscito a trattenermi.
Poi una notte, di una calda estate, ho avuto un’ idea. Io faro avere a Maria, in incognito, su una chiavetta per computer, molte foto di lei quando si masturba infilandosi nella vagina i vari ortaggi o colli di bottiglia, poi una richiesta: lei dovrà inviare una sera in casa un uomo a sua scelta, lei senza toccarlo, deve farlo eccitare. Come? Come lei vuole, con una sua fantasia. Poi se quest’uomo. Una volta eccitato, gli mette le mani addosso, e se la invita a fare sesso con lei, lei non negare con risposte negative.
Penso a questa idea, per alcuni giorni. Poi la metto in atto. Un giorno, mi metto nascosto in macchina fuori
casa sua, quando so che il marito è all’estero, quando a metà mattina vedo che lei esce, io esco dalla macchina, porto un cappello e una mantella, così con il capo chino, non sarò riconoscibile dalle telecamera del cancelletto d’ingresso, dove è posta la cassetta delle lettere, e vado a mettere la chiavetta dentro essa.
Poi ritorno a casa e mi metto al monitor. Alle 11.10 Maria arriva in casa. Alle 11.50 esce a ritirare la posta, e trova la chiavetta. Entra in casa, va a sedersi sul divano con il computer portatile e guarda il contenuto della chiavetta. La vedo scossa. Toglie la chiavetta, la ripone in un cassetto di un mobile in soggiorno, poi chiude computer, e va in cucina. Si prepara un panino, prende una Coca-Cola dal frigorifero e mangia.
Per alcuni giorni la osservo. Non si mette più sul letto nuda a masturbarsi.
È mercoledì sera, suona il mio cellulare, è Maria, Ciao Carlo………….Venerdì sera, sono a casa da sola, vuoi venire a cena da me?………..Poi sì può guardare un film su DVD”. Io accetto. Domenica è l’ultimo giorno che lei può decidersi se vedersi con un uomo, fino a eccitarlo, oppure lo sconosciuto ( IO ), lunedì avrebbe messo in rete le sue foto, e poi avrebbe trovato il modo di far avere indirizzo del sito a suo marito, ai suoi cari, ai suoi amici/e. Penso…..”Sarò io l’uomo che vuole eccitare, o vuole solo confidarsi con me? No, non può essere che vuole confidarsi con me, oramai sono passati 25 giorni”.
Arrivo a casa sua alle 18.00. Ho con me un dolce. Entro in casa. Lei indossa un paio di jeans e una maglia. Niente di nuovo nel suo abbigliamento. Vado con lei in cucina. Lei finisce di cucinare, io sto seduto. La tavola è già apparecchiata. Alle 18.50 cominciamo a mangiare. Finito di mangiare lei lava io asciugo.
Sono da poco passate le 20.00, e siamo seduti sullo stesso divano in soggiorno. Lei mi dice “Alle 20.30,inizieremo a guardare il film”. Parliamo un poco di tutto, come facciamo di solito. Sono le 20.25, quando lei mi dice “Vado di la, a mettermi qualcosa di più comodo, poi sì può iniziare a guardare il film”.
Ritorna poco dopo, indossa una camicia, che penso sia di suo marito e niente altro. La camicia fa un po’ effetto minigonna. Lei si avvicina al televisore, prende il DVD che sta sopra, si china un poco, quel tanto che basta per mostrarmi il suo bel sedere da dentro un bianco slip. Poi infila il DVD nel lettore, va a sedersi in poltrona, poi con il telecomando fa partire il film.
Penso, “Sono io l’uomo che vuole fare eccitare. Ero quasi sicuro che potevo essere io, anche perché lei sì sentirà sicura con me, sì sentirà che io non la toccherò”. Sono talmente immerso nei miei pensieri, su come potrei mettere le mie mani su di lei, come poter fare per averla mia. Lei sembra immersa nel film. Per un attimo penso “Chissà dove avrà posizionato la cinepresa per registrare”, ma poi non ci penso più. Poi lei inizia a muoversi sulla poltrona. Apre spesso le gambe, così che io posso vedere gli slip. Poi senza cercare di farsi accorgere, e io fingendo di non accorgermi, slaccia 2 bottoni della camicia, mettendo in mostra una bella porzione del suo seno. Dopo un po’, mi chiede “Carlo hai sete?”. Alla mia risposta affermativa, lei mi domanda “Coca-Cola o birra?” La mia scelta è per una birra. Allora lei ferma il film, si alza e si avvia verso la cucina.
Penso che lei immagina che io la guardo mentre va verso la cucina, lascia cadere il fazzoletto che teneva in mano, sì piega per raccoglierlo, chinandosi in avanti, la camicia si solleva. Ammiro tutto il suo sedere. Che spettacolo dal vivo e non dal monitor. Sì rialza. Poco dopo è di ritorno dalla cucina, è davanti a me, e allungando una mano mi porge la bottiglia di birra.
“Tieni”, mi dice. Io anziché prenderla, allungo le mani, mettendo i 2 palmi sul suo sedere. Lei ha un sussulto, poi mi dice “Carlo…..ma……….cosa stai facendo?”. Io impietrito dalla sua risposta, tolgo le mani dal suo sedere e con una mano prendo una birra. Lei va sedersi in poltrona. Continua a mostrarmi gli slip. Sulla bocca ha un sorriso. Io penso “E brava Maria. Non hai rifiutato la mia avance,. Brava”. Anche se il tono con cui mi ha chiesto cosa stavo facendo suonava come un rifiuto.
Se io me ne sarei andato da casa sua senza fare niente, dopo aver ricevuto il video della serata, io, in quale persona sconosciuta avrei dovuto mantenere la promessa e di scomparire. Ma dopo tutti quei mesi che l’ho spiata e dopo che ero molto vicino ad averla mia, non potevo perdere l’unica eccezione. Gli chiesi, “Maria, puoi fermare il film, io ho bisogno di andare in bagno”. Lei allora fermò il video. Io mi alzai e andai in bagno. Ritornai in soggiorno di soppiatto, infatti lei non si accorse. Arrivai dietro di lei. Allungai velocemente, le mani davanti a lei, le infilai nella camicia e strinsi i suoi seni. Lei sussultò. L’avevo sorpresa. Subito io gli dissi “Ti voglio….Ti desidero…..Averti visto così come non ti ho mai vista, mi ha fatto venire voglia di averti mia……….Tu lo vuoi?”.
Sapevo che lei non poteva rifiutare.
Maria mi rispose “Sei sicuro di quello che mi chiedi di fare?” E io “Sì lo voglio…..e tu?” La sua risposta “Se lo vuoi tu………..”.
Tolsi le mie mani, da dentro la sua camicia, passai da dietro la poltrona, e andai a sedermi sul divano. Poi la invitai a raggiungermi. Quando fu davanti a me, gli chiesi “Ora togliti gli slip, poi sbottonati la camicia senza toglierla”. In breve tempo, lei fece quello che io gli dissi. Ancora io “Vai un poco indietro”. Lei indietreggiò.
Allora io mi alzai, mi sbottonai i pantaloni, per poi toglierli. Poi passai a togliere la camicia e la maglietta. Con addosso solo i boxer mi rimisi seduto. Io “Vieni qua….e toglimi i boxer”.
Lei si inginocchiò. Prese con le mani i boxer, e me li sfilò, liberando il mio sesso in erezione massima. Volevo chiederle di prendermelo in bocca, ma sapevo che lei non voleva, sapevo che lei non poteva rifiutarsi, però a me stava bene anche così.
Chi chiesi “Vienimi sopra”.
Obbedì e fu subito sopra di me. Lei con una mano prese in mano il mio sesso, lo puntò sull’ingresso della sua vagina e iniziò a lasciarsi penetrare. Da prima con un ritmo lento, poi aumentò il ritmo. Io nel frattempo gli strizzavo i seni.
Dopo un po’, la invitai a scendere. Lei scese da sopra, la feci mettere sdraiata sul divano, gli allargai le gambe, poi io mi misi in mezzo e entrai dentro di lei.
Con la lingua, iniziai a leccare un suo capezzolo. Poi uscii da dentro a lei, la misi a pecorina. Avvicinai la mia faccia al suo sedere. Avvicinai la bocca al suo sesso. Aveva la vagina umida, la quale emanava un odore acre. Iniziai a leccarla, alternando dei palpeggiamenti e penetrate con le dita. Poi passai la lingua sull’ano, iniziai a strofinarci sopra il pollice. Cercavo una penetrazione, senza effettivamente volerlo. Maria “Non violarmi l’ano…Ti prego… Lì sono ancora vergine e voglio che rimanga tale…Ti prego”
Io non dissi nulla. Potevo fare a lei tutto quello che io volevo. Mi posizionai con il mio sesso, vicino al suo sedere, poi lo puntai sull’ano. Lei non parlava, ma fremeva tutta. Lo tolsi da lì, lo puntai sulla vagina e la penetrai. La stantuffavo con un grande ritmo, fino a che io, raggiunsi un orgasmo dentro di lei. Rimasi ancora un poco dentro di lei poi ne uscii. Mi misi seduto sul divano. Lei a sua volta si mise seduta al mio fianco. Io ero felice e contento. La guardai. Anche lei sembrava contenta. Dopo poco più qualche minuto, io mi alzai dal divano e piano piano mi rivestii. Maria rimase seduta. Avevo deciso di andarmene.
Gli dissi “io ora me ne vado”. Mi avvicinai e la bacia sulla guancia. Poi mi rimisi diritto. Allora lei mi disse “Baciami in bocca”.
Mi misi seduto al suo fianco, misi un braccio dietro il suo collo, la avvicinai a me e iniziai a baciarla. Le nostre lingue si trovarono e si avvinghiarono in un lungo e intenso bacio. Poi finito il bacio, io mi alzai dal divano per andare verso la porta. Gli avevo già girato le spalle, poi mi fermai, mi girai e gli chiesi, “Ti è piaciuto?”
Maria mi rispose “È stato bellissimo”. A questa sua risposta io gli dissi, “Sì può anche ripetere una serata come questa appena finita”. Lei rimase in silenzio. È allora che io ho pensato, che lei non poteva dirmi di no a qualunque mia richiesta, io dovevo insistere con questa proposta, io volevo ancora fare del sesso con lei, e gli ridissi, “Facciamo un giorno alla settimana, che ne pensi?”. La sua risposta “Se tu vuoi”. Certo che io volevo. Io gli dissi “Allora lo faremo una volta alla settimana, ne riparleremo”.
Io la salutai e usci da casa sua. In macchina mentre tornavo a casa, ripensai alla magnifica serata, e poi che ero riuscito a strapparle la promessa, di una sera di sesso a settimana. Questo non l’avevo programmato.
Arrivato a casa accesi il monitor. Maria era ancora seduta, sul divano, così come quando io me ne ero andato. Poco dopo si alza. La vedo che prende le 2 bottiglie vuote e va in cucina. Lascia lì le bottiglie e va in bagno. Io la seguo mentre cammina. La vedo nel suo intimo. Intimo che io sono riuscito a toccare e a violare. Penso “È stato bellissimo…..”
Ora è in bagno. La guardo mentre lava i denti. Poi fa i suoi bisogni. Esce dal bagno e va in camera. Si toglie la camicia e indossa la T-shirt, sì mette a letto e spegne la luce.
Allora io spengo il monitor.

È passato poco più di un mese, dalla fantastica serata di sesso con Maria.
Io, ho continuato a guardarla dal monitor. Lei non sì è più masturbata. Tutti i giorni o quasi, vedo il marito, che fa una veloce sveltina.
Io penso “Magari lei sì aspetta che io la chiamo per la serata settimanale, promessa. Dovrei chiamarla!!!!!!” Poi penso ad un’altra alternativa. Farò avere a lei un messaggio sulla chiavetta.
Mi metto al computer, preparo lo scritto e lo salvo nella chiavetta. Alle 23.40 esco di casa a piedi. Dopo 15 minuti, sto mettendo la chiavetta nella cassetta della posta di Maria.
Il giorno dopo alle 11.50, mi suona il cellulare, è Maria: “Ciao Carlo…volevo chiederti, se settimana prossima ci possiamo vedere una sera……….giovedì Luca ( il marito ) sì vede con la segretaria, alle 20.00, fa rientro a casa verso le 22.30 – 23.00………..” Io penso “Che bello sarebbe fare sesso con Maria, quando nello stesso momento il marito fa sesso con la segretaria”. Sì concorda per giovedì.
Finalmente è giovedì. Sono le 19.30. Io sono fermo in macchina, seminascosto fuori dalla casa di Maria.
Sono le 19.40, quando vedo il marito uscire. Scendo dalla macchina e vado a suonare al campanello. Maria mi apre senza parlare, mi ha visto dal video citofono. Io entro in casa.
Maria mi dice “Luca è uscito giusto ora”. Io sorrido e la guardo. Indossa un paio di jeans e una camicia.
Io gli dico “Andiamo di la in camera?” Mi risponde “Facciamo qui. In camera un’altra volta.” lei intanto sì sta slacciando la camicia e se la toglie. Poi velocemente sì toglie i jeans. Ora indossa una sottoveste nera di pizzo e collant dello stesso colore. Poi va ad appoggiarsi al tavolo , le braccia sul tavolo, mostrandomi il sedere, con le gambe divaricate.
Io, ancora vestito, mi avvicino a lei. Gli sollevo la sottoveste. Vedo che i collant sono dei autoreggenti. L’intimo sono delle culotte nero in pizzo. Comincio a stringere tra le mani le sue chiappe belle sode. Poi gli abbasso e gli sfilo dai piedi le culotte. Lei sì passa una mano in mezzo alle gambe e si masturba la vagina con 2 dita. Io nel frattempo mi libero dei jeans e dei boxer, rimanendo in maglietta polo. Con le mani vado sotto la sottoveste e le faccio salire lungo la schiena. Mi accorgo che non porta il reggiseno. Porto i palmi delle mani sui suoi sodi seni e inizio a palpeggiarli. Con il pollice e l’indice gli strizzo i capezzoli, fino a che li sento belli turgidi. Lei si dimena e ansima. Ho il mio sesso duro appoggiato al suo sedere. Lei si strofina contro. La giro e la metto seduta sul tavolo. Gli allargo le cosce e avvicino le mani alla vagina. Con due dita inizio a toccare e a massaggiare il suo clitoride. Poco dopo questo clitorire è bello eretto. Io alterno massaggi con le dita a leccate con la lingua. Ora lei ansima moltissimo s altrettanto freme. Io allora aumento il ritmo, alternando penetrazioni nella vagina, con la punta della lingua e con 2 dita. Non passa molto che Maria ad alta voce dice “Sììììììììì……..Sìììììììììììì……..Continua cosìììììììììì……..oooooooooh…………goooooooooodooooooooooooo………..” Un getto caldo, del suo orgasmo, mi cade sulla faccia, sulle labbra, in bocca.
La lascio lì sul tavolo, mentre io vado a sedermi sul divano. Dopo poco tempo lei viene a sedersi vicino a me. Con una mano mi cinge il mio duro membro. Poi mi dice “Ora vuoi godere te?” Gli rispondo “ Dove vuoi che lo metta, così che tu mi fai raggiungere l’orgasmo?” e Maria “In figa, e dove altro!!!!” Non ho mai sentito pronunciare a Maria parolacce, tantomeno la parola figa.
Io gli dico “Prima ho fatto io, ora prendi tu l’iniziativa”. E lei “Tu sei l’uomo, e l’uomo è il conquistatore, prendimi tu, nella posizione che più a te piace”. Ho capito che lei ha poca esperienza, se l’unico uomo che lei ha avuto è suo marito, e se quando fanno sesso, lui la possiede sempre in un modo solo da dietro, la capisco.
Mi alzo dal divano e la faccio sdraiare. Io in piedi mi avvicino a lei sdraiata. Con una mano gli palpeggio i seni, con l’altra gli palpeggio la vagina. A un certo punto lei mi prende in mano l’uccello e me lo stringe. Decido di salire sopra di lei, mi metto vicino al suo seno poi gli dico “Ora metto il mio sesso tra i tuoi seni, tu con le mano stringile attorno ad esso.” Maria mi risponde “Vediamo se ho capito bene, tu ora vai a mettere il tuo cazzo tra le mie tette, i stringo le mie tette attorno al tuo uccello. È questo che tu vuoi?” Gli rispondo facendogli cenno di sì con la testa. Pochi istanti dopo sto stantuffando il mio sesso. Con una mano gli masturbo la vagina. Passato un po’ di tempo, mi tolgo da quella posizione, vado a posizionarmi in mezzo alle sue gambe ed entro dentro di lei. Quando sento che sto per raggiungere l’orgasmo, esco da dentro di lei, mi avvicino ai suoi seni e masturbandomi lascio cadere il mio seme sui suoi seni.
Lei sorride, compiaciuta. Allora io mi alzo e vado a sedermi sulla poltrona. Lei rimane sdraiata. Guardo le ore sulla sveglia sopra il camino, sono le 21.40,
Allora io gli dico “È meglio che io mi rivesta e che vada”. Mi risponde “Andiamo a farci una doccia insieme prima”.
Ci alziamo, raggiungiamo la doccia. Più che lavarci è un continuo toccarci e baciarci. Decidiamo di uscire dalla doccia. Usciamo nudi perché i vestiti sono in soggiorno.
Sì sente che la porta sta per aprirsi. Maria mi spinge in camera. È il marito che è arrivato.
Lei gli va incontro tutta nuda “Ho fatto una doccia, così sono pronta per te……se tu lo vuoi” Gli risponde “Ora vado nel mio studio, tu se vuoi comincia ad andare a letto”
Lei silenziosamente, viene in camera e mi porge i vestiti. Velocemente mi vesto, mi sussurra “Aspetta qua”.
Esce dalla camera e chiude la porta. La sento bussare alla porta dello studio di lui, e dice “Luca, vuoi qualcosa da bere?” Qualche istante dopo lui apre la porta e gli dice “Vado io, ora vado in cucina, mangio qualcosa, poi ritorno in studio. Tu vai pure a letto”. E si dirige verso la cucina.
Maria ritorna in camera e mi dice ”Esci dalla porta finestra (dalla camera ) io vado ad aprirti il cancelletto”. E mi bacia sulla bocca. Io dopo il bacio esco. Poco dopo sono fuori dal cancelletto e poi in macchina.
Arrivato a casa accendo il monitor. Vedo Maria, nella penombra, che è a letto. Poi vedo lui che è nel suo studio. È al computer. Sta guardando un filmino porno. La donna mi sembra la stessa. Questa volta è da sola, è nel letto tutta nuda e si sta masturbando con degli enormi falli. Lui si sta masturbando.
Spengo il monitor.
Sono le 13.40, del giorno dopo, mi suona il cellulare. È Maria
“Ciao Carlo…..ieri sera, quasi Luca ci trova insieme nudi……….non so come avrebbe reagito, proprio non so, comunque mi hai scopata bene………no, lasciatelo dire sei proprio bravo. Ci vediamo giovedì prossimo stessa ora, se a te sta bene………a giovedì. Ciao Carlo”
Alle 23.10, esco di casa per andare a recuperare la cassetta, nel cestino al cimitero. Arrivato a casa la guardo, e penso alla telefonata che mi ha fatto Maria.

Commenti [15]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *