vacanza in Jamaica. parte 1

Hits: 9

Mi chiamo Daniel ho trent’anni e sono jamaicano; sono alto un metro e ottantacinque di bel aspetto ed ho il fisico scolpito dall’esercizio fisico e da anni di duro lavoro. Sono di carnagione mulatta, mia madre, infatti era italiana mentre mio padre è un jamaicano nativo di Negril, dove ancora oggi vivo.
La commistione di razze, oltre al colore della pelle, mi ha dato delle caratteristiche fisiche del tutto peculiari, la mia struttura fisica è, infatti, quella tipica dei jamaicani: snella e muscolosa; i tratti del viso sono, invece, molto simili a quelli degli europei, il colore dei miei occhi poi è una vera stranezza: un verde intenso assolutamente insolito per la mia etnia.
Fin da quando ero ragazzino lavoro in un Restor a cinque stelle molto famoso qui a Negril, è un lavoro molto ambito per la popolazione locale ed io sono riuscito ad averlo solo perché parlo perfettamente l’italiano, lingua che mi ha insegnato mia madre fin da bambino.
Nel Restor svolgo prevalentemente l’attività di cameriere in spiaggia e di assistente ai bagnanti, ma in realtà faccio di tutto, mi occupo, infatti anche della manutenzione della struttura ed alla sera aiuto gli animatori nell’organizzazione delle serate; è un lavoro molto impegnativo che occupa ogni ora delle mie giornate.
Si potrebbe pensare che io sia il tipico rasta sciupa femmine che scoperebbe qualsiasi essere femminile respirante pur di farsi portare a vivere in Europa; in realtà non è affatto così.
A parte il fatto che non ho i capelli rasta ma che al contrario li porto praticamente rasati, io voglio continuare a vivere la mia vita qui a Negril, qui ho i miei affetti, i miei ricordi, mi trovo bene; non mi interessa quindi trovare una scappatoia sessuale per poter vivere altrove.
Certo la vita per la popolazione locale non è facile, si lavora molto e si guadagna poco, ma a me va bene così.
Le donne non sono mai state un problema, ne ho avute molte tra cui anche parecchie turiste, nessuna mai però era ospite del Restor dove lavoro; lì le regole sono rigide: il personale deve tenere il proprio attrezzo nei pantaloni, ogni insidia alle ospiti viene infatti punita con il licenziamento, cosa che qui a Negril significa la fine dell’unica fonte di sussistenza economica, nonché dell’unica possibilità di condurre un’esistenza dignitosa.
Nel mio giorno libero, inoltre, per arrotondare accompagno i turisti in escursioni alla scoperta di sperdute isolette vicine a Negril; possiedo, infatti, una piccola imbarcazione con il fondo piatto che funziona sia a motore ma che può navigare anche a remi, in tal modo posso raggiungere ogni più piccola isoletta, navigando anche dove le barche più grandi non arrivano.
I miei datori di lavoro lo sanno, ma mi consentono comunque di svolgere questa piccola attività parallela anche perché molti ospiti del Restor chiedono questo tipo di servizio che con le imbarcazioni classiche non è possibile offrire.
Io sono uno con la testa sulle spalle ed al mio lavoro ci tengo; è per questo che oggi sono tesissimo, sento che potrei fare un passo falso, sento che potrei cedere ad una tentazione e mettermi nei guai.
Oggi, infatti, lei ed il suo compagno mi hanno chiesto di accompagnarli in escursione alla scoperta di una spiaggia dove poter rimanere soli in piena libertà.
Lei l’ho vista per la prima volta sei giorni fa, è un ospite del Restor: una bella donna di circa quarant’anni molto ben portati. E’ di altezza media, magra, bionda con i capelli lunghi e gli occhi azzurri, ha un culetto alto e sodo ed un seno non enorme ma ben fatto; i lineamenti del viso sono dolci ed il sorriso ammaliante.
Le uniche cose che so di lei è che è italiana, che si chiama Donatella e che probabilmente ha intenzione di farmi impazzire.
Una donna con un atteggiamento così spregiudicato io non l’ho mai incontrata in vita mia: durante il giorno in spiaggia è costantemente in topless ed usa dei perizomi talmente piccoli che a volte mi viene il dubbio sia completamente nuda, non ha alcun imbarazzo con nessuno al punto che a volte ha avuto la sfrontatezza di venire al bar a chiedermi un coktail con le tette di fuori, fissandomi dritto negli occhi con fare ammiccante finché glielo preparavo.
Non ha alcuna remora a mostrarsi fra la gente e i commenti un po’ maligni degli altri ospiti le scivolano addosso come l’olio solare che si spalma sulla pelle lucida prima di mettersi a prendere il sole.
Mi ha preso di mira e fa di tutto per eccitarmi: mi fissa, mi sorride, si mostra in continuazione ed in modo impudente.
Di sera però la signora da il meglio di se stessa; due giorni fa durante la notte latino americana si è presentata vestita unicamente di una sottile magliettina assolutamente scollata e di una minigonna in jeans che non le copriva oltre metà coscia; la cosa che, però, mi ha fregato la testa è che sotto non indossava l’intimo.
Esatto !!! Quella puttanella non aveva addosso né reggiseno, né mutandine. Me ne sono accorto quando l’ho vista seduta al bancone del bar con le gambe semiaperte; all’inizio non volevo crederci, ma poi mi sono avvicinato e con fare furtivo le ho sbirciato fra le cosce, è stato allora che ho scorto la sua splendida fighetta del tutto depilata.
Un brivido freddo mi ha percorso la schiena quando lei si è accorta che la stavo guardando fra le gambe; pensavo le avrebbe chiuse o che perlomeno si sarebbe voltata.
Invece no !!! La signora mi ha fatto un bel sorriso ed ha spalancato ancora di più le cosce, con il risultato che il mio cazzo nero stava per far esplodere i pantaloncini che indossavo; a dire il vero avrei giurato che anche lei mi stava squadrando nelle parti intime, ma forse era solo un’impressione.
Impressione un accidente !!
Ieri mattina in spiaggia come al solito stava prendendo il sole seminuda, quando mi chiede di avvicinarmi a lei; pensavo volesse ordinare da bere ed invece, con estrema naturalezza mi ha chiesto: “Ti è piaciuto quello che ti ho mostrato ieri sera, vero ??”.
Un brivido gelido mi ha attraversato il corpo come la corrente elettrica e con finta sorpresa le ho risposto: “Non so di cosa stia parlando signora”.
“Ha no ??” mi ha detto regalandomi un altro dei suoi splendidi sorrisi e poi ha aggiunto: “Bhè, le mie tette ed il mio culo ce li hai davanti tutto il giorno, ma a dirtela tutta speravo proprio che della mia passerina te ne saresti ricordato. In ogni caso volevo solo dirti che nella mia cabina ho lascito il perizoma che avevo addosso ieri e che se ti va di usarlo, hai il mio permesso”.
“Prego ??” le ho risposto con vistoso imbarazzo.
“Adesso io mi spalmo l’olio solare e se vuoi puoi spiarmi dalla mia cabina mentre giochi con le mie mutandine, poi quando hai finito lasciale dove le hai trovate, così potrò vedere quanto ti sono piaciuta” mi ha spiegato con voce maliziosa.
Non ho aggiunto una sillaba e con il sesso che mi pulsava da sotto i pantaloni, mi sono diretto nella cabina della signora e lì mi sono chiuso a chiave; come aveva detto lei ho trovato appeso ad un attaccapanni il suo minuscolo perizoma, l’ho afferrato e l’ho portato vicino al viso, aspirando il suo forte odore di femmina.
Poi da una fessura nella porta l’ho spiata; lei sapeva che io ero lì e mentre si spalmava addosso l’olio solare guardava in direzione della cabina, sicura che la stessi guardando a mia volta.
Finalmente nascosto, ma con il cuore in gola per la paura di essere scoperto, ho liberato il mio sesso dalla prigionia degli indumenti e ho cominciato a masturbarmi come un ragazzino: i miei occhi la accarezzavano da lontano ed erano fissi su ogni suo piccolo movimento, la sue mani sui seni e sul ventre mi facevano impazzire mentre mi davo piacere.
Ho però realmente pensato di impazzire quando da lontano l’ho vista infilare la mano dentro il tanga che indossava e cominciare a toccarsi fra la gente dove tutti avrebbero potuto vederla; è stato a quel punto che ho preso il suo perizoma e l’ho arrotolato attorno al mio cazzo.
Lei si toccava sdraiata su una spiaggia pubblica ed io la spiavo da dentro una cabina; mentre mi masturbavo sussurravo a bassa voce “Puttana !! Sei una puttana e ti voglio riempire di sborra ovunque”.
Posso giurare di averla vista venire in spiaggia in mezzo a decine di persone che stavano prendendo il sole vicino a lei; non saprei dire se qualcuno se ne è accorto, l’unica cosa che so di sicuro è che quando l’ho vista mordersi le labbra e contrarre la schiena mentre si stava toccando in modo inequivocabile, anche io sono venuto, inondando di piacere il suo perizoma.
Dopo l’orgasmo, mi sono reso conto di quello che stavo facendo e mi sono subito ricomposto; le mutandine della signora erano zuppe del mio sperma ed io mi ero appena masturbato su una cabina riservata agli ospiti; tanto bastava per farmi licenziare e forse anche per ben altro.
In ogni caso, ho obbedito alla signora ed ho lasciato lì il perizoma; prima di uscire ho controllato che non ci fosse in giro nessuno e poi sono letteralmente scappato via, stando bene attento a non incrociare lo sguardo di lei.
Ho cercato di evitarla per tutto il resto del giorno, ma ieri sera mentre aiutavo gli animatori a fare il proprio lavoro me la sono ritrovata davanti.
Era splendida: indossava un top a fascia aderentissimo dal quale spuntavano impertinenti le punte dei capezzoli quasi a voler bucare la stoffa dell’indumento; le gambe lisce erano completamente scoperte, la signora infatti indossava una minigonna a balze ampia e svolazzante, talmente corta da lasciare intravedere la prima parte delle natiche.
Stavo per allontanarmi, ma lei mi ha bloccato: “Ciao !! Ci si ritrova finalmente. Io sono Donatella e tu come ti chiami ??”.
“Mi chiamo Daniel signora.”
Ho cercato di risponderle con educazione e distacco, ma la mia voce tradiva emozione.
Lei se ne è accorta e sorridendo mi ha detto: “Direi che visto quello che hai fatto stamattina potresti anche darmi del tu, che ne pensi ??”.
Le ho risposto ancora più imbarazzato: “Ti prego, non dirlo a nessuno è stato solo un attimo di debolezza io …”.
“L’ho trovato sai” mi ha detto interrompendomi.
“Cosa ??” le ho chiesto, fingendo di non capire.
Lei mi ha guardato sorniona e mi ha risposto con estrema tranquillità e naturalezza: “il perizoma dove hai scaricato un litro di sperma”.
Rimango di sale e prego che nessuno dei miei colleghi l’abbia sentita, ma lei incurante prosegue: “Quando sei andato via, sono subito corsa nella cabina, e ho trovato il tanga zuppo del tuo piacere ancora caldo; devo proprio esserti piaciuta tanto !!”.
Ho tentato di giustificarmi: “Mi dispiace io veramente non …”.
“Non hai nulla di cui scusarti” mi ha interrotto lei “è una cosa che mi ha fatto molto piacere ed ho apprezzato tantissimo, infatti, stasera ho addosso proprio quel perizoma e, ovviamente, mi sono ben guardata dal lavarlo prima di indossarlo”.
Io l’ho fissata senza emettere verbo e lei dopo essersi interrotta per un attimo ha alzato di sfuggita la gonnellina per permettermi di verificare quello che aveva appena detto e poi ha aggiunto: “Ti dirò la verità, oggi le abbiamo bagnate in due queste mutandine !!”.
A quel punto mi sono ritrovato in uno stato di terribile eccitazione, paura ed imbarazzo ed è lì che ho perso la concentrazione e mi sono fatto fregare da lei come un bamboccio.
Donatella ha approfittato della situazione e mi ha chiesto: “Mi sono informata, mi hanno detto che nel tuo giorno libero accompagni i turisti alla scoperta di piccole isolette nei dintorni e di spiagge deserte dove è possibile stare in massima libertà; io ed il mio compagno vorremmo che tu domani ci accompagnassi in un posto ove sia possibile prendere il sole nudi in tranquillità e magari fare anche qualcosa di più; che ne dici accetti ??”
Ho sentito la mia bocca dire: “Sì” mentre la mia testa mi diceva “che cazzo stai facendo ??” ma ormai era fatta, avevo accettato ed ogni scusa per tirarmi indietro sarebbe stata ormai vana.
Così adesso ho un enorme problema da risolvere: devo accompagnare in escursione una coppia di clienti, sapendo già che la bella signora farà di tutto per provocarmi sebbene sia presente anche il suo compagno.
Io del resto dovrò cercare di comportarmi nel modo più professionale possibile, tentando di dominare i miei più bassi istinti; in caso contrario metterei a rischio il mio lavoro e le mie possibilità di sussistenza.
Non c’è che dire la bella Donatella mi ha intortato per bene; prima mi ha fatto eccitare fino al punto di farmi perdere la testa e adesso mi ha letteralmente infilato nella situazione più a rischio nella quale mi sia mai trovato negli ultimi anni: le donne !!! Padrone del mondo !!!

Commenti [23]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *