vento caldo del sud

Hits: 0

Sergio mi ha spellato il culo a scudisciate, ieri pomeriggio. Movente: la gelosia. Tutto è iniziato quattro giorni fa, quando, dopo due mesi di corrispondenza privatissima e segretissima in una chat erotica, ho ricevuto nella mia città un bellissimo uomo siciliano, con il quale, in gran segreto, mi ero sentita via mail e tramite webcam. Salvatore ha settantacinque anni, ma una voglia di fica da ventenne arrapato. Semplicemente fantastico. Dopo la mia avventura con Nicola continuavo ad essere vogliosa di un’esperienza simile e, così, entrai in chat per averne una virtuale. Solo che … da cosa nasce cosa e con Salvatore decidemmo fosse giunto il momento di incontrarci. Sapevo che, la sera in cui Salvatore sarebbe arrivato, Sergio avrebbe dovuto andare ad una cena di lavoro molto importante, per lui, e che avrebbe gradito la mia compagnia, ma chiesi a Monica di sostituirmi ed a lui raccontai d’avere da fare con un’amica in crisi da consolare.
Naturalmente andai all’aeroporto a prendere Salvatore. Di persona superava le aspettative: alto, bei lineamenti, elegante! Mi accostai per salutarlo e lui mi strinse a sé schiaffandomi la lingua in bocca e due mani sul culo, lasciando di stucco la maggior parte delle persone che, probabilmente, immaginavano, tra noi, un rapporto familiare e non sessuale! Lo lasciai fare, naturalmente. Mi eccitò subito in modo esagerato. Ci dirigemmo, quindi, alla macchina parlando del più e del meno e lui approfittò subito per mettermi una mano in mezzo alle gambe, ordinandomi di togliere le mutandine, perché amava le donne “nature”. Feci come ordinato. Mi piaceva molto il suo modo autoritario di fare.
Andammo subito al suo hotel e mi portò in camera, facendo salire il cameriere con champagne e frutta fresca. Nel frattempo mi aveva già fatta spogliare tutta.
“Nude, mi piacciono le femmine!” mi disse.
Il cameriere mi guardò libidinoso e Salvatore gli allungò la mancia e lo fece accomodare fuori, sebbene senza eccessiva fretta, quasi apprezzando il suo sguardo su di me.
Bevemmo champagne e, nel mangiare frutta, mi infilò spicchi di mela nella fica per poi mangiarne di gusto. Infine si spogliò anche lui e mi scopò per bene. Dapprima me lo mise in bocca: un bel cazzo moscio e profumato di buono che si strusciava all’interno della mia bocca, quasi togliendomi il fiato, fino a farsi duro ed enorme. Poi me lo infilò nella fica, dove mi stantuffò con tale energia e sapienza da farmi godere più volte. Ansimavo con lui dentro e con la sua bocca che, nel frattempo esplorava la mia, a volte sputandomi sulla lingua affinché bevessi la sua bava. Quindi mi fece girare e mi disse che voleva provare il culo. Non me lo feci ripetere due volte e mi misi a quattro zampe, lasciando che le sue grosse dita mi esplorassero il buco del culo bagnate di crema e degli umori della mia fica. Quando si rese conto che l’avevo già bello allargato dalle pratiche con Sergio, mi schiaffeggiò pesantemente e mi disse che ero una porca, una bagascia e mi inculò prepotentemente, lasciandomi senza fiato. Quando venne sentii il culo riempirsi di sborra calda che mi diede un ultimo sussulto di piacere. Ci sdraiammo, infine, esausti ed appagati, l’uno accanto all’altra e cominciammo a parlare di noi, a conoscerci veramente. Non c’era cosa che dicesse, quell’uomo, che non mi facesse piacere sentire: mi stavo innamorando?
Tornai a casa, quella sera, sdrumata e soddisfatta, felice di non trovare Sergio e Monica, impegnati con la loro festa di lavoro. Mi addormentai quasi subito.
Il giorno dopo inventai un’altra scusa per vedere Salvatore in santa pace. Sergio storse la bocca: aveva promesso ad alcuni nostri amici che avremmo cenato insieme e non voleva andare con Monica che, tra di loro, era un’estranea. Gli chiesi scusa, ma gli dissi che la mia amica non si era ancora ripresa e che non potevo proprio abbandonarla. Avrei passato l’intera giornata e la serata da lei. Gli promisi, però, che l’indomani sera sarei stata tutta per lui.
“Questo assenteismo ti costerà un’uscita molto particolare, domani sera. Che ne pensi di un bel privé? Ti farò toccare da qualcuno e, forse, ti farò anche fare qualche pompa. Poi, però, torniamo a casa, perché ho voglia di scoparti e penso che anche tu ne sarai vogliosa. Dopo tutte queste assurde cure dedicate alla tua amica …”
“Sì” risposi, con l’aria più convinta che avessi. “Ne ho una voglia pazza. Ho praticamente scordato come si scopa!” aggiunsi ridendo, ben memore dalla meravigliosa scopata che mi ero fatta la sera prima con Salvatore e che avrei nuovamente fatto quel giorno.
Quando arrivai in hotel, Salvatore mi fece accompagnare in camera dove trovai un suo biglietto sul letto accanto ad una pacchetto regalo.
“Indossalo e scendi in piscina” recitava laconicamente il biglietto.
Aprii il regalo e trovai un ridottissimo bichini a perizoma ed un pareo trasparente. Lo indossai e mi guardai allo specchio: avevo praticamente tutto di fuori, ma stavo decisamente bene. Incurante del giudizio che avrei suscitato negli altri (mi importava solo di eccitare Salvatore e farmi dare un’altra dose del suo bel cazzo enorme), scesi in piscina e lo raggiunsi. Mi offrì un cocktail e mi disse che ero davvero arrapante, con quel costume.
“Ti hanno guardato tutti, mentre sei passata. Tutti, ora, vorrebbero scoparti. Quelli sposati si staranno prendendo il rimbrotto delle mogli, ma, probabilmente, cercheranno comunque di attaccare bottone con te; gli altri ti faranno proposte oscene non appena mi allontanerò”
Turbata dal fatto che potesse allontanarsi da me, chiesi di getto:
“Allontanarti? E dove vai? Io voglio stare con te …”
“Come dite da queste parti, sei una bella fregna, Debby, ma io ho un’età che non mi consente di scopare tutti i giorni, neppure col viagra. Oggi ti prendi uno di questi cazzi che stanno qui” ed indicò gli uomini che stavano in piscina “E te la godi. Io ti guarderò dalla poltrona. Domani, invece, prima di partire, ti darò una ripassata.”
Non mi allettava, certo, farmi scopare da uno sconosciuto, ma l’idea che Salvatore mi guardasse rendeva il tutto decisamente più piacevole. Nel frattempo mi resi conto che l’indomani Salvo avrebbe voluto scoparmi di nuovo, ma che io, inavvertitamente, avevo promesso la serata a Sergio. Chiesi, dunque, con apparante nonchalance:
“A che ora avrai l’aereo?”
“Alle sette e mezza. Fino alle cinque e mezza posso stare qui con te a farti godere …”
Pensai che, dopo tutto, ce l’avrei potuta fare: fino alle cinque e mezza con Salvatore ed, alle nove, club privé con Sergio. Sicuramente avrei avuto fica e culo in fiamme al termine di quella maratona, ma rinunciare non era pensabile.
Salvatore, come previsto, si allontanò ed il primo “candidato” si accostò a me chiedendomi di bere qualcosa insieme. Risposi di sì con entusiasmo. Non avevo voglia di scegliere chi mi avrebbe scopata, a me interessava solo che Salvatore mi guardasse. Per il resto: uno valeva l’altro. Presi da bere con un certo Dario, dunque, il quale mi disse che avevo un corpo da sballo e che quel costume mi stava proprio bene. Gli dissi, provocando il prima possibile una sua reazione (non vedevo l’ora di raggiungere Salvatore, anche se non mi avrebbe scopata), che, per come ero fatta io, era fin troppo castigato, perché a me piaceva la nudità; la trovavo arrapante. Vidi che qualcosa si muoveva nel suo costume ed il suo viso si accese di un colorito rosso fuoco. Mi disse che anche lui la pensava così e gli proposi di andare sul terrazzo della mia stanza a continuare a prendere il sole nudi. Avremmo trovato anche il mio compagno, aggiunsi, ma non avrebbe detto nulla; si sarebbe limitato a guardare. Dario non se lo fece ripetere due volte e mi seguì in camera, dopo, però, avermi chiesto se poteva far venire anche suo cugino. Indicò un ragazzotto di circa vent’anni che sedeva ad un tavolino poco distante e che sembrava molto interessato a cosa ci dicessimo io e Dario.
“Perché no?” risposi leggera e mi avviai in hotel dopo avergli dato il numero della stanza.
Quando entrai in camera vidi l’aria profondamente delusa che si era stampata sul volto di Salvatore nel vedermi sola.
“Non ti preoccupare, tra poco verremo raggiunti”
Si illuminò.
“Quale tipo hai rimorchiato?”
“Un certo Dario”
“Dario …” ripetè meccanicamente.
“ … E suo cugino”
Il volto di Salvatore divenne l’espressione della gioia.
“Due! Sei bravissima. Vieni qui, tesoro”
E mi stampò un bacio che mi raggiunse in gola, palpandomi ovunque. Si accomodò, quindi, in poltrona e si preparò allo “spettacolo”.
Dario e suo cugino bussarono alla porta pochi minuti dopo. Andai ad aprire completamente nuda.
Dario strabuzzò gli occhi, ma un istante dopo avevo la sua lingua in gola e le sue mani equamente distribuite tra culo e fica. Poco dopo mi presentò il cugino:
“Lui è Alfonso”
“Piacere” dissi, porgendogli la mano.
Dario esplose in una risata e disse che, data la situazione, certi formalismi potevamo abolirli. Spinse, così, Alfonso tra le mie braccia, incitandolo a baciarmi ed a toccarmi dappertutto. Il ragazzotto non se lo fece ripetere due volte ed, improvvisamente, mi ritrovai addosso un polipo sudaticcio ed arrapato.
Terminati i saluti, mi diressi in terrazzo e presentai i due a Salvatore, il quale fece gli onori di casa e, con una gentilezza affettata, disse loro se poteva offrire qualcosa oltre me. I due risero e dissero che avrebbero volentieri bevuto del vino freddo. Salvo ne fece arrivare tre bottiglie. Inutile descrivere la faccia del cameriere quando ce lo servì in terrazza e vide me e gli altri due ospiti nudi che ci slinguazzavamo reciprocamente toccandoci ovunque!
Bevemmo abbondantemente e l’alcol mandò in orbita quello che ancora non era partito. Scopammo per due ore circa.
Inizialmente fu Dario a prendermi nella fica, mentre io spompinavo Alfonso. Poi fu Alfonso ad entrarmi nella fica e Dario a schiaffarmelo in bocca. Infine, cavalcai Alfonso e, da dietro, Dario me lo ficcò tutto violentemente nel culo, facendomi sussultare. Nel frattempo Salvatore si godeva lo spettacolo, di quando in quando dando consigli e seguendo la “regia” di quel triangolo.
Mi sborrarono entrambi in bocca, quasi contemporaneamente e bevvi tutto il loro succo, mentre Salvatore, col telefono cellulare, mi scattava foto.
Dopo il servizietto che Salvatore mi aveva allestito, i due se ne andarono a malincuore ed io mi buttai sotto la doccia. Andammo a cena e, poi, tornai a casa. Sergio non era più uscito con i nostri amici e mi stava aspettando davanti alla televisione con Monica. Entrambi avevano un muso lunghissimo. Salutai frettolosamente e mi diressi in cucina, dove venni raggiunta da Monica che mi disse:
“Senti, io non so dove sei stata e con chi, ma so che non me la bevo la storia della tua amica. Comunque, sono cazzi tuoi. Il problema è che conosci bene Sergio e sai quanto è geloso se una di noi si fa scopare da qualcun altro senza il suo consenso. E’ da oggi pomeriggio che è nervoso ed insopportabile. Abbiamo persino litigato e si è rifiutato di scoparmi. Io non ti copro più, intesi? Ora vai di là, chiarisci con lui e basta”
“Ma io, veramente …” abbozzai un principio di scusa che non proseguii, non trovandone di valide.
Monica mi guardò in attesa che proseguissi e, quando capì che avrei taciuto, disse:
“Appunto!” ed uscì dalla cucina, sbattendo la porta.
Mi diressi da Sergio e gli dissi quanto mi fosse mancato. Non potevo di certo consentirgli di scoparmi, avrebbe sentito quanto erano larghi i miei buchi ed avrebbe capito tutto. Quindi mi inginocchiai davanti a lui, gli slacciai i pantaloni e cominciai a fargli una vigorosa pompa.
“Sei una puttana, lo sai?”
Annuii continuando a ciucciare il cazzo.
“Sei una brutta bagascia bugiarda, ma succhi così bene che ti perdono. Sbrigati, fammi venire e bevi tutto; poi puliscimi il cazzo e vattene di là, perché tra poco inizia il secondo tempo della partita”
Non me lo feci ripetere due volte: del resto non vedevo l’ora di potermene andare in camera mia a dormire. Ciucciai con sempre più ingordigia e lo feci venire subito. Mentre stavo bevendo entrò Monica, che si sedette accanto a Sergio e disse:
“Bene! Adesso spero ti sia calmato; oggi eri insopportabile”
Lo prese, quindi, per mano e si mise a vedere la partita con lui.
Io bevvi lo sperma avidamente, gli ripulii attentamente il cazzo e gli richiusi i pantaloni, congedandomi da entrambi per stanchezza. Nemmeno mi risposero e me ne andai a letto.
Il giorno dopo avevo appuntamento a pranzo con Salvatore, con il quale sarei rimasta fino alle cinque. Sergio aveva da lavorare e, dunque, non mi preoccupai di accampare scuse. Del resto la sera saremmo usciti insieme e, quindi, non c’era nulla di cui preoccuparsi.
Sfortunatamente Sergio non aveva da lavorare, ma aveva detto di doverlo fare per potermi pedinare. Mi seguì nell’hotel di Salvatore e mi vide in piscina con il mio mini mini costume. Io non lo notai e continuai a prendere il sole accanto a Salvo, il quale continuava a toccarmi un po’ ovunque, con scarsissima discrezione. Dopo mangiato Salvatore decise che era arrivato il momento di scoparmi ancora e mi portò in camera, sebbene decise di scoparmi in piedi sul terrazzo che affacciava nel giardino interno dell’hotel. Passavano poche persone di lì, sebbene quelle poche persone ci videro e, ridendo e canzonandomi per la mia mignottaggine, profferirono parole varie al nostro indirizzo:
“Prendila per bene, mi raccomando!”
“Possiamo salire anche noi?”
Eccetera.
In quel mentre, con Salvatore nel culo che mi stantuffava e le sue mani sulle tette, vidi Sergio ed ebbi un sussulto. Salvatore mi chiese cosa stesse accadendo e gli spiegai chi fesse quell’uomo che ci stava guardando.
“Non è possibile!” esclamò. “Non è possibile che tu mi abbia messo in questa situazione imbarazzante. Avevi detto di avere un rapporto aperto. Non pensavo, certo, di dover affrontare le ire di un compagno geloso!” e mi mollò un paio di sonori schiaffoni sulle chiappe. Quindi mi disse di invitarlo su e così feci. Nel frattempo mi fece aprire la porta e riprese ad incularmi. Quando Sergio entrò rimase senza parole. Continuando ad incularmi come niente fosse, Salvatore allungò una mano per presentarsi e disse:
“Mi scuso per la situazione imbarazzante, ma questa troia mi aveva detto di avere una storia aperta , con lei, e, soprattutto, mi aveva detto che lei era al corrente di questi giorni che abbiamo passato insieme”
“No. Non sapevo niente. A quanto mi consta questa grandissima mignotta mi ha detto di dover stare vicino ad un’amica delusa e triste”
Salvatore mi mollò altri schiaffi sul culo facendomi sussultare.
“Non ho parole! Sono davvero dispiaciuto. Appena finisco di scoparmela gliela restituisco subito. Intanto perché non si ordina dello champagne e non si accomoda. Magari può approfittare anche lei: ha ancora due buchi liberi … non come ieri!”
“Ieri?” chiese Sergio sempre più adirato.
“Eh, sì. Ieri si è fatta scopare da due tizi che ha rimorchiato in piscina. Io non potevo scoparmela tre giorni di seguito, sa com’è? Quindi l’ho ceduta a loro che l’hanno aperta davanti e dietro contemporaneamente, prima di venirle in bocca”
Sergio era furioso. Si accostò a noi e mi riempì la faccia di schiaffi.
“Oh sì, sììììì” prese a dire Salvatore. “La gonfi di botte, su! Se le merita, la puttana”
E, poco dopo, mi riempì il culo di sperma. Quando uscì, un po’ di sperma mi colò dal buco del culo e Salvatore, con disprezzo, disse:
“Ormai ce l’ha talmente largo che non tiene più neppure il sugo di un uomo, la troia!”
Nel frattempo Sergio si era eccitato. Chiese a Salvatore se poteva approfittare della stanza e Salvo, naturalmente, acconsentì. Mi fece restare nella stessa posizione: affacciata alla terrazza col culo verso di lui; si sfilò la cinghia dei pantaloni e cominciò a frustarmi a sangue. Ogni tanto mi si piegavano le gambe per il dolore, altre volte mi limitavo a soffocare le urla con la mano tra i denti. Salvatore si era aggiunto con la sua cinghia ed il dolore, ormai, era vicino a farmi svenire. Se ne accorse Sergio, il quale chiese a Salvatore di smettere e mi prese da dietro, sborrandomi, poco dopo, nel culo ed imponendomi di rivestirmi celermente perché saremmo comunque andati al privé dove promise che avrei dato spettacolo di me.
Salutai Salvatore che, perdonatami per le bugie che avevo raccontato, mi slinguazzò a lungo, complice Sergio che attendeva in silenzio accanto alla porta.
“Ci sentiamo via mail, tesoro” mi disse, infine. “Ti manderò anche le foto che ti ho scattato ieri. Nel frattempo continua ad essere una bella troia”
Sergio e Salvatore si salutarono educatamente, quindi. Ed uscimmo di lì.
L’avevo combinata grossa e, forse, mi ero meritata la punizione, ma non avevo potuto farne a meno: ripetere l’esperienza con un cazzo ultrasettantenne era una voglia troppo imperiosa. Me la sono tolta, è vero. Ma ne ho ancora …

Commenti [10]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *