uno strano incontro

Mi presento, mi chiamo Alessandro 18 anni fra pochi mesi, esattamente in agosto, e voglio raccontare una storia che non pare vera ma in effetti lo è, e sta succedendo proprio in questi giorni tra vita vissuta e corrispondenza con una donna su annunci 69.
Abito in una grande città del nord Italia, leggermente in periferia in una palazzina a 4 piani con ampio terrazzo e vivo con i miei genitori, mamma Paola di 45 anni che lavora presso uno studio notarile del centro e papà Eugenio di 59, ingegnere progettista di macchinari per la lavorazione del marmo, spesso in giro per l’installazione nei vari cantieri.
Frequento il quarto anno di liceo scientifico con discreti risultati, gioco a calcio, ascolto musica ma soprattutto amo leggere di ogni genere e tipo, ho parecchi amici con cui condivido studi e divertimenti, insomma una vita tranquilla. ho anche una mezza fidanzatina con la quale però è difficile avere rapporti oltre i baci, data la formazione molto religiosa sua e della famiglia.
Come penso molti giovani della mia età vivo, anche se molto blando un certo “complesso edipico”, visto che mia mamma Paola è davvero una bella donna, alta 1.68, abbastanza magra con una terza di seno (almeno penso), un bel culetto ma soprattutto sempre allegra, confidenziale abbastanza aperta al dialogo.
Ogni tanto mi è capitato di sbirciare mentre lei è in bagno a farsi la doccia ma niente di particolare senza alcuna ossessione, solo qualche sega la sera pensando a lei ma sempre ben chiuso in camera mia con un suo paio di slip neri rubati tempo fa dal cesto della biancheria sporca.
Tutto viene a modificarsi quando tre domeniche era a pranzo da noi la sorella di mamma, zia Anna, di 3 anni più vecchia, molto simpatica, apertissima di carattere, gran tettona (ipotizzo una quinta) e mia madrina di battesimo per cui dice sempre che sono il suo nipote preferito; ma non sono questi i dati importanti, quanto la chiacchierata che ho sentito mentre mamma e zia dopo pranzo si sono fatte sul terrazzo di casa, inconsapevoli che io dalla mia camera avrei potuto sentirle.
Mamma confidava che da circa un anno il papà non era più lo stesso, sempre attento come marito e padre ma con una sorta di impotenza sessuale che lo rendeva nervoso e spesso assente.
– Pensi che abbia una relazione con un’altra donna – chiese zia Anna- con molta tranquillità
– Non penso proprio –rispose mamma- nulla me lo fa pensare, non ho mai trovato indizi, nessuna telefonata o SMS e nemmeno buchi di orari sul suo lavoro e spostamenti, solo che è apatico Adv e non ha quasi più erezioni
– Ti stai dando da fare, hai capito cosa intendo? – riprese la zia- insomma qualche abitino più sexy, qualche giochetto particolare? forse dopo tanti anni il rapporto va rinnovato
– Sì qualcosa ho fatto, ho prediletto i rapporti orali, parlo un po’ di più mentre stiamo vicini, ma avrei bisogno forse di qualche altro consiglio, ed è per questo che mi sto confidando con te, sorellona mia, visto che tu sei sempre stata la più spigliata fra tutte le sorelle –aggiunse Paola.
Intanto io ero incuriosito e cominciavo ad eccitarmi, anche se avevo un po’ di paura che mi scoprissero ad ascoltare i loro discorsi, mi si induriva l’uccello ma non potevo permettermi altro che rimanere immobile ad origliare da dietro la finestra sperando che i loro discorsi si fossero fatti più audaci e piccanti.
Mamma continuò dicendo che la situazione stava diventando difficile per lei, che sentiva l’esigenza di un uomo, che aveva bisogno di essere scopata ma non aveva alcuna intenzione, almeno per il momento, di farsi una storia fuori, ma avrebbe voluto aiutare papà in qualunque modo, anche magari ricorrendo all’aiuto di uno psicologo o un sessuologo ma non sapeva come affrontare il problema visto che lui non parlava volentieri di questo problema ma sempre diceva che era lo stress, i continui viaggi in aereo insomma che non aveva una vita tranquilla e che gli anni cominciavano ad avanzare.
Zia Anna scherzando, ma nemmeno troppo, le disse che avrebbe potuto provare lei con Eugenio, a stuzzicarlo un po’, per verificare se fosse stato solo desiderio di cambiamento, ma certo non incontrò il consenso di mamma che comunque, anche se come ultima possibilità l’avrebbe preferita ad altre avventure fuori famiglia.
Zia le ricordò anche che non avrebbe avuto problemi a mettere un cornino a suo marito, visto che lui non si era fatto problemi in passato ad offrire incontri amorosi con le clienti in cambio di un paio di scarpe del negozio che gestivano assieme.
Avrebbero dovuto organizzare un incontro e non sarebbe stato facile e soprattutto la mia presenza sarebbe stata d’intralcio, ma sicuramente sarebbe stato possibile.
Prima avrebbe tentato in altro modo – concluse mamma- poi solo alla fine avrebbe lasciato campo al tentativo di Anna, che non si sarebbe proprio immolata per la causa ma perché la situazione la stava intrigando parecchio.
La mia testa cominciava ad entrare in confusione, mi si stava aprendo un mondo nuovo, mai avrei immaginato di ascoltare simili discorsi fra zia e mamma e soprattutto stavo vedendo in maniera completamente diversa le due persone femminili più vicine a me da sempre.
Non più solo mamma e zia ma due donne, belle, possibili fantasie e non solo, sessuali, uno strano gioco di testa si stava impossessando di me,io sono nel pieno della giovinezza.
Con zia Anna, avevo sempre avuto molta confidenza, ma naturalmente mai nulla al di fuori delle righe, solo qualche battutina sulle mie fidanzatine, qualche malizioso accenno ai siti internet, visto che suo marito Pippo ogni tanto andava a guardarli e lei mi diceva che lo apostrofava con un simpatico “vecchio porco”; lo zio ha 64 anni simpaticissimo, gran tifoso milanista da stadio, cuoco dilettante, buona forchetta, insomma il vero godereccio della vita.
Con mamma, una confidenza sicuramente diversa, in un certo senso un po’ di complicità, visto che sono figlio unico e papà spesso in giro, ma anche con lei mai nulla tranne quello che ho raccontato prima, qualche mio bacio che sfuggiva vicino alle sue labbra, qualche leggero sfregamento contro le sue tette insomma cose direi molto innocenti. Lei mai mi ha incoraggiato ma nemmeno mai ha rifiutato le mie effusioni.
Che fare ora, come bloccare o lasciar andare la fantasia, anche se poi tanto fantasia non era visto quello che stava succedendo, a chi chiedere aiuto?
Mamma e zia finirono la loro chiacchierata, io potei allora rientrare in sala, anche se il rigonfiamento dentro gli slip non fosse calato molto, ma ritenni che non lo avrebbero notato, salutai zia Anna con un bacio un po’ più insistente del normale, le promise che sarei andato presto a trovarla e che mi avrebbe fatto molto piacere andare a passare un fine settimana con lei e lo zio nella loro casa nell’entroterra di Finale ligure, gli zii non hanno figli e sono molto affezionati a me. Ogni tanto vado anche ad aiutarli nel negozio di scarpe e mi diverto un sacco, ma questo lo racconterò un’altra volta.
Così mi ritirai in camera mia, dicendo che avrei dovuto studiare, ma in effetti avevo la necessità di andare subito in internet a trovare qualcosa che mi sarebbe potuto essere d’aiuto.
Oramai era ora di cena, mamma mi stava chiamando per aiutarla a preparare tavola, papà sarebbe arrivato da li a poco ed io non avevo trovato nulla nella mia ricerca sul web, ma mi sarei dedicato in tarda serata.
La cena filò via liscia, anche se mamma mi disse dopo che l’avevo guardata in modo un po’ strano; io ovviamente negai pur accorgendomi che ero diventato un po’ rosso in faccia ma tutto bene, così me ne andai in camera mia a continuare la ricerca e finalmente scoprii il sito “annunci 69” dove rimasi colpito dal settore “incesti” nei racconto pubblicati.
Mamma mia che manna, di tutto e di più, roba da star sveglio tutta la notte: racconti adirittura a puntate con storie che sembravano al limite della realtà, anzi sicuramente così ma anche sicuramente eccitanti e che potevano darmi qualche spunto.
Mi concentrai soprattutto su storie scritte da mamme o da zie nelle loro relazioni con figli o nipoti, tralasciando quelle omosessuali perché non incontravano il mio desiderio, fui colpito anche da storie tra nonne e nipoti, fratelli e sorelle, spesso piene di tenerezza prima e di arrapamento poi.
Quella notte inondai almeno tre volte gli slip di mamma con il mio sperma fino a che esausto, con mano e pisello distrutti dalla fatica, mi addormentai fino al mattino successivo.
Nei giorni successivi, passata la foga dei racconti, e delle seghe, continuai nelle mie pensate ma non riuscivo a trovare un modo per uscirne finché due domeniche fa di pomeriggio, papà era andato allo stadio con lo zio Pippo, mi trovavo a casa solo con mamma e dopo pranzo ci mettemmo a guardare la tele, nessun programma aveva attirato la nostra curiosità, così ci venne un colpo di sonno e in breve ci trovammo sdraiati sul divano a sonnecchiare.
Io appoggiai la mia testa sul suo ventre e la mano tra il suo fianco e la testata del divano socchiusi gli occhi e mi pareva di essere in paradiso, mamma invece mise la sua mano sinistra sulla mia testa, mi accarezzo più volte poi anche lai si assopì.
Dopo pochi minuti, sentivo un suo leggerissimo russare, si era completamente lasciata andare così io approfittai della situazione per avvicinare la mia mano sul suo seno, facendo molta attenzione a non svegliarla, finché sempre con più audacia cominciai a palparla sentendo il suo capezzolo irrigidirsi con lentezza e mi sarebbe venuta una gran voglia di mettere la mano dentro il reggiseno, ma non osai tanto e devo dire di aver fatto bene perché avrei potuto provocare un vero casino, immaginatevi se si fosse svegliata, non avesse gradito, mi avrebbe mollato un paio di ceffoni e così tutto sarebbe andato in malora.
Dovevo assolutamente trovare una soluzione, ma non sapevo come.
Dopo un po’ mamma si svegliò, io avevi tolto la mano dalla sua tetta, anche se era molto vicina, lei si alzò, mi diedi un bacetto sulla guancia e una carezza poi si ricompose il golfino che io avevo un po’ stropicciato, ma non disse assolutamente nulla, lasciandomi nel dubbio che non se ne fosse accorta oppure sì.
Mi disse che aveva riposato bene, che aveva anche fatto un sogno molto piacevole ma non lo ricordava, e mi invitò ad andare a mangiare un gelato vicino a casa.
La sera dopo cena mi venne l’idea di scrivere a qualche autrice dei racconti, visto che qualcuna lasciava l’indirizzo mail invitando i lettori a scrivere e dopo un paio di tentativi andati a vuoto, non so nemmeno se fossero femmine o maschi, nei giorni successivi ho avuto la fortuna di ricevere la risposta da Federica, una persona che oserei definire semplice e delicata, che ha accettato di condividere con me le mie emozioni e si è detta disponibile a darmi qualche consiglio.
Ci siamo scambiati tre o quattro mail, nulla di più, ma mi par di capire che entrambi siamo intenzionati a continuare questo scambio e che ci attira l’idea della scoperta anche in termini erotici delle rispettive esperienze, la mia adolescenziale la sua sicuramente più matura visto che ha quasi l’età di mia mamma paola.
Ora che avete scoperto il motivo del titolo di questo racconto, se volete posso aggiornarvi con il seguito
A presto
Ale

Commenti [8]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *