una notte insieme

Hits: 0

Non si vedevano da dieci anni. Miriam e Artico erano stati per qualche tempo insieme e avevano goduto delle alterne fortune di due giovani fidanzati. Le loro strade si erano separate all’improvviso, dopo la scuola e non si erano più intrecciate fino a quella sera.
L’albergo che Artico e sua moglie Lori avevano scelto per quella breve vacanza primaverile era lussuoso e confortevole a picco sul bel mare di Grecia.
La terrazza risplendeva al sole caldo del giorno e ispirava tentazioni alla luna.
Artico decise che era quello il momento e il posto ideale per tentare di fecondare Lori e avere il figlio che sempre avevano desiderato e sua moglie era d’accordo in tutto……..
………. ma il destino no!
La sera era calda e la brezza che soffiava leggera dal mare rendeva piacevole la vista del tramonto che tacitava il sole nel mare. I due si tenevano stretta la mano mentre attendevano che il cameriere li servisse delle succulenti pietanze. Si guardavano negli occhi e Lori sorrideva alle sue parole senza dar tanto peso al significato, ma al suono profondo di una voce che emetteva sicurezza e maschia virilità. Lei nel suo corpetto giallo era una dea e i piccoli seni si muovevano lentamente al ritmo del suo respiro, Artico allungò più volte la mano, con fare distratto, per raggiungerli per un lieve tocco che lo solleticava.
La conversazione era piacevole e i due più volte intrecciarono le loro dita tra i sorrisi, finché la parola pronunziata si fermò a mezz’aria, s’interruppe bruscamente e gli occhi di lui si fermarono su un’altra donna che stava entrando in terrazza. Il suo sguardo lambì i capelli dorati e s’intrufolò tra gli occhi verdi smeraldo, ebbe un sussulto, una palpitazione che Lori avvertì e anch’essa distolse lo sguardo da lui spostandolo sulla donna.
Era molto bella e nonostante Lori lo fosse anch’essa sentì un brivido correrle lungo la schiena.
I boccoli d’oro le scendevano fin a lambirle le spalle scoperte, le labbra erano disegnate come in un dipinto e la loro sensualità fecero trasalire Artico che immediatamente la riconobbe…..
era Miriam!
Miriam si sentì osservata, spesso aveva quella sensazione, data la sua bellezza di porcellana, ma quella volta sentì una vibrazione mai più provata da tanto tempo. Volse lo sguardo in direzione del tavolo dei coniugi e riconobbe subito Artico.
Gli sguardi s’incontrarono e l’imbarazzo di quel momento si dileguò all’istante in un sorriso.
Il viso maschio e i lineamenti duri sotto una barba appena accennata lei non li aveva mai dimenticati ed ora, sempre uguale, riconosceva l’uomo e non più lo studente che aveva posseduto con tutta la sua licenziosa gioventù.
Senza alcuna inibizione Miriam si avvicinò al tavolo e allungò la mano prima in direzione di Lori, che gliela porse con curiosa cortesia; Miriam scandì bene il suo nome, poi lasciando lentamente il palmo della donna, quasi accarezzandolo, si estese verso il viso di Artico e lo baciò piano su di una guancia. Artico senza cadere in tentennamenti emotivi la chiamò per nome e ricambiò il bacio fraterno.
La presenza di Miriam colpiva Lori, la sensualità che sprigionava era ben oltre la sua mitigata immaginazione e la curiosità morbosa di scoprire chi fosse quella donna la spinse a far accomodare al loro tavolo la sconosciuta.
Ben presto tutta la verità venne a galla, anche perché in ogni modo non c’era niente da nascondere, tutto apparteneva al passato e Lori si rallegrò presto della situazione, diventando a sua volta cordiale e sincera.
La discussione fu piacevole e tra un liquore e un dolcino Miriam spiegò il motivo della sua presenza, solo per quella notte avrebbe soggiornato nell’hotel poiché il giorno successivo alcuni amici l’avrebbero accompagnata su di un’ isoletta poco distante dove avrebbero trascorso una settimana di pace e tranquillità nel più intimo ozio.
Durante la gradevole conversazione più di una volta Miriam allungò la mano per accarezzare affabilmente il braccio di Lori e lei ogni volta che veniva sfiorata dalle lunghe e curate mani di Miriam sentiva pervadere un senso di calore e piacevole sensazione tanto da confonderla e farla balbettare frasi esitanti. I modi fascinosi e sensuali che aveva Miriam, di rivolgersi a Lori, fecero si che la donna iniziò a provare una vera e propria eccitazione che però non riusciva a capire fino in fondo.
Spesso la coscia nuda di Miriam sfiorava la gamba di Artico e lui a sua volta l’accarezzava lievemente con la mano sotto il tavolo, provocando, ogni qual volta, deboli brividi di piacere alla sua ex fidanzata.
La serata si concluse verso le 23 e i tre si accomiatarono con sorrisi e abbracci, ma un colpo d’occhio di Artico rilevò il sollevamento ammiccante del sopraciglio di Miriam. Era chiaramente un invito e lui lo ricordava bene rimanendone turbato.
Miriam entrò in camera e lasciò i due coniugi accedere nella loro con ancora un gesto di saluto della mano.
Entrati Artico e Lori iniziarono a sorridere e baciarsi, spogliandosi lentamente, a vicenda, senza mai smettere di coccolarsi. Miriam lasciò l’abbraccio di Artico e andò in bagno per farsi una doccia, ma non senza invitare con uno sguardo malizioso Artico che, dimenticata Miriam, si avvicinò al corpo nudo di Lori già sotto un getto corroborante d’acqua calda.
Artico entrò nello spazioso box doccia tra mille getti di acqua e tra le braccia della moglie.
Le baciò il collo e la bocca, morsicchiò leggermente il lobo dell’orecchio mentre con la mano le pizzicava delicatamente il capezzolo inturgidito che s’innalzava dal morbido seno.
Lei ghermì i testicoli e iniziò a massaggiarli lentamente. Lui staccò la bocca dall’orecchio e scese con la lingua appena scoperta lungo le spalle per andare a soffermarsi sui seni e sul capezzolo.
Lei gemette di piacere e iniziò a massaggiare il membro di Artico ormai marmoreo. Si svincolò dalle braccia del marito e s’inginocchiò di fronte al pene. Iniziò a scorrere la lingua tumida sul sesso fino allo scroto, lo risucchiò con forza stringendolo completamente fino a riempirsene la bocca.
Artico completamente eccitato dal fellatio iniziò a massaggiare il pube di Lori per poi soffermarsi sul turgido ed esposto clitoride, massaggiandolo e stuzzicandolo con i polpastrelli fino a far gemere nuovamente Lori.
Ad un tratto lei si girò appoggiandosi con le braccia al muro, ostentando il culo tornito e il sesso turgido, pronta a ricevere da dietro il membro di Artico.
Lui non si fece attendere passò ancora una volta le dita tra le labbra della vagina per allargarla un po’ e appoggiò il glande nel calore della vulva tra decine di contrazioni. Il membro penetrò fagocitato in un flusso inesauribile di fluido vaginale. Lei godeva e ripetuti orgasmi iniziarono a farla ansimare sempre più fino a riprodurre lamentosi gridolini.
Sempre più eccitato Artico iniziò a sentire che i due orgasmi si stavano per fondere in un sol gemito, ma all’improvviso udirono un forte bussare alla porta della loro camera…..
in un attimo l’eccitazione passò.
Artico si avviluppò un asciugamano alla vita e andò alla porta mentre Lori rimase ancora eccitata sotto la doccia.
L’uomo aprì e si ritrovò innanzi Miriam. Lei senza un minimo di imbarazzo varcò la soglia.
Era bellissima indossava solo un kimono leggero, bianco e dalla scollatura si intravedevano i seni affusolati e sotto, le gambe levigate e snelle.
Chiamò Lori per chiederle un po’ di cotone struccante perché lei lo aveva finito.
Lori rispose e senza attendere altro Miriam s’introdusse nel bagno invaso dal vapore.
Lori stava uscendo nuda dalla doccia. Miriam percepì tutta la bellezza e l’essenza di quel corpo umido, i seni piccoli e i capezzoli appuntiti, le cosce e il pube leggermente arrossati.
Capì immediatamente che non aveva scelto un buon momento per la seccatura.
Ma fece finta di niente si guardò intorno, prese cinque dischetti di cotone e salutò entrambi, scusandosi per il disturbo.
Artico aprì la porta e lei se ne andò, voltandosi ancora una volta indirizzando lo sguardo sul petto maschio.
Lori si sdraio sul letto supina e Artico le si accoccolò a fianco, si strinsero le mani e lui le diede un bacio, lei contraccambiò ancora accesa da prima, ma senza più quello slancio d’eccitazione intensa.
Artico la osservo per qualche minuto finché lei non chiuse gli occhi addormentandosi… felice.
Lui posò la testa sul cuscino si tolse l’asciugamano da dosso e iniziò a toccarsi il pene, leggermente, facendo scorrere le dita sul glande vermiglio e inturgidito. Le guardò le gambe e le spostò leggermente l’asciugamano dai glutei, la sua eccitazione crebbe.
Imprevisto gli venne alle orecchie la voce di Miriam che lo invitava, con un sussurro, ad andare in terrazzo.
Il belvedere era comunicante tra le due stanze tramite una piccola porticina a vetri.
Lui si alzò dal letto e andò sul terrazzo, la scorse rientrare nella camera, la seguì dal passaggio ed entrò a sua volta.
Miriam era seduta sul letto, i boccoli biondi le cadevano sui generosi seni facendo comparire appena i bronzati capezzoli. Il ventre dolcemente premuto sussultava al respiro e le cosce erano ricoperte da una pelle candida e al tatto morbida.
Artico si avvicinò, nudo. Lei non si mosse, dischiuse leggermente la bocca per ricevere la tumida lingua di lui sulla sua. Un bacio frenetico esplose nelle loro bocche, le lingue mulinarono corali e la passione li travolse. Smisero di baciarsi ardentemente e lei strinse il membro eretto di Artico iniziando ad accarezzarlo leggermente sullo scroto fino a raggiungere l’ano fremente.
Poi dischiuse nuovamente le labbra carnose, disegnate per l’amore e ingoiò con veemenza il glande fino a farselo dilatare in gola. Iniziò a salire e scendere muovendo tutta la testa, accarezzando con i capelli il pube e le gambe di Artico. Ad ogni risalita, sul glande, roteava la lingua tra la cappella e il corpo del pene che sussultava ad ogni risucchio.
Continuò così finché non fu sazia del sapore che sprigionava.
Si alzò e con un’abile mossa sospinse Artico sul letto, osservò per qualche istante il membro turgido e il suo corpo maschio poi si mise a cavalcioni sulla pancia muscolosa del suo ex.
Lui sentì la sua vagina bagnata sulla pelle nuda ed ebbe un fremito, l’attirò a se e la baciò con tutto il vigore che aveva nella lingua. Lei si staccò energicamente e si sedette sul suo membro eretto, facendosi penetrare totalmente fino nel profondo utero… godendo!!!
Artico era al settimo cielo, si sentiva cavalcato come un puledro selvaggio e questo gli piaceva e lo eccitava…… ansimi all’unisono si levavano dai loro corpi e i respiri si fecero più rapidi.
Lui le strinse i seni e lei cavalcò con più ardore, finché sentì che lui stava per venirle dentro.
Si alzò e avvicinò il viso al glande, lo riprese in bocca e poco dopo staccandosi da esso sentì il fiotto caldo dello sperma bagnarle le labbra e il viso. Lui gemette e lei lo assecondò con ancora un bacio sul glande bagnato. Si alzò e lasciò lui sul letto, andò in bagno a rinfrescarsi.
Quando tornò lo trovò assopito nel letto disfatto e lo lasciò addormentarsi.
Si mosse piano senza far rumore e andò sulla terrazza a fumare una sigaretta.
Ma il desiderio di sesso non l’aveva lasciata, sentiva una frenesia interiore sconvolgerle la vulva ancora umida di fluido e iniziò a toccarsi il clitoride nuovamente uscito dal suo alveo.
La smania era grande e le venne in mente la fantasia di accarezzare la pelle liscia di Lori.
S’intrufolò nella camera da letto dei due coniugi.
Guardò Lori dormire, accovacciata su di un lato porgerle il suo sedere modellato e le venne ancora più smania raggiungendo un primo flebile orgasmo. Si avvicinò l’accarezzo i capelli neri, lisci, che le cadevano sulla schiena e continuò a scendere con le mani morbide fino ai glutei lambendoli con delicatezza. Lori ebbe un sussulto e si girò verso Miriam.
La vide ma non si spaventò aprì la bocca per chiedere spiegazioni, ma prima che potesse proferire verbo la lingua di Miriam s’insinuò tra le sue labbra.
Un attimo, durò solo un attimo la meraviglia di Lori, il senso del pudore e la sua moralità si confusero e si annebbiarono nel voler provare quella nuova sensazione, si abbandonò tra le braccia della sensuale bionda.
Un bacio a bocca aperta stravolse i sensi di Lori e trasportò nella lussuria Miriam che iniziò a palpeggiare i seni e i capezzoli. Lori si abbandonò ancora di più, distendendosi completamente, mostrando il pube rasato.
Miriam scivolò con la lingua sui seni della bruna sposa, soffermandosi su capezzoli che si indurirono ed uscirono completamente, avidi della lingua tumida. Lori le passò una mano tra i boccoli biondi, mentre la lingua discese sul ventre e mille brividi incominciarono a pervaderla insinuandosi nelle membra. Miriam scese ancora e si soffermò sull’interno delle cosce e sui fianchi sinuosi… Lori allargò le gambe mostrando il rosa intenso delle labbra vaginali. Miriam si eccitò talmente alla vista e al profumo del sesso esposto che ebbe un orgasmo che la fece bagnare completamente. Avvicinò le labbra alla vagina di Lori che si gonfiava poco a poco, allargandosi sempre più, mostrando il varco del piacere. Miriam le prese tra le labbra il clitoride, completamente fuoriuscito, iniziando a titillarlo con maestria che solo una donna poteva possedere. Quando capì che cominciava a bagnarsi avvicino le dita alla vagina e la penetrò con due dita rivolte verso l’alto massaggiando il clitoride dall’interno, dando a Lori un brivido di piacere incredibile. Continuò fino a quando la vagina ebbe una contrazione fortissima stringendo le dita come se non volesse farle più uscire, mentre Lori mordeva le lenzuola per non gridare.
Miriam estrasse le dita e infilò la lingua turgida più profondamente possibile aspergendo il fluido saporito di Lori che ebbe ancora una scossa a tutto il corpo.
Lori si divincolò e presa dall’eccitazione più intensa rivoltò il corpo di Miriam e iniziò lei a leccare la vagina umida e il clitoride durissimo. Fece lo stesso, che aveva appena provato, a Miriam costringendola alle stesse eccitanti sensazioni.
Miriam venne spruzzando il liquido della sua vagina sulle labbra e sulla faccia di Lori che, al sapore dello zampillo, si lasciò andare in un ennesimo orgasmo, meno violento, ma intensissimo. Poi si lasciò cadere con il viso sul delizioso ombelico della bionda creatura, ancora gemendo.
Non si accorsero le due donne che alla finestra, dietro la tenda, c’era Artico con il membro in mano e lo sguardo appagato. Lui si avvicinò al talamo e sia Lori che Miriam gli fecero posto tra loro distendendolo. Lori iniziò a leccare il glande mentre Miriam massaggiava lo scroto.
Miriam si addentrò con le dita fino al perineo e poi raggiunse l’ano e dopo essersi leccata un dito lo infilò nell’orifizio dell’uomo andando a tastare la parte interna della prostata, procurando un piacere intentissimo ad Artico che non si ritrasse a quel gioco.
Quando Lori smise di leccargli il membro si mise con la vagina umida sulla sua faccia e Miriam iniziò a cavalcarlo con tutte le forze rimaste. Artico leccò il clitoride e la vagina di sua moglie finché non senti il fluido caldo colargli sul viso. A quel punto si alzò rovesciò il corpo di Miriam con il sedere e l’ano in bella mostra, lecco l’ano passando le mani sul clitoride titillandolo brevemente poi sputò calda saliva sull’orifizio della bionda e lo penetrò prima dolcemente poi sempre più forte facendola sussultare con gemiti ad ogni penetrazione.
Lori non restò a guardare, si distese sotto le gambe piegate del marito e raggiunse la vagina grondante di liquido di Miriam. Iniziò a baciarla e succhiare il clitoride mentre con le dita affusolate si masturbava a sua volta ricercando l’orgasmo ancora una volta.
Le penetrazioni divennero sempre più rudi e frequenti, Artico spingeva il suo pene turgido con tutta la foga che l’eccitazione del momento gli permetteva, andando sempre più in fondo al sedere di Miriam che gemeva sempre più forte, anche perché stava godendo in simultanea della lingua di Lori che si insinuava sempre più nella vagina e quando non era la lingua erano le tre dita che la sposa le introduceva fino a toccarle il collo dell’utero.
Miriam godette nuovamente di un fortissimo orgasmo nello stesso istante che Artico gli veniva nell’ano facendo colare tutto lo sperma sulla faccia della moglie. Lori a quel punto lasciò la vagina contratta a morsa e prese in bocca il pene del marito leccando e assaporando il piacere del corpo di Miriam e il salmastro gusto dello sperma caldo appena fuoriuscito.
Poi si lasciarono cadere sul letto stremati, era l’alba.
La stessa mattina partirono tutti e tre per un’isola poco distante allontanandosi, mano nella mano, per altri piacevoli momenti d’intimità mai provata prima…. Non si lasciarono mai più!

Commenti [10]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *