tempo di riunioni

Hits: 3

Dal giorno in cui io e Andrea diventammo “intimi”, anche nelle giornate più pesanti, si trovava sempre un motivo per sorridere.
Nel mio lavoro, certi periodi dell’anno sono proprio pesanti, ora siamo proprio nel periodo caldo: le scadenze sono impellenti, le ore disponibili davvero poche, le riunioni con il consiglio di amministrazione si intensificano…. Sono stressata e stanca…
Oggi alle tre ci sarà la riunione decisiva, mi sento sotto pressione, cerco di concentrarmi senza riuscire però…
Toc Toc -avanti, replico- Andrea entra sorridendo e per riflesso sorrido anche io.
-vuoi una mano per rivedere i budgets prima della riunione di oggi?- -potrei mai rifiutare?-
È proprio bello nel suo gessato grigio, raramente è vestito così formale, ma devo dargliene atto, sta davvero bene!!!
È ancora li in attesa, gli faccio un cenno d’assenso, richiude la porta ed esclama: Amelia, così non va, devi snebbiarti un po’ la mente! Andiamo a prendere un caffè su…-
Sorrido, sto ripensando a ciò che successe qualche settimana fa, il caffè…., il pensiero mi eccita…
-ok vada per il caffè, ma oggi attenzione a non macchiarmi, c’è la riunione!- esclamo ridendo.
La macchinetta al piano è fuori servizio, decidiamo così, di scendere in stabilimento, quella della produzione dovrebbe funzionare.
Mentre attraversiamo il reparto io e Andrea facciamo il punto della situazione, stabiliamo i vari step per effettuare i controlli pre briefing, lui peró sembra distratto, si guarda attorno e poi mi sussurra : Amelia, hai fatto caso a quanti operai ti mangino con gli occhi? Potessero metterti le mani addosso, ti darebbero una bella ripassata!!!-, mi giro ad osservare ed effettivamente incrocio lo sguardo eccitato di molti.
-eppure stamattina non mi sembrava di essere una bomba sexy!!-
-ma guardati!!! Sprizzi sesso da ogni poro, ad ogni passo!!! Non ti eri accorta….mi prendi in giro..-
-Andrea, ma che stai dicendo…e abbassa il tono che ci sentono-
Il caffè lo beviamo nella sala ristoro degli operai, Andrea continua a sfiorarmi, sono tesa dall’eccitazione…
Mi scivola l’accendino, Andrea si china a raccoglierlo, mi avvicino a lui dicendo:- conosci un modo per farmi rilassare? Ne avrei proprio bisogno!-
Le sue mani si appoggiano alle caviglie, salgono su, scorrono sulle gambe inguainate nelle calze leggere…..mi solleva la gonna stretta scoprendomi le cosce, le natiche… Le mani si soffermano sul bordo dell’autoreggente , s’insinuano tra le cosce…scostano la stoffa del perizoma e finalmente toccano il mio sesso, già infiammato dal desiderio.
Gemo, bacio avidamente Andrea mentre lui mi penetra con decisione!
-siediti sul tavolo Amelia, ho voglia di berti…-
Lo faccio con entusiasmo, la sua bocca si incolla al mio sesso, lecca, succhia, la lingua esplora…le dita si sostituiscono all lingua, due…tre…infine quattro, spinge, allarga, ho perso il controllo, sentirmi così…così sfondata mi elettrizza, il dolore si alterna al piacere in un sovrapporsi di emozioni contrastanti.
Ho voglia di cazzo, ho voglia che Andrea mi sbatta!!!
Ma lui, come la volta precedente, sembrava già sapere ciò che voglio. il suo cazzo sta già entrando, mi penetra lento, la sua mano si appoggia sulla mia gola, mi fissa carico di desiderio..
La mano stringe il collo più forte, il suo cazzo affonda! Sono frastornata, ha un cazzo enorme, dio che bello!!!!
Mi sbatte bene, alterna affondi lenti a colpi veloci, intensi…da togliere il fiato..vengo in un attimo, volta da spasmi e sussulti…stavolta però, voglio premiarlo!
Mi inginocchio davanti ad Andrea, davanti al suo sesso, splendido, grande, perfetto, teso dal desiderio..
La mia bocca lo accoglie, lo succhia, lo preme, la mia lingua scorre sulla grande cappella, sono stra eccitata nel pomparlo…
Mi vedo riflessa nella parete di vetro, la gonna ancora sopra le natiche, il cazzo tra le labbra e… accidenti: un uomo che mi fissa!!!
È un operaio, è li, dall’altra parte del vetro, chissà da quanto…il cazzo in mano, si sta masturbando..
Anche Andrea lo vede, mi sposta verso il vetro, scosta i capelli dal mio viso e spinge più forte il suo cazzo dentro di me.
Vedo l’altro segarsi più veloce, allo stesso ritmo di come io pompo Andrea, sento i suoi gemiti, lo sperma di Andrea mi riempie la gola, mentre lo sperma dell’operaio schizza sul vetro, all’altezza del mio viso…
Mi rialzo, soddisfatta mi passo la lingua sulle labbra, mi sistemo il vestito, Andrea si ricompone. Ci giriamo verso la finestra, non c’è nessuno….che mi sia immaginata tutto???? Poi vedo lo sperma colare dal vetro….no era tutto reale…
-Andrea, sai sempre come farmi rilassare, ora andiamo a preparare il materiale per la riunione!!!
Ahaha i tuoi caffè mi metteranno nei guai prima o poi!!-
-Amelia, vorresti quindi rinunciare ai miei inviti? Al caffè??? Ahah vedremo se lo farai, io sono certo di no!
Mi appoggia una mano sul culo mentre lo precedo su per le scale….com’è sicuro di se…
Vedremo!!!

Commenti [11]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *