un po con vista

Hits: 11

Squilla il cellulare
-N. Ciao T.
-T. Ciao, chi sei?
-N. Sono N. la cugina di A.
-T. Ah si dimmi
-N. So che fai dei piccoli lavori di sartoria
-T. Certamente ma piccolissimi roba da accorciare
-N. Si devo accorciare un vestitino quando puoi venire ?
-T. Si certo se vuoi posso venire anche subito.
-N. Magari così siamo tranquille perché in casa sono da sola.
Dieci minuti dopo in casa di N.
-N. Ci mettiamo in cucina?
-T. Dove preferisci.
N. decide per la cucina e cambiatosi T. comincia a prenderle le misure per accorciare il vestitino che è chiuso sul davanti da bottoni. Nel frattempo parlano del più e del meno: il lavoro, la famiglia pettegolezzi del vicinato, poi qualche parola sulla propria vita coniugale delle due, che prese dai discorsi finiscono per entrare in particolari un po’ più intimi anche sessuali tanto che……….. :
-N. Sai la scorsa settimana come quasi tutti i pomeriggi, dopo aver riassettato la cucina mi sono messa sul balcone quello che da sulla tua camera da pranzo e ho notato tuo marito che stirava, mi sono incuriosita e come dire: ho sbirciato meglio .
-T. Eh cosa hai visto?
-N. Se te lo dico non devi prendertela promesso?
-T. Promesso!
-N. Come ti dicevo ero sul balcone, la tua tenda era tirata ma non del tutto e dalla posizione in cui mi ero messa riuscivo a vederne l’interno insomma ha farla breve ho visto tuo marito che si, stava stirando, ma quello che più mi ha attratta è che era completamente nudo e aveva il suo arnese sull’attenti, sono rimasta la a guardarlo finché ha smesso di stirare e se ne è andato a quel punto ero talmente eccitata che….
-T. Quel porco quante volte gli ho detto di non andare nudo per casa, che qualcuno poteva vederlo e chissà quanti lo hanno visto
-N. No, non credo proprio perché era in un punto dove, credo, solo dal mio balcone si può vedere in casa tua e poi ti ho detto che la tenda era tirata
-T. Ma allora..
-N. Si, ho sbirciato di proposito
-T. Va be quindi mi stai dicendo che ti sei eccitata
-N. Si perché come ti dicevo prima, il sesso con mio marito è veramente poco, i rapporti molto veloci si insomma mi dò piacere da sola ed ogni pretesto, e lo cerco, è buono per soddisfarmi.
-T. Non dirmi che ti sei masturbata e nel vedere mio marito!
-N. Veramente tuo marito è stato solo un pretesto per masturbarmi. E poi scusami tu non ti sei mai masturbata?
-T. No, io non mi masturbo, l’ho fatto quando ero ragazzina ma ora quelle poche volte che l’ho fatto mi sono sentita come sporca anche se non ti nascondo che quando l’ho fatto in quel momento mi piaceva moltissimo dato che toccavo le parti che più mi davano piacere. Beh a questo punto sono curiosa: alla fine ti sei toccata?
-N. Toccata è poco, sono andata in cucina ho preso una carota che nella mia mente si avvicinava alla grandezza del pisello di tuo marito e in un attimo è sparita nella mia passera e poi beh.
-T. Non dire nient’altro mi basta
-N. Ti ripeto, non essere incavolata con tuo marito la colpa è mia. Forse era meglio se stavo zitta, solo che con te, anche se non abbiamo mai avuto modo di parlare mi sono sentita a mio agio e ho messo fuori tutto fino a svelarti qualcosa di mio, di personale, la mia intimità sessuale; il fatto di masturbarmi non lo sa neanche mio marito. Scusami se ho urtato un tuo sentimento non volevo.
-T. No, no anzi ti ringrazio per questa tua apertura e che non mi aspettavo quel tipo di rivelazione e in particolare che qualcuno si sia masturbata pensando al cazzo di mio marito.
Intanto T. continua a prendere le misure, la confidenza fatta da N. l’ha messa in una fase di eccitazione tanto che i suoi capezzoli ora sono duri anzi durissimi, gli fanno quasi male. La magliettina di cotone con sotto un reggiseno sottile mette in evidenza l’erezione dei capezzoli.
-T.(mentalmente) Cosa mi succede è la prima volta che ho questa sensazione, questo discorso, la vicinanza di N., toccarla, mi sento eccitata.
Anche N. sente l’eccitazione, solo che lei , il piacere lo sente tra le gambe i suoi slip si sono bagnati.
-N. (sorridendo)Ti si sono induriti i capezzoli?
-T. Non sono mica di pietra
-N. Anche a me al ricordo di tuo marito mi sono rieccitata, e mi si sono si sono bagnate le mutande
-T. (sorridendo) Non mi dire ora che ti prude e stai pensando di toccarti appena vado via
-N. No, veramente sto pensando ai tuoi capezzoli e mi va di toccarmi ora davanti a te. Che mi dici?
-T. Dico che sei pazza, io non sono per niente abituata a queste cose tanto intime e …….
N mentre T. sta parlando si alza la veste, T. è scioccata da quello che sta vedendo , lo slip di N. è veramente bagnato e la mano comincia a entrare sotto quella mutandina diventata trasparente per gli umori di quel piccione ormai fradicio, i peli pubici ricci fanno capolino, le dita piano sfregano il monte di venere in modo circolare, poi sempre più in profondità, il dito medio sta giocando col clitoride N. geme di piacere, il godimento ora sale.
-N. T. guardami! sono eccitata cosi tanto che ho voglia, guarda il mio dito come gioca sul clitoride, vedi come entra nel mio buchetto, uhm ho voglia di vederti nuda dai spogliati ti prego.
T. sbalordita da tanta sfacciataggine guarda la sua amica che a gambe aperte sta giocando con il clitoride; il suo sesso ora è un fuoco tra le gambe, l’idea di denudarsi davanti a N. ora è allettante, mette da parte la sua vergogna, si pone davanti e piano comincia a spogliarsi: la maglietta, il sottile reggiseno e il seno è a nudo, i capezzoli ora sono durissimi le fanno male.
-N. dai continua a spogliarti voglio vederti nuda, vedi il mio è completamente aperto e bagnato .
T. come ipnotizzata, piano, si toglie la gonna solo ora si accorge di quanto sia bagnata tra le gambe, sfila piano le sue mutande e un filo trasparente pende dalla sua vagina, è la sua eccitazione che si sta perdendo e travolta dalla passione con le dita raccoglie quel filamento e lo offre a N. glielo strofina leggermente sulle labbra, poi con una piccola pressione infila le due dita bagnate dal suo piacere nella bocca di N. che con la lingua assapora quel nettare regalatogli dalla sua amica-amante. L’eccitazione è al massimo anche N. si spoglia, prende per mano T. e la conduce in camera da letto, li balcone è aperto l’aria calda è tenue fa si che la tenda si muove lentamente si stendono sul letto e…..
-T. Chiudiamo la finestra non vorrei che qualcuno ci veda
-N. Non preoccuparti, di fronte, lo sai chi abita e non escono sul balcone se non quando va via il sole, sopra abiti tu e tuo marito è al lavoro o no?
-T. Si è al lavoro
-N. Quindi possiamo tranquillizzarci e poi un po’ di adrenalina non farà altro che aumentare l’eccitazione non credi?
-T. E’ la prima volta che faccio una cosa del genere non ho mai fatto sesso con nessuno tranne che con mio marito.
-N. Anche per me è la prima volta, scopriremo cosa significa essere bisessuali dai apri le gambe voglio riassaggiare la tua eccitazione
-T. Anch’io voglio provare a leccarti tra le gambe dai aprile fammi sentire l’odore della tua fregna, uh che buon odore.
Con un bel 69 le due donne si danno piacere. La lingua di T. spazia tra le grandi labbra e il clitoride di N., la sensazione che sta provando è indescrivibile quei sapori che fino a poco fa gli facevano quasi schifo, ora li vuole assaporare, gustare come se fosse il piatto più prelibato che avesse mai assaggiato, succhia quel buco rosso umidissimo che ad ogni input della sua lingua gli rilascia i piaceri orgasmici che quella donna le sta regalando.
-N. Oh si dai leccami tutta si dentro, nel piccione si, si cosi non fermarti continua che bello sii succhiami dai si si mettimi il dito nel culo si continua non fermarti sii godo, vengooo
L’orgasmo di N. inonda la bocca di T. che avida continua a leccare ed ingoiare tutto. Quando gli spasimi del coito si placano N. si stacca da T. dicendo : aspettami ora torno. T. aspetta con ansia, anche lei ora vuole godere, vuole che quella lingua continui a penetrarla e leccarla che la faccia godere. Vede tornare N. con una grossa carota in mano.
-T. Che vuoi fare con quella?
-N. Sss. zitta voglio provare ad infilarti questa mentre te la lecco, ma ora riapri le gambe ti faccio godere
T. apre le gambe, N. ricomincia a leccare quella fica vogliosa rossa, con quel clitoride duro che non aspetta altro che di essere succhiato e lo succhia avidamente e piano piano N. avvicina la carota a quel buchetto che sprigiona umori dal sapore dolciastro, che lo rendono lubrificato a tal punto che la carota penetra in profondità. E’ tutta dentro.
-T. Si dai continua, dai leccami, si dai mettimela più dentro si si così dai continua, uh la tua lingua si si anche li leccami il culo si dai leccamelo oh si si si dai. La mano di N. guida la carota nel piccione di T., che ansima di piacere si contorce dal godere, poi sente all’improvviso la carota sull’ano
-T. No, no nel culo no nonooo ahia mi fai male no no.
Ma l’ano di T. è talmente lubrificato che la carota penetrata nell’intestino rettale senza problemi, la mano di N. accompagna velocemente quella carota ad entrare ed uscire dai due buchi.
-T. Si ora si che bello si dai godo vengo, godoooo
N. apre la bocca e schizzi di pisciata mista a sborra le inondalo la gola e ingoia tutto sino all’ultima goccia che esce da quel piccione che mai avrebbe creduto : piacesse tanto.
L’amplesso è finito, hanno goduto come non mai sono appagate e contente di essersi lasciate trasportare da quell’istinto sessuale che le ha portate a conoscere un lato della loro vita sessuale che fino a quel momento era a loro sconosciuta
-T. Sai N. è stato bellissimo, pensa che con mio marito durante i rapporti sessuali ne abbiamo avute di queste fantasie, sai per eccitarci, ma farlo realmente con una donna e con te poi è stato il massimo della goduria.
-N. Anche a me è piaciuto tanto, a mio marito invece piace fantasticare pensando ad un uomo tra di noi
-T. Ma sai che mio marito da un po’ di tempo che mi chiede cosa si prova ad essere inculati e che non vede l’ora di provarlo mi sa che questi nostri mariti vogliono provare il cazzo nel culo o mi sbaglio
N. Mi sa proprio di si, però tuo marito è più esplicito e credo sia proprio un porco dai vestiamoci e.. rivestiamoci .
-T. Si ok. Ho le gambe che mi tremano.
Intanto sul bacone di fronte il marito di T. tornato dal lavoro e non trovando la moglie è li fuori a godersi quel po’ di vento, dopo una mezza giornata di lavoro è rigenerante
Io- (!)ma quella è T. e cosa ci fa da N. e poi nuda cazzo non mi dire che e andata a letto con quella, con me fa tanto la schizzinosa e poi, ma tu guarda, non capisco e voglio una spiegazione. Ritorno in casa e mi dirigo in bagno non sono incazzato in fondo abbiamo sempre fantasticato riguardo ad un relazione con altre persone per arraparci di più durante i nostri rapporti sessuali che a dire il vero si sono un po’ appiattiti ma da fantasticare a metterlo in pratica ce ne passa. Arrivo in bagno faccio per pisciare e mi accorgo che quella scena mi ha fatto indurire il cazzo, il pensiero si tramuta in voglia di menarmelo, lo prendo tra le mani e comincio ad accarezzarmelo. Si , io prima di arrivare a menarmelo me lo accarezzo per la sua lunghezza non è troppo lungo arriva a ai 17 cm però è grosso alla base la circonferenza e sedici cm. La mia mano lo accarezza lo stringe piano, in un pugno, andando su e giù; con l’altra dopo aver bagnato il medio con la saliva me la porto dietro a toccarmi l’ ano che come sempre da che ho scoperto di godere tanto nel culo al tocco del dito medio si apre per accoglierlo dolcemente. Il medio scompare nel mio culo a toccare lo sfintere lo massaggia e sto godendo come un pazzo tanto che ora la mano sul cazzo comincia ad andare sempre più veloce stringendo l’asta. Ora la visione di mia moglie nuda con N. mi sta portando ad uno sborrare incredibile.
-Io Si che bello oh si dai ancora dai sborra
(!) All’improvviso la porta del bagno si apre.
-T. Che cosa stai facendo, ma ti rendi conto!?
-Io Si aspetta fami godere non andartene vedi il mio cazzo ora sta per sborrare e per colpa tua si dai vengo si sborroo. La sborra esce copiosa schizza da per tutto, mia moglie rimane li a guardarmi
-T. Ma che cazzo stai… porco mi fai schifo!
Faccio fatica a riprendermi e dopo essermi pulito e ricomposto vado in cucina dove mia moglie incazzata:
-T. Hai finito di fare il porco?
-Io Guarda che se qui qualcuno deve essere incazzato quello sono io, ti ho vista sai nella stanza di N. vi ho viste nude completamente e non credo che vi siete spogliate per il caldo anzi penso proprio che vi siete divertite o mi sbaglio.
-T. Ci hai viste? E come?
-Io Ero sul balcone e non sapevo neanche dove tu fossi , ho creduto che eri andata a fare qualche lavoretto a qualche cliente, ti ritrovo invece nell’appartamento di fronte, nuda con la tua amica anch’essa nuda e ti permetti di chiamarmi porco solo perché da solo, mi menavo il cazzo per l’eccitazione che ho avuto nel vedervi.
-T. Scusami in effetti N. mi ha chiamata per farsi accorciare un vestito, poi non so come ci siamo imbarcamenate in dei discorsi un po’ piccanti ci siamo eccitate e di li ci siamo scambiate un po’ di carezze e alla fine beh hai capito.
-Io Si ho capito, non voglio incazzarmi ma almeno cerca di capire la mia situazione la cosa mi ha spiazzato ma ti sono sincero non più di tanto, anzi ti dirò che questa storia mi sta piacendo almeno ti vedrò e avrò spero, più troia durante i nostri rapporti sessuali, a proposito almeno ti è piaciuto?
-T. Si tanto è stato bellissimo ci siamo leccate a vicenda e abbiamo goduto come pazze
-Io Ehi avete proprio superato la soglia della spregiudicatezza insomma siete diventate delle troie e spero che ora mi inviterete a farvi leccare i piccioni.
-T. Non esagerare e poi non so, non è che ora dopo quello che è successo debba esserci per forza un seguito.
-Io. Beh io lo spero e la cosa mi eccita e spero che mi farai qualche pompino in più…
-T. E scommetto che vuoi provare qualcosa anche nel culo
-Io Magari ehi sento nel tuo modo di parlare che ti sei un po’ come dire più spinta o posso dire diventata un po’ zoccola.
-T. Non esagerare con le parole e che ho scoperto un lato di me che non conoscevo e N. me lo ha fatto scoprire e credo che N. abbia la stessa mia sensazione perché è stato come per me anche per lei la prima volta. Per il pompino vedremo, per questo tuo atteggiamento, cioè che hai accettato il fatto che sono stata in un altro letto, voglio vedere se riesco a farti un piccolo regalo. Devi avare però un po’ di pazienza e non tornare su questo discorso, va bene?
Io Ok.
Una settimana dopo un sabato mattina T. ritorna da N. per la prova del vestitino.
-T. N. sai mio marito la volta scorsa ci ha visto attraverso i balconi e ha capito tutto dato che la tenda si è un po’ scostata e ci ha viste nude e ha fatto due più due.
-N. E come la presa?
-T. Direi bene, te l’ho detto che è un porco anzi mi ha chiesto se ora gli faccio qualche pompino in più anche se poi sinceramente non glielo faccio mai o proprio raramente.
-N. Non glielo prendi mai in bocca!?, per l’uomo nel sesso è la cosa più bella che gli si possa fare e non te lo chiede.
-T. Si me lo chiede ma a me da fastidio l’odore e mi incazzo tanto che, alcune volte abbiamo smesso anche di fare sesso.
-N. E tuo marito accetta questo tuo “fastidio” e fate solo…..
-T. Si ma comunque io gli do il mio buco del culo e penso che gli basta
-N. Non credo gli basta e scommetto che si fa un sacco di seghe.
-T. Si melo dice anche e io lo lascio fare tu pensa che l’altro giorno quando abbiamo fatto sesso, tornando a casa l’ho trovato in bagno che si stava masturbando gli ho dato del porco e lui mi ha detto che la colpa era nostra perché ci aveva viste nude dal balcone nella tua camera da letto.
-N Cazzo. E ti ha detto qualcosa a riguardo si insomma su di me.
-T. No non abbiamo parlato più di tanto anche perché gli ho detto che se non riprendeva quell’argomento gli avrei fatto un regalo particolare.
-N .E posso sapere quale.
-T. Non so se chiedertelo un po’ mi vergogno, ma ci stavo pensando proprio stamane quando lui si è alzato con il cazzo durissimo il pigiama era gonfio all’inverosimile e
-N. Dai dimmi cosa hai in mente di fare?
-T. Voglio fare un pompino a mio marito, ma voglio che tu ci guardi
-N. Vi guardo?
-T. Si dal balcone: ci mettiamo in quella posizione della stanza da dove ci puoi vedere solo tu ti affacci al tuo balcone e noi nella nostra stanza be insomma devo proprio spiegarti tutto? Ci stai
-N. Si ci sto
-T. Bene appena decido quando, ti faccio uno squillo al cellulare
-N. Si ma non portare la cosa troppo alla lunga la cosa falla subito o la fantasia va a farsi fottere
-T. Vuoi proprio rivedere il cazzo di mio marito
-N. Ebbene si lo voglio rivedere perché sei gelosa?
-T. Beh un po’ si comunque ora vado, ciao mi faccio sentire presto te lo prometto.
Tornata a casa T. trova il marito in bagno sotto la doccia.
-T. Sono tornata, fa presto a lavarti voglio farmi la doccia anch’io.
-Io Ho quasi finito esco subito il tempo di asciugarmi
Infatti due minuti e sono in pantaloncini e canotta vado in camera da pranzo mi siedo sul divano; mia moglie sta parlando al telefono
-Io Con chi parlavi?
-T. Con una mia cliente devo fargli un servizio e mi ha chiesto di sbrigarmi, dai vieni qui
Mi alzo dal divano e mi avvicino a lei che sta in piedi in un punto della stanza, dove di solito mi metto a stirare, noto il suo sguardo e non so perché ma percepisco le sue intenzioni la tenda è semi aperta
-Io Chiudiamo la tenda cosi siamo tranquilli
-T. No lascia perdere la tenda e avvicinati qui
Mi avvicino T. si inginocchia davanti a me, adesso sono sicuro delle sue intenzioni, infatti mi abbassa il pantaloncino e il mio cazzo semi duro viene fuori con gioia mia moglie incomincia a baciare la cappella che ora si gonfia sotto i suoi baci e leccate, apre la sua bocca il mio cazzo è al massimo della sua erezione, la mia cappella è nella sua bocca piano piano fa scivolare l’asta nella sua gola, il mio cazzo è scomparso alla mia vista, sento la cappella toccare in profondità, nella gola di mia moglie che comincia un andirivieni mozzafiato. La sua mano accompagna, leggermente appoggiata sul mio cazzo, i movimenti della sua testa. Sembra che voglia farmi tutto quello che non mi ha fatto con la bocca fino ad allora. La mia testa, il mio corpo, il mio cazzo, sono nella sua mano ma soprattutto nella sua bocca. Sto per raggiungere l’orgasmo, ma i miei occhi vanno senza volerlo oltre la tenda vedo N. che sta guardando con intensità tutta la scena.
-Io T. ci sta guardando N.
T. Si toglie il cazzo dal profondo della sua gola e guardandomi negli occhi mi dice: si lo so, glielo chiesto io di guardare, questo è il mio regalo: un bel pompino con vista.
-Io Sei diventa una vera troietta e questo mi piace tantissimo proprio come ti sognavo durante le mie seghe. Grazie ma ora fai vedere a quell’altra troia come si spompina un marito e farlo sborrare, falle vedere il mio cazzo quant’è duro e grosso.
-T. Si rimette il mio cazzo in bocca e ricomincia a sbocchinarmi sono alle stelle vedo N. che è rientrata è seduta sul letto a gambe aperte si sta masturbando e le vedo i peli e immagino la sua fica bagnata T. continua il suo fantastico pompino sto per venire
-Io Siii dai continua succhia, succhia che arrivo, togliti
-T. con la testa rifiuta di togliersi il cazzo di bocca, con le mani mi afferra le natiche mentre con le labbra serra il mio pene succhiando con forza.
Vengo immediatamente, le vengo in bocca lei ingoia tutto sino all’ultima goccia poi mi fa girare verso la tenda N. ci sta guardando, e con il cazzo in mano mi fa un su e giù Mentre vedo N. che si contorce dal piacere. Dopo un lungo orgasmo e ancora con spasimi che mi prendono sin dentro il buco del culo mi rivesto dato che mia moglie non vuole essere toccata perché mi dice che questo momento era solo per me. Squilla i telefono è N. rispondo io
N. Ti è piaciuto il regalo?
-Io Cazzo è stato favoloso e grazie a te
-N. Io non ho fatto niente ha deciso tutto tua moglie si è comportata da vere troia ora però mi aspetto qualcosa da voi che dici?
-Io Non chiederlo a me se voi due siete d’accordo organizzatevi, da parte mia te la leccherei volentieri anche ora, ciao ti passo T.
-T. Ti è piaciuto lo spettacolo
-N. Complimenti un bel lavoro di bocca tuo marito è alle stelle l’ho sentito dalla sua voce, comunque ci risentiamo ora scappo tra poco rientra mio marito e vedo se riesco ad accennargli qualcosa e da come reagisce ci organizziamo ok?
-T. Ok ciao eh grazie
-Io E’ stato bellissimo amore, è una cosa che non mi sarei mai aspettato è la prima volta da che ci conosciamo che mi fai un pompino con ingoio, e che ingoio!
-T. Hai ragione ma da quando ho leccato il piccione di N. e ingoiato il suo orgasmo mi sono detta che dovevo farlo anche con te e ti giuro è stato bellissimo.
-Io Così leccando la fica di N. ti sei ricordata che hai un marito che vuole essere spompinato, ma lei cosa ti ha fatto?
-T. Non ti dico cosa mi ha fatto ma ti dico che mi ha fatto godere come una vera troia
-Io Ma almeno come è successo
-T. Non so, mi ha chiesto di accorciargli un vestitino abbottonato davanti, gli ultimi bottoni erano aperti i discorsi sono finiti nel piccante mi sono eccitata mi si sono induriti i capezzoli e lei se ne è accorta e mi ha chiesto se poteva toccarsi davanti a me e ha cominciato, poi e successo quello che non ci aspettavamo per niente: ci siamo abbandonate a fare sesso.
-Io Spero che ora mi farai qualche pompino in più
-T. Stai sicuro che da ora in poi prima di mettermelo tra le gambe me lo devi mettere in bocca
-Io Bella prospettiva
La giornata e passata in armonia e relax. E’ sera tardi dopo un po’ di tv ci mettiamo a letto
-T. Stavo pensando a N., gli abbiamo fatto vedere il mio vero primo pompino, credi che il marito accetterà una proposta indecente?
-Io Stai pensando ad un incontro a quattro?
-T. Perché tu non lo hai pensato e poi sarebbe il massimo della libidine ho sempre pensato durante i nostri rapporti sessuali ad avere due cazzi che mi fottono davanti e di dietro e tu lo sai. Ma chissà, sinceramente ora lo spero anzi lo voglio e non vedo l’ora di avere per me il tuo cazzo in bocca , il cazzo di C. nel culo e N. che mi lecca la fica. Uhm che bella prospettiva, buona notte amore.
-Io Vuoi proprio tutto eh buona notte e gli schiocco un tenero bacio sulle labbra
La notte sembra passata velocemente e come al solito mi sveglio per andare a pisciare, ritorno a letto sono ancora le 6 e trenta mi appisolo. Nel dormiveglia sento qualcosa sul mio cazzo apro gli occhi e vedo mia moglie che mi sta leccando la cappella, il cazzo, ancora moscio sparire nella sua bocca, mi diventa velocemente duro, lei lo tiene gli arriva in gola va su e giù, lo succhia sto arrivando, si dai continua non fermarti godo sborroooooo.
Il mio cazzo si svuota nella sua bocca la sua lingua mi pulisce fino all’ultima goccia poi si alza si avvicina alla mia bocca e mi da un bacio, la sborra che aveva in bocca ora passa nella mia.
-T. Buon giorno amore
-Io (dopo aver ingoiato un po’ del mio sperma)Buon giorno ma ora tocca a me
Vado con la lingua sul suo seno poi pian piano sempre leccando e baciando più giù fino all’ombelico poi ancora più giù sento il suo odore che mi entra nel cervello lecco le grandi labbra è bagnata fradicia, metto le mie labbra a mo’ di ventosa e comincio a succhiare quel nettare che esce dal suo piccione.
-T. Si dai continua no fermarti si leccami, siiiii dai succhiami tutta si dai che vengo dai continua siiiiiiiiiii no! aspetta fermati andiamo in bagno voglio fare una cosa
Mi porta in bagno mi fa sedere nel piano doccia apre la sue gambe e mi chiede di continuare. Riavvicino la mia bocca a quel piccione bello rosso aperto e bagnato succhio fino a farla venire e lei viene mi viene in bocca, il suo orgasmo e pieno di urina mi sta pisciando e sborrando in bocca ingoio tutto quello che potevo.
-Io Ora girati voglio scoparti
T. Si gira si mette alla pecorina e con un solo colpo il mio cazzo sprofonda nel suo culo vengo immediatamente e copiosamente per la seconda volta in poco più di mezz’ora. Lei sussulta, l’orgasmo anale le pervade tutto il corpo, gli lascio il cazzo nello sfintere finché si ammoscia lo tolgo, mi abbasso la mia bocca ora è sul culo, con la lingua raccolgo un po’ di sborra che gli esce dal buco mi avvicino alla sua bocca e ricambio il regalo di sborra che sa anche di un po’ di merda. All’unisono ci diciamo grazie ci mettiamo a ridere e dopo quella bella scopata, ci rilassiamo sotto la doccia, pensando di dedicarci più tempo giacché è domenica. La mattinata passa relativamente veloce ci aiutiamo a vicenda per le faccende di casa, per l’intera giornata saremo soli e abbiamo deciso che saremo usciti per una passeggiata solo in serata. E’ l’una ci sediamo a tavola per pranzare, fa caldo per tanto ci siamo messi comodi in pratica siamo nudi.
-T. E’ incredibile come possano cambiare le cose e per una scappatella?
-Io Be diciamo per una scopatella e dobbiamo ringraziare l’amica di fronte…
-T. Ehi guarda che gli ho dato io l’input, quindi devi ringraziare la mia fica che voleva quella donna per tanto..
-Io Hai ragione
Squilla il mio telefono T. lo prende dato che è vicino a lei e risponde.
-T. Si pronto N.? e come hai il numero di P.
-N. Ti sto chiamando dal cellulare di mio marito, il mio è senza credito e lui se ricordato di avere il suo numero quindi ho chiamato
-T. Dimmi
-N. Per quella prova eravamo rimasti per oggi, vieni qui a casa mia?
-T. Ehm no puoi venire tu qui mio marito deve uscire per un servizio
-N. Va bene può venire anche C.
T. Si certo nessun problema.
Alle 16 in punto N. con il marito sono a casa io saluto e vado via
-T. Accomodatevi in camera da pranzo volete qualcosa?
-C. Un bicchiere d’acqua grazie
N. e C. si accomodano sul divano N. ha una veste simile a quella che le sta accorciando T. conseguenza nel sedersi……
-T. N. ma sei.
-N. Senza farsi notare da C. le fa cenno di fare finta di niente
N. accompagna T. in cucina
-N. Zitta, se ti sta bene voglio provare a mettere in pratica quello che ci siamo dette l’altro giorno. Aspettare lui che è stato quasi impassibile al mio raccontato e gli ho detto quasi tutto, se sei d’accordo tentiamo oggi o la va o la spacca per me è diventato un tormento e voglio più sesso altrimenti………
-T. Ma dai non preoccuparti vediamo cosa possiamo fare ormai mi hai fatto voltare pagina a livello sessuale e voglio ripagarti per questa e non ti nascondo che ho già un prurito tra le gambe
-N. Sei proprio diventata assatanata di sesso
-T. No ho scoperto solo che mi piace tantissimo e quando saremo di là nel sederti dammi una piccola gomitata al resto penso io
N. e T. ritornano in camera da pranzo dove C. è seduto comodamente sul divano, N si siede e come previsto da’ una piccola gomitata al braccio di T. che con la mano sta porgendo l’acqua a C. , il bicchiere pieno gli si svota completamente addosso; il marito di N. ora è bagnato fradicio maglietta e pantaloncini corti sono completamente bagnati
-T. Oh scusami C. ti ho rovesciato l’acqua addosso aspetta vado a prendere una panno
T. Ritorna con un panno in mano si avvicina a C. e comincia a tamponare, la mano piano scende giù fino al sesso di C. La mano di T. comincia a strofinare lievemente sente qualcosa che comincia a muoversi sotto il panno, C. non sa cosa fare e guarda N. che zitta guarda con curiosità quello che sta accadendo. T. continua a strofinare andando su e giù sui pantaloncini che incominciano a ingrandire di volume ormai il cazzo di C. è completamente duro.
-N. E’ completamente bagnato quei pantaloncini devono essere asciugati
-T. C. te li vuoi togliere li mettiamo fuori asciugheranno come niente.
-C. E come rimango?
T. (sorride) in mutante tanto a quello che si vede con o senza pantaloncini e la stessa cosa guarda.
N. e C. guardano e in effetti il pantaloncino bagnato e completamente trasparente.
-N. Si dai toglilo tanto
-C. un po’ con vergogna si sfila il pantaloncino, lo slip copre ben poco del suo pene che è talmente duro da fargli male.
-N. Cazzo C. è la prima volta che vedo il tuo bastoncino così duro.
-T. E lo chiami bastoncino questo coso e nel frattempo con la mano palpa quello che sotto lo slip sembra un signor cazzo e a toccarlo sembra di legno
C. e imbarazzatissimo non sa dove mettere gli occhi.
-N. Si accorge dell’ imbarazzo di suo marito, gli si avvicina, con la mano libera il cazzo dallo slip mostrandolo a T. che con meraviglia vede quell’arnese lungo e grosso entrare nella bocca di N.
-C. Cazzo vi siete messe d’accordo per farmelo diventare duro allora dai ingoialo tutto e tu (rivolgendosi a T.) avvicinati voglio toccarti.
T. non se lo fa ripetere gli si avvicina, gli prende la mano e aprendo le gambe si fa palpare
-T. Toccami, senti come sono bagnata, com’è bello vedere tua moglie col tuo cazzo in bocca, dai avvicinati leccami la farfalla
C. Con la moglie che gli sta succhiando il cazzo si posiziona con la testa tra le gambe di T. lo vede gonfio, tra le grandi labbra è di un rosso acceso, è bagnato fradicio. Con la lingua assaggia ed esplora quel piccione e desidera di penetrarlo o meglio sfondarlo con il suo bel cazzo lungo 23cm con la cappella che misura 13 cm di circonferenza sino ad arrivare ai quasi17 cm vicino alle palle perché lui il suo cazzo lo ama e se lo misura sempre sognando un momento diverso da quello che può fare con sua moglie: questo!
T. è in estasi C. le sta leccando con forza il clitoride mentre N. lasciato il cazzo del marito ora sta leccando il suo buco del culo
-T. Si dai continuate non smettete è bellissimo siiiii daiii il culo si mettimi la lingua nel culo si leccami dentro cerca il mio sfintere voglio che tu vada più profondità dai C. succhiami la fica dai più dentro si infilami il tuo ditone si cosi dai che vengo siiiii
T. viene con un orgasmo spaventoso il suo corpo sussulta ad ogni impulso che gli viene dal centro del suo piccione sbrodola nella bocca di C. che avidamente assapora quel nettare prelibato passandolo anche a N. che ora ne richiede anche un po’ per lei. T. allarga le gambe di N. e comincia a riassaporare quel piccione che le ha regalato tante soddisfazioni lo lecca con attenzione, amore quasi, a ringraziare per tanto sesso, per leccare quella fica sul divano T. si è messa alla pecorina quasi ad invitare C. a metterglielo nel culo e l’invito non si fa attendere C. avvicina la sua cappella a quel buchetto spinge piano poi con un più di spinta l’ano piano piano si apre, lo sfintere non cede però facilmente il cazzo è piuttosto grosso
-T. Dai C. continua voglio sentirlo tutto dentro non fermarti ti prego, dai siii così ahia piano ma continua ssiii cosi
Il cazzo di C. ora penetra nel culo la cappella ha superato la resistenza dello sfintere il cazzo è a tre-quarti della sua lunghezza, con un colpo di reni e con forza il grosso cazzo di C. e sprofondato nelle viscere di T. che con un grido di sofferenza accoglie quel bel cazzo che ora la stantuffa energicamente.
T. (si aggrappa alle gambe di N.) ssssiii dai C. continua fammi sentire una vera troia spingi più forte ancora ancora siii vengoooo dai fottimi stronzo continua fammi sentire sto cazzo tutto dentro dai sborrami nel culo dai vieni con me dai più forte spingi oh N. tuo marito è una favola e che cazzo lo sento stantuffare sento le palle vicino al culo si dai tutto dentro continua siii vengooooooo
T. viene con un orgasmo anale che non ha mai provato, sussulta, il suo corpo ha dei brividi intensi di piacere il culo emette suoni, evacua orgasmi che ora sia N. che C. stanno raccogliendo con le loro lingue
-T. E’ stato bellissimo brrrrr che brividi mi sento esausta il piccione aperto, il buco del culo che si apre e si chiude ad ogni brivido e una voglia pazza di ricominciare.
-N. Allora prendi in bocca il cazzo di mio marito che dopo la chiavata nel tuo culo ha bisogno di riprendersi, si è quasi ammosciato.
T. Hai ragione il bel cazzone ora è un cazzino te lo rimetto in sesto.
T. si accovaccia sul cazzo di C. e ricomincia a succhiarselo fino a quando lo sente ridiventato grosso nella sua bocca.
-C. Cazzo ragazze mi state facendo impazzire, dai mogliettina vieni che ti riempio il farfallina con questa mazza e tu troia leccami il buco del culo cosi ricambi il nostro favore.
Cosi i tre prendono ognuno il proprio compito: N. alla pecorina lo prende nel culo, C. è sopra di lei a incularla e T. con la sua lingua lecca e penetra il culo di C. prima con un in dito ben lubrificato dalla saliva, poi pian piano due tre quattro dita. Un cambio veloce tra dita e lingua fa si che la lingua indurita penetri fino a sfiorare lo sfintere, C. geme come un porco quella situazione lo sta portando alle stelle sta per venire di nuovo e sborra nel culo di sua moglie che esausta si abbandona per terra piena di sborra nel e sul culo; anche C. esausto dopo aver sborrato varie volte è all’estremo della resistenza fisica. T. con gli ultimi sussulti dell’ennesimo orgasmo sta raccogliendo con la lingua la sborra di C. intrisa di umori del culo di sua moglie ingoiando sino all’ultima goccia. Esausti tutti e tre si ricompongono felici di quella grande chiavata riordinano la stanza poi T. si accinge a fare quello che per cui N. era venuta: misurare il vestitino. Il marito di T. rientra in casa.
-Io Ciao ancora qui? Pensavo ve ne foste andati
N. No ci siamo messi a chiacchierare ed ora siamo qui comunque quando T. finisce provarmi il vestito e poi possiamo uscire tutti insieme?.
-Io Per me va benissimo, vado di là
Vado in camera da pranzo mi siedo sul divano accendo la tv, ma noto qualcosa di strano anche l’aria è strana sento un po’ di strani odori; “penso che qui sia successo qualcosa di strano” infatti noto sul pavimento una macchia o meglio una goccia bianca trasparente guardo meglio chiamo mia moglie lei viene e le chiedo
-Io questa cos’è È quello che penso io?
-T. “Sotto voce” e va bene non posso nasconderti niente abbiamo fatto sesso io e N. abbiamo cercato di coinvolgere suo marito nelle nostre intenzioni sessuali, beh insomma ci siamo riuscite e…..
-Io E non avete aspettato me, potevate anche attendere il mio arrivo e….
-T. No le cose sono state fatte all’improvviso e poi tutto è andato velocemente; e poi stamane hai avuto la tua porzione e sicuramente quanto meno te lo aspetti saremo in quattro.
-Io Ok sto zitto e accetto!
Tutti e quattro siamo per strada passeggiando per le vie della città, siamo rilassati, parliamo del più e del meno del pomeriggio che loro hanno trascorso non se ne parla, ma il mio pensiero è sempre lì non perché sono geloso ma perché penso e ne sono convinto che mi sono perso una vera chiavata . Ritorniamo verso casa e vicino al portone anzi ora nel portone N. mi si avvicina mi saluta e nell’orecchio
N. Tua moglie mi ha detto che hai capito ma non preoccuparti “ e senza farsi notare da suo marito mette una mano sul mio cazzo continuando a parlare”: questo te lo faro diventare duro io spompinandotelo bene bene davanti a loro due e non ti farò aspettare molto te lo prometto perché ho voglia di te e del tuo cazzo. Ciao e buona notte.
Rientriamo in casa.
T. Che ti ha detto N. mentre ci salutavamo.
-Io Niente di particolare
-T. Ho visto N. che ti toccava sulla pacca e…….
-Io E sei gelosa di questo?
-T. E perché dovrei esserlo in fondo questa cosa l’abbiamo voluta noi e le conseguenze sono queste e a me piacciono e non vedo l’ora di vederti tra le sue gambe e poi il cazzo di C. nel tuo culo vedrai e sentirai che divertimento
-Io Perché?
-T. Non sembra ma C. ha un cazzo enorme e non ti nascondo che fa male
-Io C. ti ha inculata
-T. Si e io l’ho spompinato
-Io Mi sa che mi sono perso qualcosa di eccezionale.
-T. Hai ragione ma ti rifarai stanne sicuro.
La giornata si conclude sapendo che un’altra settimana lavorativa ci attende e quindi meglio andare subito a nanna. Finalmente è sabato spero che il weekend sia quello fantasticato durante la settimana: una bella scopata a quattro, sono riuscito farmi poche seghe quindi ho anche le palle gonfie.
-T. Cos’hai intenzione di fare quest’oggi? Io devo andare da due clienti e a pomeriggio inoltrato devo andare da N.
-Io Non lo so se vuoi rassetto un pò la casa e poi cucino qualcosa
-T. Si ma cucina per noi due anche oggi e domani siamo soli.
La giornata è passata in fretta abbiamo pranzato T. è andata dalle sue clienti, la casa è in ordine, quindi posso rilassarmi sul divano davanti alla tv. Mi metto comodo fa caldo mi denudo completamente mi piace sentirmi libero e quando sono solo in casa approfitto.
Squilla il cellulare è T.
-N. Ciao senti sono N., T. mi sta aggiustando il vestito vuole chiederti se vuoi ordinare delle pizze per stasera
-Io Certamente quante?
-N. Per quattro ci siamo anche noi e devi dire di metterle da parte e che ritelefoneremo per i gusti.
-Io Va bene
-T. Non ti ha chiesto niente, se quando torno a casa?
-N. No altrimenti l’avresti sentito, perché?
-T. Perché ora il signorino sono sicura che è sdraiato sul divano completamente nudo, quando è solo lo fa
-N. E come fai a saperlo
-T. Beh sai i suoi peli me li ritrovo sul divano quindi faccio due più due. Che dici se gli facciamo una sorpresa.
-N. Appena rientra mio marito glielo diciamo, mi sa che ci aspetta una bella serata o mi sbaglio
-T. No spero che non ti sbagli ti sono sincera è da una settimana che ci penso e la cosa mi sta portando ad una smania che mi è difficile controllarla, ti arrabbi se ti dico una cosa?
-N. No dimmi.
-T. Voglio riprovare il cazzo di tuo marito nel culo e sto meditando come farlo provare a mio marito giacché vuole provare ad essere inculato, ma a proposito tuo marito è disposto a inculare un uomo?
-N. Credo proprio di si e …anch’io voglio scoparmi tuo marito quindi siamo pari.
-T. A sto’ punto spero che tuo marito venga presto perché sono tutta bagnata
-N. A chi lo dici.
-T. Bene il vestito è a posto e ti faccio un altro servizio ma questo è gratis.
T. si inginocchia tra le gambe di N. e comincia il suo lavoro di lingua, apre con due dita le grandi labbra di N. e comincia a leccare quelle pareti bagnate ormai familiari. Appoggia le labbra in modo tale da fargli un succhiotto e aspira tutto quel nettare che fuoriesce da quel piccione che ora gli sta versando in gola tutto l’orgasmo che può misto di urina. N. geme sobbalza ad ogni coito, poi prende tra le mani la testa di T. e le bacia le labbra entra nella cavità orale con la lingua e assapora quello che T. gli ha fruttato nel godere. Ora le parti si invertono N. regala a T. una slinguata nel suo piccione da toglierli il fiato e dopo un coito interminabile le due si ricompongono aspettando C. che di lì a poco è di ritorno.
-N. C. non cambiarti andiamo subito a casa di T. e quando arriviamo non fare rumore, dobbiamo fare una sorpresa al marito intesi?
-C. Quale sorpresa? Comunque va bene andiamo.
I tre sono dietro la porta di T. che la apre cercando di non fare rumori, entrano di soppiatto e vengono direttamente in camera da pranzo dove mi trovano logicamente nudo, cerco di ricompormi ma ormai è troppo tardi e loro sono li che mi guardano, ho il cazzo semi moscio.
-T. Visto che ti dicevo N. lui appena può si denuda e guarda ora il suo cazzo come sta rialzandosi
N. T. posso prendere un bicchiere?
T. certamente prendi quello che è nel mobile.
N. Prende il bicchiere che gli ha indicato T. mi si avvicina si inginocchia lasciando il bicchiere vicino a lei, prende il mio cazzo tra le mani e comincia a baciarlo e leccarlo. Anche T. non si fa attendere e dietro lo stupore di C. gli si inginocchia davanti e con dolcezza gli accarezza la pacca, abbassa il pantaloncino, lo slip rivela un cazzo ancora moscio, lo accarezza lo bacia attraverso lo slip, ora lo sente che si sta ingrossando lo mette fuori, gli bacia la grossa cappella rosea che ora è gonfia, con la lingua segue la lunghezza del pene sino allo scroto che è senza peli (C. se l’è depilato pensando a quest’occasione) apre la bocca, gli succhia le palle, col la lingua gli accarezza lo scroto, poi di nuovo verso su baciando e leccando. Ad ogni colpo di lingua C. geme dal piacere. T. risale su fino alla cappella che ora è veramente grossa, il cazzo durissimo; C. mette le sue mani dietro la nuca e la invita ad ingoiarlo e T. non lo fa attendere spalanca la bocca fa entrare il grosso membro e comincia ad andare su e giù succhiando quella mazza così rigida ma tenera nella sua gola, la sta facendo impazzire ma non riesce ad ingoiarlo del tutto è troppo lungo e grosso. Mentre mia moglie sta facendo, da quello che so io, il suo secondo miglior pompino, i nostri occhi si incontrano capiamo che ora siamo sessualmente soddisfatti, i sogni, le immaginazioni che facevamo per insaporire i nostri rapporti, ora si sono avverati . Il mio cazzo intanto scompare nella bocca di N. mentre le mie mani accompagnano il suo movimento sul mio pene, lo lecca amorevolmente si direbbe innamorata del mio cazzo, lo bacia da per tutto, con la mano lo scappella completamente, mette la sua lingua sul glande e fa scivolare il prepuzio sulla sua lingua che ora è dentro, tra il glande e il prepuzio stesso ,ruota intorno alla cappella leccando cosi contemporaneamente glande e l’interno del prepuzio, poi di colpo lo affonda in gola e così questo gioco lo ripete svariate volte, , ad ogni leccata e affondo sento lo stomaco in subbuglio la sensazione di godimento mi sta facendo impazzire. Alza il suo sguardo, mi guarda negli occhi mi fa segno di piegarmi, accolgo la sua tacita richiesta mi mette la sua lingua in bocca raccoglie quel po’ di saliva che ho, ripiega la sua testa sul mio cazzo e senza sputare fa scivolare la sua e la mia saliva sul mio pene, poi con la mano cosparge l’asta per poi farla scomparire nella sua gola profonda. E’ sublime quello che questa donna mi sta facendo non è il solito pompino è qualcosa di speciale tanto che T. e C. hanno smesso il loro amplesso per godersi quella scena che non sa di porcata, ma voglia di far quella cosa con la massima accuratezza e attenzione accarezzando con la lingua con le labbra e con le mani il mio pene. Insomma un pompino ad Arte. Sto per esplodere N. lo capisce all’istante sto per venire con mio stupore stringe fortemente il mio pene alla base, con due dita quel tanto che impedisce alla mia sborra di uscire, esce il mio cazzo dalla sua bocca, riprende il bicchiere è vicino a lei, appoggiato a terra, appoggia la cappella all’interno, allenta la presa delle dita e l’orgasmo viene furi con tutta la potenza che si è accumulata durante quella stretta fatta come da mano esperta; la mia sborra è tanta, le palle si svuotano, con la mano aiuta lo sperma a fuoriuscire dal mio cazzo stringendolo appena, poi alzando il bicchiere a mo’ di brindisi:
-N. E’ da tempo che aspettavo questo momento e non me ne vogliate….
E cosi dicendo mette il bicchiere sulle sue labbra e beve assaporando ogni goccia di quel nettare che ora gli scivola giù per la gola. Intanto anche T. è inginocchiata davanti a me lo prende in bocca e succhia quel po’ di sborra che è rimasta nel mio tubo, si alza e bacia con ardore C. che nel frattempo con il cazzo in mano e rimasto ammirato da quel pompino fatto dalla moglie dicendogli …
-C. Hai fatto il miglior pompino che io abbia mai visto e che ne dite se vi dedicate anche al mio uccello?
T. Raccoglie quella richiesta, mi fa segno di avvicinarmi a lei che nel frattempo si è stesa sul divano e con le gambe appoggiate sul bracciolo e ben aperte mi chiede di leccarle il piccione. Accolgo con piacere quell’invito e con la testa tra le sue gambe vedo il suo piccione gonfio come non mai, le sue grandi labbra che si schiudono ad ogni tocco della mia lingua quasi a voler dirmi: questo bel buchetto e tutto tuo leccalo succhialo godi di questi momenti. Ed io non melo faccio ripetere sono preso da quel piccione di mia moglie come non mai, tanto da non accorgermi che N. e C. si sono messi dietro di me e mi accarezzano prima le palle, poi lungo l’asta sino ad arrivare a toccarmi l’ano. Solo ora mi accorgo del piacere che sto provando ad essere leccato lungo il filo che porta dallo scroto all’ano, e continuo a leccare e succhiare la passera di T.. N. sta leccandomi l’ano, me lo sta allargando piano piano con le sue dita, sento mia moglie
-T. N. pensi che sia pronto ad essere inculato?
-N. penso proprio di si
-T. Allora C. e tutto tuo.
In quel momento preso dalla foga di quella leccata non capivo cosa stavano architettando alle mie spalle, ma lo scoprii subito anzi lo sentii: N. continuava e leccarmi e introdurre le sue dita nel mio culo, poi la sensazione di qualcosa di più grosso e caldo appoggiarsi al mio ano, lo sento entrare piano piano, , continuo a non guardare ma capisco che C. mi sta inculando con quel enorme cazzo, sento la sua cappella penetrarmi e lacerarmi il buco, grido dal dolore, lui si ritrae e risento la lingua di N. che mi bagna leccandomi l’ano che a quel tocco si apre. Il cazzo di C. ritenta di penetrare nel mio sfintere, sento la sua punta calda umida e calda vicino all’ano, poi una piccola spinta emetto un piccolo grido di dolore sento la sua cappella penetrarmi piano, poi ancora una resistenza mi sento lacerare il dolore mi penetra la mente, cerco di rilassare i muscoli e il cazzo continua la sua strada nel mio sedere, il dolore quasi scompare lasciando spazio ad una piacevole sensazione, mi sento pieno il grosso cazzo ora entra e esce a ritmi regolari è caldo gonfio lo sento pulsare nel mio sfintere; comincio a desiderare che quel cazzo mi penetri più in profondità. E con movimenti ondulatori delle mie anche cerco di accoglierlo il più possibile e lo sento, sento le palle di C. che sbattono sul mio culo
-Io Si dai mettimelo nel culo dai lo voglio tutto dentro. Fammi sentire la tua lunghezza uh che bello si dai continua non fermarti.
Mentre sento di godere T. si alza dalla sua posizione mentre C. sfila il suo cazzo dal mio culo mi fanno mettere alla pecorina facendomi appoggiare con il ventre sul bracciolo del divano. T. che mi divarica le chiappe mentre N. prendendomi il cazzo in mano da dietro se lo mette in bocca fa scivolare un po’ di saliva nel mio culo, C. è pronto col suo cazzo enorme a rincularmi del tutto, lo vedo il suo membro è talmente grosso che due mani non riescono a tenerlo, da come si è posizionato capisco che vuole sfondarmi in un solo colpo ed infatti in un batter d’occhio i mio buco si riempie di nuovo il piacere fisico, è forte I miei pensieri vanno a mia moglie quando glielo metto nel culo che mugola di piacere e sto provando gli stessi sintomi e voglio che quel momento duri il più a lungo possibile, voglio che quel cazzo mi strapazzi, mi sento gemere continuo a ripetere sempre la stessa cosa: dai mettimelo più dentro fammi sentire le tue palle schioccare sul mio culo, dai allargatemi le chiappe, si così non fermatevi. Non so per quanto tempo è durato quel andirivieni nel mio culo quei ventitré centimetri li sto sentendo tutti il mio sfintere sfregato dal grosso cazzo mi sta procurando un piacere che neanche con la migliore fregata ho mai provato.
-IO Si dai continua fammi sentire come mi fotti dai continuaaaa vengo
Sento il mio ano che attraverso il coito stringe il cazzo di C. che a quel punto schizza nel mio intestino la sua sborra calda, sento il suo pulsare, il suo dilatarsi ad ogni schizzo di sborra, è una sensazione piacevolissima il mio corpo sobbalza non riesco a controllarmi, sono esausto ma soddisfatto pienamente e pieno di sborra
-T. Vedo che ti è piaciuto vero?, no C. non toglierlo fallo ammosciare in quel buco, svuotalo tutto.
C. felice di quella sborrata acconsente, il suo cazzo una volta ammosciato fuoriesce dal mio buco dandomi un senso di vuoto prendo mia moglie tra le braccia e la bacio teneramente.
Stanchi ma ancora desiderosi continuiamo a darci piacere. I nostri corpi si intrecciano regalandoci momenti incredibili e nella mia mente si fa largo il pensiero di provare la sensazione di avere in bocca quel grosso cazzo. N. è intenta tra le gambe di mia moglie T. dal suo canto penetra con la lingua l’ano di N. si stanno slinguando a vicenda, è bello vedere mia moglie così spudorata, porca, insaziabile di sesso. Anche C. seduto sul divano con le gambe aperte con il cazzo ancora semi moscio e ancora unto del mio piacere anale, guarda la moglie intenta nel suo piacere. Le due donne continuano nel loro amplesso e come se noi uomini non esistessimo è in quel momento che mi viene l’istinto di inginocchiarmi tra le gambe di C. gli prendo il cazzo in mano, lo sento molle, il mio coito anale la sua sborra lo rendono viscido. Nella mia mano quel bel membro anche se moscio è grosso, comincio ad accarezzarlo nella sua lunghezza, mi abbasso con la bocca aperta voglio sentirlo ingrossarsi nella mia gola, il suo sapore acre sicuramente perché è intriso della mia merda ma non ci faccio caso la cosa mi piace e comincio a succhiare. La sua cappella mi si sta ingrossando in bocca, cerco di affondare quell’arnese in gola e con uno sforzo immane lo affondo sento un coniato, ma resisto in quel momento ho voglia di spompinare C. cosi come mi ha spompinato la moglie. Cerco di chiudere le labbra intorno a questo favoloso cazzo piano rialzo la testa, lo vedo uscire nella sua lunghezza, ora è quasi pulito ho ingoiato tutto quello che gli era intorno. Con la lingua ora esploro piano quell’asta che poco prima era nel mio culo e questo mi induce a baciarlo e leccarlo; come prima la moglie anch’io ora punto la lingua sul glande la indurisco e faccio scivolare il prepuzio sulla lingua, con la mano mantengo ferma quella posizione e comincio a roteare la lingua intorno al glande: sto leccando con attenzione la capocchia e prepuzio contemporanea-mente è bellissimo con foga me lo rimetto in gola sento C. sussultare e continuo ora ad andare su e giù su quel cazzo che ora scivola tutto nella mia gola senza fatica continuo come un pazzo mi piace spompinarlo sentire il pulsare delle sue vene sulla mia lingua e la sborra che ora a fiotti mi inonda il palato serro le labbra non voglio perdere neanche una goccia e succhio. La sborra è tanta la ingoio e quando penso che il suo cazzo si è svuotato del tutto con la lingua assaporo quel bianco lattice colloso rimastogli sulla punta del cazzo. Rialzo la testa e solo ora mi accorgo che tutti e tre mi stanno guardando meravigliati.
-N. Cazzo lo hai ingoiato fino alle palle io non ci sono mai riuscita.
-Io Si all’inizio è stato difficile, tuo marito è dotato di un cazzo veramente grosso.
T. E tu non ti sei fatto perdere l’occasione per farti inculare e fare un pompino e che pompino!
-C. Ma è la prima volta che fai sesso con un uomo?
-Io Si, ma era da un po’ di tempo che nelle nostre fantasie dicevo a mia moglie che mi sarebbe piaciuto provare un cazzo in culo, poi la fantasia è diventata pian piano voglia ed ora..
-N. Sei soddisfatto e hai raggiunto il tuo desiderio.
-T. Veramente penso che ognuno di noi in questa storia ha raggiunto o scoperto un nuovo livello sessuale lasciando che le proprie fantasie divenissero realtà.
-N. La cosa bella che ci siamo incontrate e poi incontrati come se sapevamo cosa volessimo gli uni dagli altri.
-C. Io di solito non ero portato per il sesso a lungo ma con voi e grazie a mia moglie ho imparato a godere fino in fondo e mi aspetto che quest’attrazione sessuale tra di noi continui.
-T. Certamente e chi ti fa scappare ora che ho visto e avuto il tuo bel cazzone.
Ridiamo tutti insieme.
Mi azzardo a fare una domanda: ma dobbiamo fare sesso solo se siamo insieme tutti e quattro?
-N. (sorridendo e guardando il marito) vuoi dire che se rimaneste voi due in casa da soli (e indica il marito e me) per un motivo x potrete fare sesso? Per me non ci sono problemi io e tua moglie l’ho abbiamo fatto e non vedo perché non dovete farlo voi.
-T. però la cosa deve assolutamente rimanere tra noi , voi inculatevi quanto volete ma ricordatevi che i vostri cazzi sono i Nostri cazzi!

Commenti [22]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *