vacanza in Jamaica. parte 3

Hits: 7

Quando mi risveglio è quasi mezzogiorno ed il sole alto picchia forte, Donatella ed il suo compagno stanno ancora dormendo.
E’ decisamente il caso di svegliarli, un’insolazione ed una pesante scottatura a queste latitudini è un rischio che non va mai sottovalutato.
Sfioro la spalla di Donatella, che poco dopo apre gli occhi e mi sorride: “Ciao” mi dice con lo sguardo ancora annebbiato dal sonno: “quanto abbiamo dormito ??”.
“E’ ora di pranzo” le rispondo, “Sveglia anche il tuo uomo prima che si prenda un’insolazione; andatevi a riparare sotto l’ombra di quel palmeto lì infondo; io recupero le provviste e vi raggiungo”.
“Ok” mi dice con aria stralunata.
Lei è bellissima, è ancora completamente nuda e non ha nessuna intenzione di rimettersi addosso alcunché; anzi si è assopita appena dopo che tutti e tre abbiamo raggiunto l’orgasmo. Nel suo viso, nel seno e nei suoi capelli sono ancora evidenti le tracce del mio piacere che lei non ha ripulito.
“Mamma mia !!” mi dice dopo essersi passata una mano nel viso “Quanta roba avevi lì dentro !! Mi hai sporcato ovunque; sento l’odore del tuo sperma dappertutto”.
“Ho portato dell’acqua, se vuoi dopo puoi sciacquarti” le dico con gli occhi fissi sul suo bel corpo che lei continua ad esporre al mio sguardo impudicamente.
“No !! Voglio tenerlo addosso questo odore; mi fa eccitare e mi fa sentire piacevolmente sporca: è una sensazione che adoro” poi si sospende ed aggiunge: “Però c’è una cosa da dire !! Tu non sei stato ai patti, io volevo che ti masturbassi di fronte a me, mentre mi guardavi scopare, invece, tu alla prima occasione ne hai approfittato per ficcarmi il cazzo in bocca e poi impudentemente mi sei venuto addosso; anzi mi pare anche che tu mia abbia dato della puttana un paio di volte prima di venire; sbaglio ??”.
Ormai, dopo quello che è accaduto non ha più senso indossare delle maschere per cui, pur consapevole del rischio che sto correndo le rispondo con tutta franchezza: “No non ti sbagli per nulla !! Ti ho dato della puttana e mi pare che ti sia anche piaciuto parecchio, così come non puoi nascondere che ti sia piaciuto succhiarmi il cazzo fino a farmi venire mentre il tuo uomo ti sbatteva incurante del fatto che avessi il cazzo di un altro in bocca” mi fermo e la guardo dritta negli occhi: “Vuoi che ti dica la verità ?? Te la sei proprio meritata quella sborrata in faccia !!!”.
Poi mi giro e mi avvio nudo verso la barca per prendere le provviste, senza aggiungere un’altra parola.
“Daniel !!” mi chiama lei mentre procedo verso riva
“Sì ??” le rispondo
“Sono contenta che tu non sia stato ai patti e credo anche io che quello che mi hai dato me lo sia meritato, anzi, hai ragione, ho fatto di tutto per averlo”.
Non le rispondo e proseguo per la mia strada.
Quando torno con le provviste trovo Donatella ed il compagno sotto il palmeto che prima le avevo indicato; sono entrambi ancora nudi, quindi, anche io mi adeguo e non mi copro; infondo passeggiare sulla spiaggia senza nulla addosso è una cosa che mi è sempre piaciuta.
Consumiamo le provviste in completa serenità ed armonia, nessuno fa cenno a quello che è successo un paio d’ore prima e chiacchieriamo del più e del meno; l’eccitazione però è palpabile e resta nell’aria, non fosse altro che per la spregiudicatezza di Donatella che non ha ritenuto opportuno ripulirsi del mio piacere pur essendo ora tranquillamente seduta accanto al suo compagno.
E’ proprio lui che alla fine esplicita quello che durante tutto il pranzo anelava nell’aria: “Grazie Daniel per l’ottimo cibo, ora mancherebbe solo un buon caffè”.
“Mi dispiace, ma per quello purtroppo non sono ancora attrezzato” gli rispondo con tono tranquillo.
“A proposito di attrezzo Daniel, mi pare che prima Donatella, il tuo lo abbia sollazzato parecchio e mi pare anche che tua abbia gradito, trovi che sia brava a fare pompini ??”.
“Molto !!” gli rispondo usando ora un certo tono di sfida.
“Bene” mi dice lui “allora vorrei approfittare anche io della dolce bocca della mia signora” poi rivolgendosi a Donatella gli chiede: “Ti dispiacerebbe tesoro ?? Sai vederti, prima, con il cazzo del nostro amico Daniel in bocca mi ha creato una certa eccitazione e vorrei poter godere anche io della tua dolce lingua”.
“Con vero piacere tesoro” gli risponde Donatella, avvicinandosi a gattoni verso il suo uomo per afferrare poi la sua asta già eretta e cominciare a succhiarla languidamente un secondo dopo.
Ancora una volta Donatella riesce a mandarmi completante fuori di testa, lo spettacolo che ho dinnanzi mi ferma quasi il cuore, Donatella è a carponi di fronte a me, mentre succhia il membro del suo compagno; il suo sesso è oscenamente esposto al mio sguardo così come il suo splendido buchetto del culo lucido di sudore e di umori.
La vedo leccare languidamente il cazzo di lui che commenta soddisfatto: “E brava la mia puttanella, senti come me lo succhi bene. Certo che sei proprio brava con la bocca, non so come abbia fatto prima Daniel a non venirti in bocca dopo pochi secondi, infondo il ragazzo è molto giovane e forse manca di esperienza per tenere a bada una donna come te”.
Donatella non gli risponde ma accelera il movimento della testa su e giù ed il suo compagno geme di piacere, mentre io sento montare dentro un mix di rabbia per le parole di lui e di eccitazione per l’assurda situazione che sto vivendo.
La posizione di Donatella, la sua assoluta sfacciataggine sono ormai per me un richiamo irresistibile e quasi senza accorgermene mi avvicino di un poco a loro, toccando il mio cazzo nero già di nuovo completamente eretto.
Mi inginocchio dietro a Donatella e comincio a masturbarmi con foga, ogni tanto accarezzo le sue natiche sode con la punta del mio sesso; lei sembra gradire e me lo fa capire con degli “Hmm” che pronuncia mentre ha la bocca piena del membro del suo compagno.
Comincio pian, piano ad accarezzarle il sedere con le mani, è lucido d’olio e la mia pelle scorre scivolosa sulla sua, la sensazione è magnifica.
Mi soffermo dapprima sul suo umido fiore di carne ove entro impudente con le dita fino a strapparle dei gemiti di piacere, ma non voglio esagerare perché ormai nella mia testa c’è già l’idea di farla venire con ben altro che le dita; poi decido di osare e mi concentro sullo splendido e stretto buchino del suo culo.
Mi inumidisco le dita di saliva e comincio a massaggiarlo dall’esterno, poi pian, piano mi faccio più audace e con delicatezza vi introduco per pochi millimetri la punta del medio.
Lei con il sesso di lui in bocca mi lancia un lieve gridolino di apprezzamento ed io vado oltre; con un gesto delicato ma deciso le infilo dentro tutto il mio dito medio, contemporaneamente con l’altra mano le introduco due dita nel sesso bagnato e comincio un lento ma continuo movimento alternato.
Lei impazzisce !!! Comincia a mugolare oscenamente, accelerando al massimo con la testa il movimento che sta facendo per dare piacere al marito, il quale assiste eccitato alla scena, cominciando lentamente anche lui a muovere il bacino per trarre più piacere possibile dalla disponibile bocca di lei.
“Sei una puttana !!” le dico mentre la masturbo con entrambe le mani “ti piace vero il mio dito nel culo ??”.
“Sì sono un troia” mi risponde lei staccandosi per un attimo dal marito “Voglio che mi tocchi ovunque, fammi venire, fammi venire !!!”.
“Ora ti farò una cosa che forse non hai mai provato in vita tua” le dico mentre sfilo le mie dita da lei.
Poi senza aggiungere altro con entrambe la mani le allargo le natiche fin ove è possibile ed un istante dopo la mia bocca si avventa vorace sullo stretto buchino del suo bel culo e la mia avida lingua comincia a danzare con furiosa ingordigia su di lei.
“Haaa !! E’ bellissimo; fammi sentire la tua lingua calda sul culo; fammi godere come una pazza” mi grida contro lei, ormai prossima all’orgasmo.
Io non mi faccio certo pregare e spingo forte su di lei fin quando non riesco a penetrarla con la lingua, assaporando ogni millimetro della sua parte più intima.
Lei continua a succhiare il cazzo del compagno che ormai è completamente attonito e paralizzato dall’eccitazione, ma allo stesso tempo emette forti mugolii di piacere; si sospende solo per chiedermi quello che volevo sentirle dire ormai da giorni: “Daniel ora voglio che mi scopi, fregatene di tutto e fottimi selvaggiamente, voglio sentire il tuo cazzo che mi sbatte, fammelo sentire dentro adesso !!!
Tolgo la bocca da lei, sentendo ancora forte il dolce sapore del suo culo, mi posiziono dietro di lei e le punto il glande in mezzo alla calda fessura che ritrovo già bagnata e caldissima.
Inarco la schiena e contraggo gli addominali tesi allo spasmo come ogni altra parte del mio corpo; in un istante il mio cazzo nero è completamente dentro di lei e comincio a scoparla furiosamente, spingendo con sferzate ritmiche e regolari.
Spingo talmente tanto profondamente che lei deve abbandonare il sesso del compagno per non soffocare.
“Ti piace vero puttana ?? Ti piace il mio cazzo, dimmelo” le grido contro finché ogni mio muscolo è proteso alla ricerca disperata del suo e del mio piacere.
“Sì” mi risponde lei quasi gridando “Sbattimi, sbattimi, voglio essere la tua troia, no anzi oggi voglio essere la troia di tutti, fammi sentire posseduta, fammi sentire riempita”.
Cerco di resistere il più possibile, non voglio ancora venire, voglio che prima possa sentire tutta la mia passione e la mia rabbia, voglio farle sentire tutta la mia forte virilità; il compagno di lei che ci guarda attonito masturbandosi ormai non lo considero nemmeno, è diventato solo uno strumento per fare aumentare ancora di più il piacere di lei.
La posseggo da dietro e con il pollice della mano tento di insinuarmi nuovamente sullo stretto orifizio di lei, finché le pareti ormai cedevoli del suo stretto buchino non lo accolgono al loro interno completamente.
Afferro, quindi, il tubetto di olio solare e gliene verso una quantità esagerata fra il solco delle natiche, voglio che le mie intenzioni le risultino oltremodo chiare anche perché non ho alcuna intenzione di desistere da quello che sto per fare; Infatti, lei mi capisce e mi anticipa dandomi il via libera: “Ora Daniel, iculami ora !!!, fai veder al mio uomo quanto puttana sono !!”.
Non mi faccio ripetere l’invito due volte; sfilo il cazzo caldo e bagnato dei suoi umori dal sesso di lei e lo punto sul suo orifizio già parzialmente dilatato; poi lentamente comincio a spingere fino a sentire attorno al mio glande le pareti di lei che cedono accompagnate da un suo lungo e lascivo lamento prolungato, alla fine spingo forte e le sono del tutto dentro: “Sì così, prendilo tutto, prendilo tutto nel culo !!!”.
Lei caccia un forte grido di godimento, sono assolutamente sicuro di non averle fatto male in alcun modo ed infatti non c’è traccia di dolore sulla voce di lei mentre mi dice: “Sì Daniel è stupendo, dammelo, dammelo tutto, sbattimi senza ritegno, fammi sentire sporca, fammi sentire la tua puttana !!!”.
Mi lascio andare completamente ho quasi deciso di riempirle il culo di tutta la mia passione, ma un’idea mi trapassa la mente come un fulmine; voglio farle provare ora qualcosa che sicuramente non ha mai provato prima, voglio che si ricordi di me per sempre.
Mi rivolgo, quindi, al compagno di lei e gli chiedo di stendersi per terra; lui obbedisce senza obiettare, il suo cazzo è teso e lucido e di abbondanti dimensioni, direi quasi quanto il mio.
Credo che lei godrà come una pazza.
Mi sfilo da lei e le chiedo ora di mettersi sopra il suo uomo accogliendolo dentro di lei.
Lei mi guarda con espressione sorpresa e mi chiede “Cosa vuoi farmi fare Daniel ??”
“Ora lo vedrai” le rispondo mentre lei con un veloce movimento accoglie il sesso di lui dentro il suo caldo fiore.
Lascio che lui la penetri per un po’, dondolandosi dentro di lei che gode: “Si amore, così voglio anche te, voglio che veniamo insieme, io sono la tua donna solo tua e oggi voglio essere puttana per te” gli sussurra Donatella all’orecchio.
Poi mi chino dietro di lei e guido con la mano la punta del mio pene contro il suo orifizio, cominciando a spingere lentamente.
Lei capisce subito: “Daniel, cosa vuoi fare ??? Non lo so … io veramente questo non l’ho mai fatto io ….”.
Spingo contro di lei e con una profonda sferzata le sono dentro, a questo punto il suo compagno si desta improvviso dal suo precedente torpore e contemporaneamente a me comincia un deciso e costante su e giù.
Lei perde la testa e comincia a muoversi come una pazza per ricevere tutto quello che noi le stiamo dando, per sentirci dentro entrambi come mai prima d’ora: “Sì, così, così vi voglio tutti e due, voglio che mi riempiate ovunque, voglio i vostri corpi addosso, sbattetemi, fottetemi”.
Io come il compagno di lei sono ormai ad un passo dall’orgasmo, mentre Donatella, l’ha ormai raggiunto già parecchie volte; mi concentro per non venire e contemporaneamente esaspero i miei movimenti per darle tutto il piacere che il mio corpo le può trasmettere; la scopo con foga inaudita dentro di me c’è passione ma anche furiosa rabbia per il modo in cui lei mi ha stuzzicato ed invogliato per tutta la settimana; la esprimo gridandole addosso tutto quello che mi passa per la mente, senza più pensare ad una sola parola di quello che le dico: “Sì così, prendilo, prendilo, ora ti sfondo ti sbatto fino a farti diventare pazza … haaa”.
Anche il suo compagno sta ormai per raggiungere l’orgasmo, la possiede con passione e vivo fervore, dando il meglio di se: è chiaramente un amante assai capace: “Sei la mia troia e ti stai facendo inculare da un altro uomo sotto i miei occhi, sei una puttana un cazzo solo ormai non ti basta più … prendili entrambi allora !!!”.
“Sì vi voglio tutti e due, vi voglio entrambi in bocca voglio che mi sborriate addosso e che mi ricopriate ovunque di caldo sperma, fatelo adesso vi prego !!!” ci incita sconvolta da una prolungata serie di profondi e violenti orgasmi.
Io ed il compagno di lei ci guardiamo per un istante negli occhi e non abbiamo bisogno di parlarci per capire cosa fare.
Ci sfiliamo all’unisono da lei e la facciamo inginocchiare in mezzo a noi; ci alziamo quindi in piedi in modo tale che i nostri cazzi siano davanti alla sua bocca a sua completa disposizione.
“Siete magnifici” ci sussurra guardandoci negli occhi “mi avete fatto godere come una pazza ed ora io farò impazzire voi”.
Il suo compagno le cinge quindi i capelli da dietro la nuca e le avvicina il viso al mio sesso: “Fammi vedere bene come glielo succhi, puttana !!”
“Con piacere tesoro” le risponde Donatella che un secondo dopo accoglie in bocca il mio sesso grondante dei sui e dei miei più intimi umori.
“Si così, leccami, leccami ovunque, leccaci entrambi” le dico mentre sono ormai prossimo all’orgasmo.
Lei quindi, afferra il mio sesso con una mano e quello del compagno con un’altra, riempiendosi la bocca prima dell’uno e poi dell’altro ed è una sensazione meravigliosa.
Credo di impazzire quando la sua bocca si avvinghia sotto il mio pene alla ricerca dei mie testicoli che succhia golosamente.
Poi si ferma per un istante e guardandomi seria diritta negli occhi mi dice “ora voglio restituirti il favore, bastardo !!”.
La sua bocca avviluppa in un secondo il mio sesso, cominciando un furioso su e giù reso scivoloso dalla sua calda saliva, poi la sua mano si sposta dal mio pene ai testicoli per raggiungere poi il mio orifizio sudato; capisco cosa vuole fare e le dico: “Coraggio non esitare, fallo ed io ti riempirò la bocca belle mia sborra calda”.
Un secondo dopo sento il suo dito che preme contro le pareti del mio orifizio ed io mi rilasso per lasciarla entrare, sento il suo dito entrare dentro di me; è una sensazione strana e piacevole, le lascio fare.
Lei mi succhia e mi penetra con dolcezza, continuando a massaggiare i miei testicoli lucidi della sua salvia calda.
“Non ti fermare, non ti fermare” la imploro un secondo prima di percepire il mio orgasmo salire violento dalla base alla punta del mio sesso per poi straripare copioso dal glande dritto nella bocca di lei.
Il primo fiotto di sperma le scende giù dritto nella gola e lei ingoia golosa; poi faccio a tempo ad estrarre il sesso dalla sua bocca per vedere un secondo fiotto di sperma colpirla in peno volto, nel mento, poi nei capelli per poi finire gli ultimi getti sul suo seno sudato.
“Sììì Così !!” grido esausto e stremato da uno strepitoso orgasmo.
Anche il suo compagno viene; la afferra per i capelli e si masturba veloce sopra il viso di lei: “Sì così, così, prendilo tutto, prendilo ora” grida prima di scaricarle addosso una copiosa quantità di caldo sperma che le cola addosso ovunque mentre lei tenta di leccarne con la lingua la maggior quantità possibile.
Io mi accascio al suolo vinto dall’impeto del meraviglioso orgasmo che ho appena avuto, Donatella si sdraia sopra di me stremata e ricoperta di sperma mentre, suo marito rimane in piedi di fronte a lei e le dice: “Ora voglio vederti leccare tutto quanto”.
Donatella non gli risponde ma comincia a portarsi tutto lo sperma che ha sul viso verso la bocca e con la lingua ne raccoglie la maggior quantità possibile, si lecca le mani come una gattina e vederglielo fare è uno spettacolo che non dimenticherò mai.
La sera arrivò presto, così come il momento di riaccompagnarli a casa, mentre il mare al tramonto mi riempiva gli occhi osservavo loro due abbracciati l’un l’altra; non c’era dubbio si amavano, avevo di fronte a me una coppia felice come raramente mi era capitato di incontrarne.
I giorni successivi trascorsero tranquilli e arrivò presto il giorno della loro partenza; qualche giorno dopo ricevetti una lettera dall’Italia, me l’aveva spedita lei, quando la aprii ci trovai dentro il perizoma che lei aveva indossato quel giorno ed un biglietto con poche righe: “Per non farti mai scordare di me, un bacio Donatella”.

Commenti [23]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *