uno dopo l’altro. Parte 1

Hits: 4

Come ogni fine settimana ci incontravamo Io, mia moglie Erica, il mio amico Fernando con la moglie Elisa (tutti trentenni) o per andare a ballare, o per una pizza o altro. Quel sabato sera del mese di Aprile poiché pioveva decidemmo di rimanere in casa a chiacchierare ed a guardare la TV. In televisione trasmettevano un film commedia all’italiana con tradimenti tra coppie con scene di nudo non porno. Ad una di queste scene mia moglie disse che fare sesso come avveniva in Tv con un solo uomo per volta non fa godere bene una donna mentre si avrebbe la miglior goduria far sesso con due uomini contemporaneamente. Fernando subito le disse perché tu preferisci che ti tappino simultaneamente tutti i buchi figa e culo. La risposta fu immediata:”cretino” non è farsi tappare insieme figa e culo, che è anche una bella esperienza da provare, ma farsi pompare in vagina in continuazione ossia prima un uomo e dopo che questo ha sborrato subito l’altro fino all’ultima goccia di sperma. Intervenne in merito Elisa dicendo che Erica aveva ragione e che il godimento che si raggiunge è il massimo. Aggiunsero all’unisono le nostre compagne che questo purtroppo non poteva avvenire in quanto loro erano a noi fedeli. Subito risposi che per me non c’erano problemi in quanto per la felicità ed il massimo piacere di Erica ero disponibile a soddisfare il desiderio appena espresso di mia moglie ossia farla chiavare come lei voleva da due uomini, anche Fernando si associò a quanto da me detto.
Presero la parola Erica dicendo che lei era disposta a chiavare con me e Fernando ma senza la presenza di Elisa, stessa risposta fu data da Elisa ossia senza Erica e che comunque era una cosa fattibile se fossimo tutti d’accordo, e ciò doveva avvenire nel periodo non fertile e quando non c’era il mestro. Ossia la data andava concordata.
Tale proposta fu più volte rilanciata nei vari fine settimana fino a quando un mercoledì di giugno mia moglie Erica, dopo avermi consultato sull’opportunità o meno di fare sesso anche con Fernando, chiamò Elisa dicendole che come da Lei richiesto venerdì poteva partire insieme alla mamma per andare a fare le pulizie alla villa a mare, che Fernando all’uscita dal lavoro sarebbe venuto da noi per poi raggiungerla sabato.
L’aver accettato la proposta rese felice Erica esprimeva soddisfazione da tutti i pori baciandomi in continuazione. Telefonò all’estetista per farsi depilare l’inguine, ma ebbe una risposta negativa in quanto non aveva disponibilità per tutta la settimana. A quel punto mi offrii di depilarla con il mio rasoio. Accettò perché voleva presentarsi in modo accurato alla vista di Fernando. La feci sdraiare sul letto, presi pettine, forbici, acqua, sapone da barba, rasoio elettrico e rasoio con lametta ed iniziai. Prima usai il pettine per raccoglie i peli che tagliavo con le forbici, poi il rasoio elettrico. In questa prima fase il cazzo era diventato sempre più duro ed io sempre più eccitato mi misi in libertà pregando Erica di farmelo ammosciare prima di usare il rasoio con la lametta. Sorride, prende il pene lo riempie di baci. Mi succhia le palle e in un batter d’occhio il pisello diventa un grosso randello lo lecca dalla base fino alla punta, poi prende a giocare col filetto. Mi passa la lingua su tutto il glande ed ecco e in breve viene un fiume di sborra che si riversa in gola. Il cazzo si ammoscia ed io chiedo ad Erica di stare ferma e per meglio far scivolare il rasoio con due dita nella figa sollevo la pelle e ciò manda in visibilio Erica per Lei era tutto entusiasmante facendole sentire brividi di piacere al contatto freddo della lama sulla pelle. Poi le spalmai la crema lenitiva e visto che era eccitatissima cominciai a lavorare con la lingua prima leccai il suo interno coscia e la parte esterna della sua vagina. Con la lingua giochicchiavo con il clitoride, Erica ansimava e gemeva ed io leccavo con forza, con le mani stringevo con forza il suo sedere per darmi ancora più forza.
“Sento la tua lingua dentro – diceva ansimando – ti prego non fermartiiiii!!”.. Continuai per minuti interi, immerso nella passione di quei baci fino all’orgasmo con la il conseguente rilassamento.
Si alzò e la portai davanti allo specchio, si ammirò e affermò dandomi un bacio sei bravissimo, ora posso farla vedere a Fernando contemporaneamente mi disse che anch’io dovevo depilarmi perché così ero impresentabile. Non volevo farlo dicendo che forse anche Fernando non si sarebbe depilato e Lei meglio così il tuo cazzo sarò più bello. Per me fu una tortura in quanto Erica mi faceva spaventare quando usava il rasoio con lamette tanto che il cazzo si ammosciava e la poverina tentava in mille modi di farlo indurire per meglio usare il rasoio. Anche per me andò tutto bene ero come un pulcino spennato.
Giovedì e venerdì io e mia moglie prendemmo due giorni di permesso dal lavoro per completare i preparativi. Dal mercato acquistammo prodotti afrodisiaci per il pranzo di venerdì, poi passammo dalla farmacia dove mia moglie acquistò delle creme e soluzioni. Una volta a casa si spogliò e mi ordinò di spalmare sulla figa la crema lenitiva acquistata, di passare sulle labbra una specie di rossetto per figa che la esaltavano e infine lo sbiancante per il culo, poi disse di spogliarmi e cominciò a spalmare un liquido che rendeva lucido il cazzo, manteneva più a lungo l’erezione e funzionava da ritardante della sborra.
A questo punto le dissi per me non ti sei mai fatta così bella e lei geloso ehh! Ma non vedi che ti sto facendo bello in modo che il tuo cazzo sia migliore di quello di Fernando? e possa raccontarla alla moglie in modo che Elisa voglia assaggiare il tuo pene al più presto?
Arrivò il venerdi, mia moglie si alzò presto ed iniziò a preparare uno squisito pranzetto costituito dal seguente menù: caviale e ostriche come antipasto, spaghetti di eros come primo, dei gamberi al sesamo per secondo, frutta e cuore di cioccolato come dessert il tutto accompagnato champagn e vino.
Verso le undici ci preparammo per accogliere l’ospite. Dopo aver messo le varie creme, lo sbiancante ed il rossetto sulle labbra della figa a mia moglie e il liquido sul mio cazzo mia moglie indossò solo un grembiule a salopette che le copriva davanti il seno, aperto sui lati da dove era visibile, spalla leggermente coperta, dalla vita in giù coperte avanti e dietro con possibilità dai lati di intravvedere le cosce. Io invece in bermuda.
Alle dodici circa bussò Fernando, andammo alla porta e mi consegnò un dolce ed una bottiglia di vino, e ci salutammo dando un bacio sulla guancia ad Erica che gli disse come mi vuoi penetrare e non mi dai un bacio in bocca con la lingua? Lo prese in contropiede si avvicinò appena alla bocca ed ecco Erica da buona zoccola iniziò a slinguare. Poi le disse di mettersi a suo agio ossia di svestirsi ed iniziò visto l’indecisione a sbottonare la camicia fino a lasciarlo con i boxer.
Andammo nel salotto a parlare ed a toccare mia moglie una bella donna alta 1,70, un seno spettacolare 4 di misura, 60 cm di giro vita e 90 di fianchi con due belle gambe ed un culo ben sodo e visto che i cazzi si indurivano Erica ci invitò a fare la doccia prima di mangiare visto che eravamo sudaticci.
Per fortuna che la cabina doccia è per due persone extra large, Erica si tolse la salopette rimanendo completamente nuda, Fernando era timoroso e mia moglie gli abbassò i boxer ei io tolsi i miei subito Erica iniziò ad elogiare i nostri cazzi prendendoli in mano e dicendo nè grosso, nè lungo ma duro che duri ci facemmo una risata, fece i complimenti a Fernando e disse vediamo quanto dura questo bel cazzo che uso per la prima volta ed inziò con le mani a fare su e giù sui nostri peni invitandoci a toccarli cosa questa che facemmo con ribrezzo poi si piegò e sotto l’acqua scrosciante inizio a baciarli e leccarli perchè voleva vederci sborrare prima di mangiare tanto per penetrarla c’era tutta la giornata a disposizione. Fece un lavoretto di quelli che solo lei sa fare riuscì a farci godere in modo celestiale, mentre io e Fernando le toccavamo il seno, la figa tentammo di metterglielo dentro, ma lei disse dopo. la mia depilazione e l’unguento mi aveva reso il pisello solo per questioni ottiche più lungo e grosso ed in effetti sborrai ben dopo Fernando che aveva lanciato il suo seme sulla faccia di Erica che provvedeva ad assaggiarlo dicendo che era buonissimo, ma diverso come sapore dal mio invitandoci ad assaggiarlo cosa che ci rifiutammo di fare.
Terminata la doccia mia moglie ci asciugò e noi asciugammo lei. Ci invitò a mettere i boxer, poi andò un attimo in camera da letto (si mise il rossetto sulla figa senza dire niente) ritornò ci diede un bacio in bocca a tutti e due e si mise la salopette invitandoci a sedere a tavola.
Pranzammo divinamente mia moglie è un ottima cuoca poi telefonammo ad Elisa dove il marito disse che fino ad allora era rimasto entusiasta dell’accoglienza (e ti credo) poi parlarono le due donne ed infine Elisa telefonicamente mi chiese se il marito si comportava bene. Le risposi devi chiederlo a mia moglie io per la sua felicità sono contento e lo rifarei sempre su sua richiesta.
Terminata la conversazione Erica disse che potevamo andare in camera da letto dove iniziavano i giochi pregandoci di possederla uno alla volta di non intervallarci nella penetrazione che prima doveva essere uno fino a sborrare completamente e successivamente l’altro. Divieto assoluto di penetrale il culo.
Inizia io baciandola sulla bocca mentre lei afferrava la mia asta e se la infilava nella fica già fradicia pregandomi pompami, dai fottimi con furore, spingi fammelo sentire tutto, sfondami che voglio provare anche quello di Fernando e spingeva con forza baciando in bocca, mentre Fernando la accarezzava dopo poco venni inondandola e riempiendola tutta con parte della sborra che usciva dalla fica. Subito ordinò Fernando vieni gli afferrò il cazzo e se lo introdusse con Fernando che diceva ma almeno pulisciti dalla sborra di tuo marito e lei lì è il bello e mettendogli le gambe sul culo lo tirava a sè dicendo di continuare a pompare e che stava godendo come non mai aveva goduto nella sua vita, che aveva un bel cazzo e che poteva sfondarla nel frattempo io le palpavo il seno il culo e tutto ciò che si poteva toccare, mentre a vedere quella scena mi si induriva nuovamente. Venne anche Fernando in una copiosa sborrata ed esausto si abbandonò sul letto. Io chiesi ad Erica se voleva ancora il mio cazzo, ma Lei disse che era esausta e contenta. Ci rilassammo sul lettone. Verso le 20 ci vestimmo ed andammo a fare una passeggiata sul lungomare ed andammo in pizzeria.
Al ritorno verso le 22,30 rincasammo ci spogliammo tutti e tre e rifottemmo, come voleva Erica con ruoli cambiati prima Fernando e poi io. Aveva ragione Fernando infilare il cazzo nella figa piena di sborra non è piacevole, ma per amore di Erica lo feci con passione.
Alle sei del mattino Fernando ci lasciò per andare dalla moglie ed Erica mi ringraziava per quella esperienza che tanto desiderava due uomini tutti per Lei
Due mesi dopo rifacevo l’esperienza questa volta con Elisa e per me fu stupendo.

Commenti [33]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *